Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

metanauplius, sm. invar. Secondo stadio larvale dei Crostacei, dopo il nauplio, nel quale si ha un allungamento del corpo dalla parte della coda con la formazione di nuovi segmenti, la delimitazione dei segmenti già presenti e dalla comparsa di nuove paia di appendici. 
metanièro, agg. Relativo all'estrazione e alla produzione del metano. 
metanìfero, agg. Che produce metano. 
metanizzàre, v. tr. Dotare di una rete di distribuzione di gas metano. 
metanizzazióne, sf. Il processo del metanizzare. 
metàno, sm. Primo termine della serie degli alcani (CH4) è il più semplice degli idrocarburi. Gas incolore e inodore, con punto di ebollizione-161,5 °C, fu scoperto da A. Volta nel gas sprigionato dal fondo delle paludi. La produzione industriale avviene per raffinazione del metano dagli altri gas contenuti in giacimenti sotterranei. Il metano è utilizzato come fonte di energia termica, ad alto potere calorifico (11.000 kcal/m3) e nell'industria chimica per la produzione di composti chimici. 
metanodòtto, sm. Conduttura per trasportare il metano lontano dal suo luogo di produzione. 
metanòlo, sm. Alcool metilico (CH3OH) scoperto nei prodotti della distillazione del legno. Viene sintetizzato da ossido di carbonio e idrogeno. Incolore, infiammabile e tossico, trova largo uso come solvente e anticongelante. È materia base per la produzione della formaldeide. 
metaplàsma, sm. (pl.-i) Sostanza elaborata dalle cellule, presente nei tessuti connettivi. 
Metapònto Località (1.110 ab.) in provincia di Matera, sulla costa del golfo di Taranto. Fu fondata dagli achei nell'VIII sec. a. C. e divenne riferimento culturale per la diffusione del pensiero di Pitagora. Nella guerra contro Pirro fu alleata di Roma, ma, per aver ospitato le truppe di Annibale, fu distrutta nel 207 a. C. Importanti i resti archeologici del tempio dorico (VI sec. a. C.) detto delle Tavole Palatine, dei templi di Apollo Licio, Era e Afrodite (V e IV sec. a. C.) e delle necropoli. 
metapsìchica, sf. (pl.-che) Disciplina che studia i fenomeni psichici extranormali. 
metapsìchico, agg. (pl. m.-ci) Relativo alla metapsichica. 
metapsicologìa, sf. L'aspetto più teorico della psicologia freudiana, consistente nell'elaborazione di un insieme di modelli che illustrino le funzioni psichiche nelle loro relazioni economiche, dinamiche e topiche. 
metascìsto, sm. Roccia metamorfica derivata da rocce sedimentarie che sono state a loro volta iniettate da messa magmatiche. 
metasomatìsmo, sm. Fenomeno di formazione di una roccia ottenuta per ricristallizzazioni e cambiamenti nella composizione chimica e mineralogica. 
metàstasi, sf. invar. Migrazione di uno stato patologico, infettivo o tumorale, da una parte all'altra dell'organismo, con formazione di un processo patologico secondario. In particolare, nel caso di tumori maligni, la possibilità di generare metastasi è caratteristica della malignità del tumore stesso. La migrazione delle cellule avviene in modo diverso a seconda del tipo di tumore: nei tumori epiteliali la migrazione ha inizio attraverso la via linfatica e prosegue poi per via ematica, mentre nei tumori connettivali avviene direttamente per via ematica. 
Metastàsio, Piètro (Roma 1698-Vienna 1782) Nome grecizzato di Pietro Trapassi. Poeta e drammaturgo. Studiò con G. V. Gravina e G. Caloprese e diventò tra i principali esponenti dell'Arcadia (1718). Trasferitosi a Napoli frequentò il salotto della cantante Marianna Benti Bulgarelli dove conobbe i più importanti musicisti contemporanei: G. B. Pergolesi, A. Scarlatti e N. Porpora. Divenuto famoso fu chiamato alla corte di Vienna nel 1730 da Carlo VI e ottenne il titolo di poeta cesareo. È noto soprattutto per i melodrammi, musicati da tutti i maggiori musicisti dell'epoca, nei quali l'ispirazione patetica è espressione della società contemporanea. Le opere principali sono i melodrammi Didone abbandonata (1724), Siroe (1726), Semiramide riconosciuta (1729), Artaserse (1730), Demetrio (1731), Adriano in Siria (1732), Olimpiade (1733), La clemenza di Tito (1734), Temistocle (1736), Attilio Regolo (1740), Il re pastore (1751). Scrisse anche alcune opere sulla teoria dell'arte teatrale (Estratto dell'Arte poetica di Aristotele, 1780 e Osservazioni sul teatro greco), nonché alcune canzonette (La libertÓ, 1733 e La partenza, 1746). 
metastàtico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a metastasi. 
metastatizzàre, v. intr. Riproduzione, diffusione per metastasi. 
metastòria, sf. invar. La sfera di ciò che rimane costante nel fluire della storia. 
<< indice >>