Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è sabato 5 aprile 2016, il sole sorge (a Roma *) alle ore 5 e 45 minuti e tramonta alle ore 18 e 39 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 05/04 del 2011 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * SPEZZATO D'AGNELLO Dosi per 4: 800g di spalla d'agnello, 1/2 kg di cicorielle di campo, 1/2 kg di cardoncelli, 6 carciofi, prezzemolo, aglio, 5 uova, 150g di pecorino, vino bianco secco,olio evoliva,sale,pepe. Pulire. lavare le verdure e lessarle una per volta.Rosolare i pezzi d'agnello nell'olio con l'aglio e sfumare col vino. In una pirofila oliata,mettere a strati verdure,agnello,salare, pepare e cospargere di pecorino. Cuocere 15'sulla fiamma, irrorare con le uova sbattute, pecorino e prezzemolo tritati e farle addensare in forno. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


nomografìa, sf. Procedimento di calcolo grafico che si basa sui monogrammi. 
perciò, cong. Per questo, per la qual cosa. ~ allora, di conseguenza, dunque. 
Sénégal (stato) Repubblica presidenziale dell'Africa occidentale; confina a nord con la Mauritania, a est con il Mali, a sud con la Guinea Bissau e la repubblica di Guinea, a ovest è bagnato dall'oceano Atlantico e circonda con il proprio territorio il Gambia. 
Il territorio è prevalentemente pianeggiante, con coste basse e sabbiose. Formazioni vulcaniche di un certo rilievo si trovano in corrispondenza della penisola del Capo Verde, il punto più occidentale di tutta l'Africa. 
Il grande fiume Senegal scorre a nord, segnando il confine con la Mauritania: nonostante il suo regime sia decisamente incostante, esso è tuttavia interamente navigabile nella stagione delle piogge, costituendo la principale via di penetrazione all'interno del continente dall'oceano. 
Altro fiume importante è il Casamance: scorre all'estremità meridionale del paese ed è anch'esso navigabile per un centinaio di chilometri. 
Il clima varia da nord a sud, soprattutto in rapporto all'intensità delle precipitazioni, a nord scarse e irregolari, a sud più abbondanti. Le temperature sono generalmente elevate, mitigate sulla costa dall'effetto del mare. 
La popolazione è composita: prevalgono i neri sudanesi di varie tribù, come i wolof, i serèr, i toucouleur, i diola; presenti sono anche i fulbe, per lo più nomadi. La maggior densità si registra lungo la costa e nella penisola del Capo Verde. 
La capitale è Dakar, grande centro portuale (il più importante dell'Africa occidentale), nonché centro culturale e amministrativo di rilievo. Alla città tipicamente europea fa riscontro, nella parte più interna, la medina, la sua parte africana, che accoglie la popolazione più emarginata in misere bidonvilles. 
Altri centri di rilievo sono situati lungo la principale linea ferroviaria per il Mali, come Rufisque, Thiès, Kaolack. 
La base dell'economia senegalese è costituita dall'agricoltura: la coltura principale è quella delle arachidi, di cui il Senegal è uno dei principali fornitori. L'attuale tendenza è tuttavia quella di diversificare le varie produzioni agricole e avviare il paese all'autosufficienza alimentare. 
A tale fine si è cercato di valorizzare il fiume Senegal, creando un notevole sistema di irrigazione a beneficio di 400.000 ettari di terreno nel nord del paese. 
Tra le colture alimentari prevalgono i cereali, soprattutto il miglio, seguono manioca, banane, agrumi; tra le colture industriali hanno registrato un sufficiente incremento quelle del cotone e della canna da zucchero. 
Un settore notevole nell'economia del Senegal è quello zootecnico, grazie anche alla vastità delle aree destinate a pascolo su cui il paese può contare. Prevale l'allevamento bovino, ma si contano anche un discreto numero di ovini e caprini. 
Ancora più importante è il settore della pesca, che fornisce un fondamentale elemento dell'alimentazione locale oltre a favorire una fiorente industria conserviera. 
Dakar, in particolare, è uno dei maggiori centri africani per la pesca del tonno. 
Tra le risorse minerarie spiccano i fosfati, con ricchi giacimenti nella zona di Thiès, ma è stata accertata recentemente la presenza di giacimenti petroliferi e di gas naturale. 
L'industria è forse il settore più dinamico: essa si concentra sulle attività manifatturiere, in primo luogo sul settore alimentare, con impianti per la lavorazione delle arachidi, zuccherifici, conservifici, oleifici, cotonifici, calzaturifici, impianti tessili, stabilimenti chimici e petrolchimici. 
STORIA Il paese, popolato fin dalla preistoria, ha conosciuto il passaggio di popolazioni successive. Veri regni si sono costituiti, successivamente e alternativamente, a partire dal IX sec. Il primo regno conosciuto è quello di Tekrur (che prende il nome di Futa nel XIV sec.), progressivamente islamizzato e reso vassallo dal Mali. Nel XIV sec. si costituisce il regno Dyolof. Nel 1456 o 1460 il Capo Verde viene raggiunto dal veneziano Ca' da Mosto per conto del Portogallo, che stabilisce propri insediamenti sulle coste. Nel XVI gli olandesi fondano l'insediamento di Goree. Nel XVII sec. la Francia fonda Saint Louis (1659) e occupa Goree (1677). Nel periodo da 1854 al 1865 il generale Faidherbe porta avanti una politica di espansione. Nel 1857 viene creata Dakar. Tra il 1879 e il 1890, la Francia completa la conquista del paese. Nel 1885, il Senegal, integrato nell'Africa Occidentale Francese, il cui governo generale è stabilito a Dakar, è dotato di uno statuto privilegiato. Gli abitanti dei quattro comuni (Saint Louis, Dakar, Rufusque, Gorée) godono della cittadinanza francese, mentre la colonia è rappresentata da deputati. 
Nel 1958, a seguito di un referendum, il Senegal diventa una repubblica autonoma. Nei due anni successivi forma con il Mali un'effimera federazione. Nel 1960 diventa indipendente e il suo primo presidente è Léopold S. Senghor. Nel 1963 a seguito di disordini, i partiti di opposizione vengono proibiti. Nel 1970 diventa primo ministro Abdou Doiuf. Nel 1976 un emendamento costituzionale istituisce un sistema a tre partiti. A partire dal 1980 si sviluppa un movimento separatista nel Casamance. L'anno successivo, dopo il ritiro di Senghor dal potere, gli succede Abdou Diouf; il multipartitismo viene legalizzato. Il paese forma con il Gambia la confederazione Senegambia (sospesa nel 1989). Dal 1989 scontri interetnici tra senegalesi e mauritani provocano una forte tensione con la Mauritania. Nel 1992 il Senegal ristabilisce le proprie relazioni diplomatiche con la Mauritania. Si sviluppano il movimento separatista del Casamance e l'opposizione sale al potere. 
Abitanti-8.310.000 
Superficie-196.200 km2 
Densità-42,3 ab./km2 
Capitale-Dakar 
Governo-Repubblica presidenziale 
Moneta-Franco CFA 
Lingua-Francese e dialetti sudanesi 
Religione-Musulmana sunnita, cristiana 
vicariàto, sm. Giurisdizione e ufficio di vicario e il territorio sottoposto alla sua giurisdizione. ~ luogotenenza. 
Ucciàlli, trattàto di Trattato stipulato tra l'Italia e il negus d'Etiopia Menelik il 2 maggio 1889 che sanciva l'occupazione italiana dell'Eritrea. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare