Blia.it NON utilizza cookie proprietari (v. informativa)
Blia.it


Oggi è domenica 25 maggio 2017, il sole sorge (a Roma *) alle ore 4 e 39 minuti e tramonta alle ore 19 e 33 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Ricorrenze (da Wikipedia)

Nati

Le prime pagine dei quotidiani CORRIERE DELLA SERA, GIORNALE, MESSAGGERO, REPUBBLICA, SOLE 24 ORE, STAMPA, UNITA`, del giorno 25/05 del 2010 2011 2012 2013

Un piatto al giorno (dal Televideo RAI)

* * TERRINA DI VERDURE Dosi per 4: 1 mazzo di cipollotti, 400g di zucchine, 300g di taccole, fiori di zucca, 2 patate, 200g di cuori di carciofi, 200g di piselli sgranati, 6 uova, parmigiano grattugiato, aglio fresco schiacciato, basilico, prezzemolo, mentuccia,olio evo,farina, sale, pepe. Brasare nell'olio i cipollotti tritati, poi le verdure a pezzi. Mescolare tra loro uova, parmigiano, sale, pepe, un po' di farina, erbette tritate, aglio schiacciato ed amalgamare alle verdure. Versare in uno stampo oliato, coprire con un foglio d'alluminio bucherellato. Cuocere in forno a 180°C. pagina=578">578 Cucina pagina=580">580 Sapori ritrovati

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia


aprìre, v. v. tr. 1 Schiudere. ~ spalancare. <> chiudere. aprire gli occhi, guardare la realtà; non aprir bocca, non dire una parola; aprire le braccia sconsolato, rassegnarsi. 2 Istituire una scuola. ~ fondare. <> chiudere. 3 Praticare un'apertura. aprire un varco. 4 Stappare. ~ sturare. <> tappare. 5 Spaccare. ~ squarciare. 6 Slacciare un vestito. ~ sbottonare. <> allacciare. 7 Iniziare un dialogo. ~ instaurare. 8 Accendere. ~ attaccare. <> spegnere. 9 Allargare. <> stringere. 
v. intr. pron. o rifl. 1 Spaccarsi. ~ rompersi. 2 Sbocciare. ~ fiorire. 3 Schiudersi. ~ disserrarsi. mi si apre il cuore, mi intenerisco. 4 Confidarsi. ~ sfogarsi. <> tacere. 5 Rasserenarsi. <> annuvolarsi. 
Cuyuni Fiume (560 km) dell'America Meridionale. Nasce in Venezuela, confluisce nell'Essequibo. 
Gonzàga (famiglia) Nobile famiglia proveniente dal paese omonimo, situato nel mantovano. A partire dal XII sec. si stabilì a Mantova, acquistando importanza economica e politica sempre maggiore. La signoria su Mantova ebbe origine con Luigi (1278-1360) che rovesciò la dinastia di Passerino Bonacolsi, ottenendo la nomina a capitano generale della città. Gli succedettero, con lo stesso titolo, Guido, Ludovico e Francesco I, che riconobbero la supremazia dei Visconti. Gianfrancesco (1407-1444) ottenuto il titolo di marchese di Mantova nel 1432, mantenne un atteggiamento politico di equilibrio fra Milano e Venezia. Il successore, Ludovico III (1414-1478) si riavvicinò alla corte pontificia nella dieta di Mantova (1459). Il prestigio della famiglia e la potenza dello stato aumentarono con Francesco II (1484-1519) che sposò Isabella d'Este, facendo del suo marchesato un centro culturale vivissimo e di grande importanza. Federico II (1519-1540) schieratosi dalla parte dell'imperatore Carlo V, ottenne il titolo ducale per Mantova (1530) e il marchesato del Monferrato (1536). Gli succedettero Francesco III e Guglielmo (1550-1587) che elevò a ducato anche il marchesato del Monferrato. Vincenzo I (1587-1612) combinò il matrimonio del figlio Francesco con Margherita, figlia di Carlo Emanuele I di Savoia, per risolvere la questione del Monferrato a cui aspiravano anche i Savoia. Essendo il successore Ferdinando senza eredi e data l'importanza strategica del ducato, la successione divenne un problema europeo. Fu designato nel 1625 come suo successore Carlo di Rethel, del ramo Gonzaga Nevers, appoggiato dalla Francia. Contrastato dai Savoia e dall'impero, Carlo di Nevers combatté nella guerra del Monferrato, che si concluse con la pace di Cherasco (1631) per la quale Carlo I divenne signore di Mantova e del Monferrato e i Savoia ottennero parte del territorio con le città di Alba e di Trino. A lui succedettero Carlo II e Ferdinando Carlo (1652-1708) che per la sua politica filofrancese fu deposto dall'esercito imperiale il quale annetté Mantova cedendo il Monferrato ai Savoia. 
lustratùra, sf. Atto, effetto del lustrare. 
polisintètico, agg. (pl. m.-ci) Che ha origine dall'associazione di più elementi. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare