Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

Pàolo Diàcono (Cividale del Friuli ca. 720-Montecassino 799) Storico e grammatico longobardo. Dal 782 al 786 fu maestro di grammatica alla corte di Carlo Magno. Nel 787 si ritirò nell'abbazia di Montecassino. Tra le opere sono da ricordare la Expositio super Regulam sancti Benedicti e la Historia Langobardorum che narra la storia dei longobardi dalle origini al re Liutprando. L'opera, notevole per la ricchezza di materiale documentario, intende affermare la continuità tra il mondo latino e la nuova cultura germanica. 
Paolo e Virginia Romanzo di J. H. Bernardin de Saint Pierre (1788). L'opera costituisce il quarto volume degli Studi della natura con i quali l'autore intende dimostrare la perfezione della natura e la bontà originaria dell'uomo. È ambientata nell'isola Mauritius nell'oceano indiano. Paolo e Virginia sono due adolescenti coetanei che vivono felici nell'isola. L'idillio si incrina nel momento in cui il governatore dell'isola invita Virginia a partire per la Francia per raggiungere una zia che vuole darle un'istruzione adeguata per poi lasciarle in eredità i suoi beni. Virginia obbedisce, Paolo è sconvolto dal dolore. La tragedia si consuma al ritorno, quando Virginia, che non ha resistito alla nostalgia, muore sotto gli occhi di Paolo nel naufragio della nave che la riporta dalla Francia. Paolo muore a sua volta per la disperazione della perdita. 
Paolo e Virginia Romanzo di J. H. Bernardin de Saint Pierre (1788). L'opera costituisce il quarto volume degli Studi della natura con i quali l'autore intende dimostrare la perfezione della natura e la bontà originaria dell'uomo. È ambientata nell'isola Mauritius nell'oceano indiano. Paolo e Virginia sono due adolescenti coetanei che vivono felici nell'isola. L'idillio si incrina nel momento in cui il governatore dell'isola invita Virginia a partire per la Francia per raggiungere una zia che vuole darle un'istruzione adeguata per poi lasciarle in eredità i suoi beni. Virginia obbedisce, Paolo è sconvolto dal dolore. La tragedia si consuma al ritorno, quando Virginia, che non ha resistito alla nostalgia, muore sotto gli occhi di Paolo nel naufragio della nave che la riporta dalla Francia. Paolo muore a sua volta per la disperazione della perdita. 
Pàolo Lùcio Emìlio (?-216 a. C.) Politico romano. Nel 216 fu console insieme a G. Terenzio Varrone. Perì a Canne, combattendo contro Annibale. 
Paolo Lucio Emilio 
(228?-160 a. C.) Figlio dell'omonimo e padre di Scipione Emiliano, fu console nel 182. Sconfisse i liguri ingauni e nel 178 vinse la terza guerra macedonica, battendo Perseo a Pidna. 
Pàolo Uccèllo (Pratovecchio 1397-Firenze 1475) Paolo di Dono, detto Paolo Uccello, pittore del Quattrocento fiorentino. Operò per breve tempo a Padova e a Urbino, poi passò a Firenze. Dopo anni di solitaria ricerca, giunse alla creazione di un'originale pittura che si esprime attraverso le deformazioni prospettiche e le figure sviluppate in schemi geometrici semplici. Scarsamente seguito dai contemporanei, tranne dal giovane Piero della Francesca, ha raccolto entusiastici consensi solo in questo secolo, vicinissimo spiritualmente alle stilizzazioni della pittura contemporanea. Fu aiuto del Ghiberti nella realizzazione della seconda porta del battistero di Firenze. Tra le opere, la Genesi (Firenze), il monumento equestre a Giovanni Acuto (1436, Firenze, Santa Maria del Fiore), la Battaglia di San Romano (1456, opera in tre pannelli, conservati rispettivamente a: Firenze, Uffizi; Parigi, Louvre; Londra, National Gallery), Caccia notturna (dopo il 1460, Oxford, Ashmolean Museum). 
Pàolo Veneziàno (Venezia not. ca. 1320-1362) Pittore. Tra le opere Incoronazione della Vergine (1324, Washington, National Gallery) e Dormitio Virginis (1333, Vicenza, Museo Civico). 
