Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Blia.it

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate


Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Condividi questa pagina su Facebook 

Condividi su Google Plus

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl


Oggi è mercoledì 27 luglio 2016, il sole sorge (a Roma *) alle ore 4 e 57 minuti e tramonta alle ore 19 e 35 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 27/07 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * SPAGHETTI CON ZUCCHINE Dosi per 4: 350g di spaghetti artigianali, 6-700g di zucchine, 60g di parmigiano grattugiato, 60g di provolone dolce, basilico riccio napoletano a volontà, olio e.v. d'oliva, sale. Tagliare le zucchine a rondelle sottili e friggerle un po' alla volta, facendole dorare; condirle man mano che sono fritte con sale, basilico e scaglie di provolone. Lessare gli spaghetti al dente, scolarli,ma non troppo,e condirli con le zucchine, il parmigiano ed altro basilico.

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


BerlìnoCittà della Germania nordorientale (3.410.000 ab., 883 km2), capitale dello Stato e Stato confederato. Si estende nel territorio del Brandeburgo, solcato dai fiumi Sprea e Havel. La sua felice posizione, agevole da difendere e alla confluenza di vie fluviali, ne ha permesso lo sviluppo sin dal medioevo (XIII sec.), da quando cioè la città è stata fondata. Divenne capitale della marca di Brandeburgo nel 1470. Dopo l'occupazione francese (1806-1808), nel 1870 divenne capitale dell'impero germanico, assumendo le caratteristiche proprie di una metropoli e trasformandosi in centro industriale, economico e finanziario di primaria importanza. Dopo il secondo conflitto mondiale la città, che già si presentava ripartita in quattro settori amministrativi appartenenti ciascuno a una potenza vincitrice (Francia, Gran Bretagna, URSS e USA), venne suddivisa in altri due settori, quello occidentale (sotto la supremazia della Repubblica federale di Germania, divenendo un Land separato dal rimanente territorio) e quello orientale (sotto la Repubblica democratica tedesca, di cui fu capitale dal 1949); i due settori furono separati da un muro eretto nel 1961. Nel 1989 il muro venne abbattuto e le due Germanie poterono essere nuovamente riunite; dopo un periodo di assestamento, nel 1991 la città è tornata a essere la capitale della Germania a tutti gli effetti. L'economia è prevalentemente industriale: vi sono fiorenti industrie meccaniche, elettrotecniche (trasformatori, lampadine e impianti per l'energia), elettroniche, chimiche, dell'abbigliamento, calzaturiere, alimentari, del tabacco; elevate le entrate derivanti dal turismo, dal terziario e dal commercio. Possedeva svariati monumenti che per la maggior parte sono stati distrutti nel corso della seconda guerra mondiale; si ricordano il castello Reale, ritoccato da A. Schlüter, il Teatro dell'Opera di G. W. Knobelsdorff, la porta di Brandeburgo di C. G. Langhans, la Neue Wache di C. F. Schinkel, il palazzo del Reichstag, il duomo, oltre a vari istituti culturali (università Federico Guglielmo, ora W. von Humboldt, il Conservatorio e l'Accademia di Belle Arti), teatri e musei. 
Trattati, congressi, conferenze 
Trattato del 1742. Pose fine alla prima guerra di Slesia tra Austria e Prussia. 
Congresso del 1878. La circostanza vide Austria, Francia, Inghilterra, Italia e Prussia raccolte attorno allo stesso tavolo per stabilire l'ordine dell'Europa balcanica invasa dalla Russia dopo la vittoria contro i turchi. Bulgaria e Rumelia furono dichiarate stati autonomi, sudditi della Turchia. Si riconobbe l'indipendenza di Serbia, Romania, Montenegro; all'Austria andò l'amministrazione della Bosnia Erzegovina, alla Russia quella della Bessarabia e all'Inghilterra l'isola di Cipro. 
Conferenza per il Congo del 1884-1885. Riconobbe la divisione dei territori coloniali in base alla reale occupazione degli stessi; fu seguita dalle lotte per la ripartizione dell'Africa tra le potenze europee. 
Trattato del 1926. Concluso tra Germania e Repubblica dei Soviet, prevedeva la non aggressione e la reciproca neutralità tra gli stipulanti. 
Trattato del 1939. Firmato da G. G. Ciano, per l'Italia, e da J. von Ribbentrop, per la Germania, dava luogo al cosiddetto Patto d'acciaio, un'alleanza politico militare tra i due Paesi. 
Ciriè Comune in provincia di Torino (18.151 ab., CAP 10073, TEL. 011). Località agricola (coltivazione di foraggi e cereali) e industriale (prodotti tessili, chimici, della gomma e meccanici). Vi si trovano la chiesa di San Martino di Liramo, in stile romanico, e il duomo del XIV sec. Gli abitanti sono detti Ciriacesi
Clinton, William Jefferson Blite IV (Hope 1946-) detto Bill. Politico statunitense. Nelle file del partito democratico fu eletto governatore dell'Arkansas nel 1982 e dieci anni dopo sconfisse G. Bush e divenne il quarantatreesimo presidente degli Stati Uniti. In politica estera si è impegnato nella difesa della pace, mentre in quella interna ha difeso lo stato sociale dall'attacco dei conservatori. Nel 1996 è stato rieletto. Coinvolto in diversi scandali a sfondo sessuale, ha evitato l'impeachment (incriminazione) richiesto dai suoi avversari politici. 
idiotìpo, sm. Categoria di antigeni specifici per le molecole anticorpali prodotte da una sola popolazione di cellule che formano immuno-globuline. 
Michelùcci, Giovànni (Pistoia 1891-Firenze 1990) Architetto. Tra le opere la stazione di Santa Maria Novella a Firenze (1933-1935) e la chiesa di San Giovanni Battista sull'autostrada del Sole a Firenze (1960-1964). 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare