Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Blia.it

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate


Blia.it

Novità del sito: Calcolo rata teorica di una rendita vitalizia differita

  

Condividi questa pagina su Facebook 

Condividi su Google Plus

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

duràre, v. v. tr. Resistere, sopportare. 
v. intr. 1 Continuare a sussistere, a essere; conservarsi, resistere. ~ mantenersi. <> spegnersi, cessare. 2 Protrarsi nel tempo. ~ prolungarsi. <> arrestarsi, fermarsi. 3 Continuare nell'azione. ~ persistere. <> smettere. 4 Ostinarsi. ~ perseverare. 
Duras, Marguerite (Saigon 1914-Parigi 1996) Pseudonimo di Marguerite Donnadieu, scrittrice francese. Partecipò alla resistenza; nel dopoguerra entrò a far parte del partito comunista, ma ne fu espulsa nel 1950. La sua opera migliore è India Song (1973). Tra le altre opere Moderato cantabile (1958), L'amante (1984), La vita materiale (1987), Emily L. (1988), C'est tout (1995). 
duràta, sf. 1 Il durare. 2 Il tempo che una cosa dura. ~ periodo, vigore, decorso. 
duratùro, agg. Destinato a durare. ~ durevole. <> fuggevole, effimero. 
Durazzàno Comune in provincia di Benevento (1.913 ab., CAP 82015, TEL. 0823). 
Duràzzo Città dell'Albania (79.000 ab.), capoluogo del distretto omonimo, si affaccia sul mar Adriatico. È il principale porto del paese e possiede industrie meccaniche e alimentari e un fiorente mercato agricolo e del bestiame. Conserva alcuni tratti delle mura romane e alcune moschee. Originariamente greca, fu poi romana e bizantina, prima di passare ai veneziani nel XIV sec. Nel 1501 fu conquistata dai turchi che la controllarono fino al 1912. 
Duchi di Durazzo 
Ramo della casa d'Angiò di Napoli. Dopo l'estinzione del ramo principale, salirono al trono di Napoli con Carlo III, Ladislao e Giovanna II, con la quale si estinse la dinastia. 
Durban Città della Repubblica sudafricana (982.000 ab.), si trova nella provincia del Natal, sull'oceano Indiano. Il suo porto è lo sbocco naturale del distretto minerario e industriale del Witwatersrand (oro, carbone, manganese e cromo). Altre industrie sono quelle alimentari, tessili e meccaniche. Sviluppato il turismo; è sede di una famosa università. 
Dürer, Albrecht (Norinberga 1471-1528) Pittore e incisore tedesco, fuse l'intensità espressiva tardogotica e il minuzioso realismo fiammingo. In Italia fu vicino al rinascimento. Tra le sue opere, Autoritratto con i guanti, Adorazione dei Magi. I suoi capolavori riguardano l'incisione xilografica (Apocalisse) e a bulino (Melancholia). 
durévole, agg. Che durerà a lungo. ~ durevole. <> precario, effimero. 
durevolézza, sf. Di materiali, che non si deteriorano facilmente. 
durézza, sf. 1 Stato di tutto ciò che è duro. ~ resistenza, ostinazione. <> duttilità, malleabilità. 2 Tenore complessivo dei sali di calcio e magnesio disciolti nelle acque (in genere espresso come n° di mg di sali di calcio e magnesio presenti in 1 litro d'acqua). 3 Asprezza, rigidità di modi. ~ crudezza. <> cedevolezza. 4 Spigolo. 
Durgapur Città (416.000 ab.) dell'India, nello stato del Bengala Occidentale. 
Durham Contea (607.000 ab.) della Gran Bretagna. Capoluogo Darlington. 
Dùride (Fine del VI sec.-metà del V sec. a. C.) Ceramista greco. Tra le opere Coppa con Eos e Memnone (Parigi, Louvre). 
durìte, sf., o duràno, sm. Uno dei principali costituenti del carbone; è compatto ed è caratterizzato dall'aspetto opaco della frattura. 
dùrium, sm. Nome commerciale di una plastica sintetica con cui si fanno i dischi fonografici. 
Durkheim, Émile (Épinal 1858-Parigi 1917) Sociologo francese, fu l'iniziatore della nuova sociologia empirica, mirante allo studio dei rapporti tra individuo e collettività e le cause sociali del suicidio. Fu direttore de L'année sociologique dal 1896 al 1912. Tra le altre opere, Il suicidio, Le regole del metodo sociologico e L'educazione morale, pubblicata postuma (1925). 
durlindàna, sf. Spada in genere. 
Durmitor Vetta (2.522 m) della Federazione iugoslava. La più elevata del Montenegro, nelle Alpi Dinariche. 
dùro, agg., avv. e sm. agg. 1 Che si scalfisce difficilmente, che resiste alla pressione, che non cede. ~ resistente, solido, robusto. <> delicato, fragile. avere la pelle dura, essere coriaceo. 2 Spiacevole, difficile. ~ gravoso. <> facile, leggero. è duro partire per l'esilio. 3 Insensibile. ~ crudele. <> buono, pietoso. avere il cuore duro. 4 Rigido, severo. ~ austero. aveva dei duri modi per far apprendere i concetti. 5 Privo di grazia. dire a muso duro, senza tanti complimenti. 6 Di pane, non fresco. 7 Di acqua, calcarea. 8 Di carne, tigliosa. 9 Ispido. aveva la barba molto dura. 
avv. 1 Con severità, con asprezza. 2 Profondamente. 
sm. 1 Oggetto duro; superficie dura. 2 Persona che mostra decisione e coraggio. è un duro nel suo lavoro. 
<< indice >>