Paolòzzi, Eduàrdo (Edimburgo 1924-) Scultore inglese di origine italiana. Tra le opere I was a rich man's plaything (1947, Londra, Tate Gallery). 
paonàzzo, agg. e sm. agg. Che ha colore bluastro o violaceo. 
sm. Il colore paonazzo. 
paonàzzo, agg. e sm. agg. Che ha colore bluastro o violaceo. 
sm. Il colore paonazzo. 
papà, sm. Padre. ~ babbo. 
pàpa, sm. (pl. i) Capo della chiesa cattolica e vescovo di Roma, vicario di Cristo in Terra, successore di Pietro. ~ pontefice, santo padre. 
Papà cerca moglie Film commedia, americano (1933). Regia di Normann Taurog. Interpreti: Maurice Chevalier, Helen Twelvetrees, Baby Le Roy. Titolo originale: A Bedtime Story 
Papà è in viaggio d'affari Film commedia, jugoslavo (1985). Regia di Emir Kusturica. Interpreti: Miki Manojlovic, Mirjana Karanovic, Moreno De Bartoli. Titolo originale: Otac na sluzbenom putu 
Papà gambalunga Film musicale, americano (1955). Regia di Jean Negulesco. Interpreti: Fred Astaire, Leslie Caron, Terry Moore. Titolo originale: Daddy Longlegs 
Papà Goriot Romanzo di H. de Balzac (1834). L'opera fa parte del ciclo La commedia umana. La descrizione minuziosa della pensione Vauquer, nella quale Papà Goriot, ex fabbricante di spaghetti, si è ritirato dopo aver sistemato le sue due figlie, Delphine e Anastasie, crea l'atmosfera dei drammi che vi si svolgeranno. Nella squallida pensione vivono, insieme a Papà Goriot, uno studente, Eugène de Rastignac, e Vautrin, che si saprà poi essere un evaso. Papà Goriot vede raramente le figlie, sposate entrambe a personaggi nobili. Esse vengono da lui solo per farsi dare denaro, tanto che, a poco a poco, si è ridotto in povertà per soddisfare i loro capricci. Morirà senza aver rivisto le figlie, recatesi a un ballo. È uno dei più noti romanzi del ciclo, che rientra nelle Scene della vita parigina. Balzac descrive con estrema minuzia il quartiere, l'edificio, l'interno nel quale vivono i suoi eroi; si interessa alle cose in modo appassionato e attribuisce loro una vita intensa. Il lettore si trova davanti le descrizioni che preparano il racconto, come altrettanti documenti. I personaggi della pensione, gli ambienti e i comportamenti che ruotano intorno alle due figlie di Goriot presentano un campionario di arrivisti senza scrupoli e senza morale, ai quali fa riscontro il dramma domestico del padre. Con un'implicita condanna. 
Papà prende moglie Film commedia, americano (1941). Regia di Jack Hively. Interpreti: Gloria Swanson, Adolphe Menjou, John Howard. Titolo originale: Father Takes a Wife 
Pàpa, mónte dél Vetta (2.005 m) più elevata del massiccio del monte Sirino, nell'Appennino Lucano, in provincia di Potenza. 
papàbile, agg. 1 Cardinale con probabilità di essere eletto papa. 2 Di persona tra i favoriti a ricoprire una carica. ~ eleggibile, nominabile. 
Papad´ki, Eléni (Atene 1908-1944) Attrice greca. Fin da giovane rivelò un profondo interesse per ogni forma artistica, in particolare per la letteratura e per la musica. Dedicatasi al teatro di prosa, eccelse soprattutto interpretando testi di L. Pirandello. Famose sono le sue interpretazioni di ruoli tragici, che l'hanno resa popolarissima nel teatro ateniese. Tra le sue interpretazioni: Cosė č (se vi pare) e Sei personaggi in cerca d'autore (1925). 
Papadiamandis, Alexandros (Skiathos, Isole Sporadi 1851-1911) Narratore greco. Tra le opere L'assassina (1903). 
<< indice >>