Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è mercoledì 25 maggio 2017, il sole sorge (a Roma *) alle ore 4 e 39 minuti e tramonta alle ore 19 e 33 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 25/05 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * TERRINA DI VERDURE Dosi per 4: 1 mazzo di cipollotti, 400g di zucchine, 300g di taccole, fiori di zucca, 2 patate, 200g di cuori di carciofi, 200g di piselli sgranati, 6 uova, parmigiano grattugiato, aglio fresco schiacciato, basilico, prezzemolo, mentuccia,olio evo,farina, sale, pepe. Brasare nell'olio i cipollotti tritati, poi le verdure a pezzi. Mescolare tra loro uova, parmigiano, sale, pepe, un po' di farina, erbette tritate, aglio schiacciato ed amalgamare alle verdure. Versare in uno stampo oliato, coprire con un foglio d'alluminio bucherellato. Cuocere in forno a 180°C. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


Èra Principale divinità dell'Olimpo greco, figlia di Crono e Rea, sorella e sposa di Zeus. Fu venerata come dea del cielo e rappresentò la divinità protettrice della vita matrimoniale, della fedeltà e del parto. Dai romani venne identificata con Giunone. 
ingènuo, agg. 1 Privo di malizia; innocente. ~ candido. <> malizioso, smaliziato. era ingenuo come un bimbo. 2 Poco furbo, poco accorto; credulone, sprovveduto. ~ sempliciotto. <> astuto. si era fatto abbindolare come un ingenuo. 3 Che rivela ingenuità. <> avveduto. certe domande ingenue erano irritanti
poèma, sm. (pl.-i) 1 Composizione poetica caratterizzata generalmente da una notevole lunghezza e da una trama narrativa; a seconda dei temi trattati, si distinguono poemi epici, cavallereschi, didascalici, storici, eroicomici. ~ cantico, canto. 2 Scritto prolisso. 
square, sf. invar. Piazza di forma quadrangolare. 
Urbìno Città delle Marche (comune 15.000 ab., CAP 61029, TEL. 0722) posta su due alture tra le valli del Metauro e del Foglia a sud-ovest di Pesaro, con la quale forma la provincia di Pesaro e Urbino. È un importante centro artistico, commerciale, culturale (università fondata nel 1506) e turistico. Ha industrie tessili, del mobile, dell'abbigliamento, poligrafiche e delle materie plastiche. Artigianato della maiolica, del legno e del ferro battuto. Città di origine romana, divenne nel XII sec. feudo dei Montefeltro, i quali nel 1443 ottennero dal papa il titolo di duchi. Raggiunse il suo massimo splendore sotto Federico II (1422-1482), con i duchi Federico e Guidobaldo, divenendo punto d'incontro dei maggiori artisti e letterati del rinascimento. Nel 1508 passò ai Della Rovere, che rimasero fino al 1631, anno in cui il ducato passò alla chiesa che lo conservò, eccetto che per un periodo in cui fu dominio dalla Francia (1797-1815), fino al 1860, quando fu annessa all'Italia. Conserva la struttura urbanistica rinascimentale e la cinta muraria. Tra i monumenti vi sono il palazzo Ducale (XV sec.), eseguito su un progetto del Laurentana e sede della Galleria Nazionale delle Marche, l'oratorio di San Giovanni Battista (XIV sec.), la chiesa gotica di San Domenico (XIV sec.) e il duomo (XVIII sec.). 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare