Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è mercoledì 24 maggio 2017, il sole sorge (a Roma *) alle ore 4 e 40 minuti e tramonta alle ore 19 e 33 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 24/05 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * LINGUA DI VITELLO MARINATA Dosi per 4: 1 lingua di vitello, aceto di vino bianco, vino bianco secco (tipo Arneis), 1 cipolla dolce di Certaldo, sedano, carota, salvia, rosmarino, erba cipollina, alloro freschi, olio e.v. d'oliva di gusto delicto, sale, pepe. Bollire la lingua per 1h e 1/2 tuffandola in acqua bollente salata.Far stiepidire. Preparare una marinata brasando cipolla, sedano, carota, finemente tritati, nell'olio, sfumare col vino e, una volta ristretto, con l'aceto. Far ridurre ed unire aromi, sale, pepe. Servire la marinata tiepida sulla lingua a fettine. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


Certosa di Parma, La Romanzo di Stendhal (1839). Un giovane nobile milanese, Fabrizio Del Dongo, figlio di un luogotenente francese dell'esercito napoleonico e di una nobile italiana, marchesa Del Dongo, vissuto in un ambiente familiare chiuso e autoritario, sogna la gloria e la libertà. Durante i Cento giorni di Napoleone, smania di unirsi all'esercito francese. Sua zia Gina Del Dongo Pietranera, anima generosa e romantica, l'aiuta a fuggire di casa per realizzare il progetto. La battaglia di Waterloo conclude bruscamente l'avventura napoleonica. Gli entusiasmi per Napoleone diventano sospetti dopo la sua caduta: anche il padre, filoaustriaco, gli è ormai apertamente ostile. Fabrizio si rifugia alla corte di Parma e inizia gli studi di teologia, senza rinunciare alle avventure amorose. A seguito di un duello nel quale ha ucciso l'attore Gilletti, viene imprigionato; con l'aiuto della zia e di Clelia, figlia del governatore della fortezza, innamoratasi di lui, riesce a evadere. Ma la sventura è in agguato: Clelia muore improvvisamente. Fabrizio si ritira nella Certosa di Parma, dove si spegnerà poco tempo dopo. L'opera è considera il capolavoro di Stendhal. È stata portata sullo schermo da Christian-Jacque nel 1947. 
corrùccio, sm. Sentimento di ira, dolore. ~ risentimento. 
eugàneo, agg. e sm. agg. Che si riferisce a un'antica popolazione che abitava l'odierno Veneto. 
agg. e sm. Che, chi apparteneva alla popolazione euganea. 
marli, sf. invar. Termine francese che indica, nell'arte ceramica e in oreficeria, il bordo interno in rilievo, spesso decorato, di un vassoio o di un piatto. 
moschèa, sf. Edificio di culto musulmano. La costruzione deriva dalla casa di Maometto a Medina ed era inizialmente costituita da un'ampia sala divisa in navate. Dopo la conquista di Costantinopoli, lo schema della costruzione fu modificato, trasformandosi nella moschea a chiosco, un edificio a pianta centrale, coperto da cupole e circondato da vari edifici. Gli elementi che caratterizzano una moschea sono i minareti, la nicchia che permette di conoscere la direzione di La Mecca e il pulpito. Centro della vita sociale islamica, è spesso sede di insegnamento religioso. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare