Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl


Oggi è mercoledì 16 giugno 2016, il sole sorge (a Roma *) alle ore 4 e 33 minuti e tramonta alle ore 19 e 48 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia

elettroscòpio, sm. Dispositivo che serve per indicare se un corpo è elettrizzato o no. Fu inventato nel 1747 dal fisico francese Antoine Nollet. 
eosinòfili, sm. plur. Varietà di globuli bianchi (granulociti) la cui funzione è di limitare numerose attività fisiologiche e patologiche attraverso la liberazione di sostanze che, se prodotte in quantità eccessive, possono danneggiare i tessuti. Costituiscono il 2-4 % del totale dei leucociti e misurano 10-13 mm di diametro. 
stivaménto, sm. Lo stivare e l'effetto. 
Veronése Paolo Caliari, detto, dal luogo di origine, Veronese (Verona 1528-Venezia 1588) Pittore italiano. Fu allievo del pittore A. Badile, del quale sposò la figlia Elena nel 1566. Fu attivo a Castelfranco (1551), a Mantova (1552), a Verona, a Padova, a Vicenza e soprattutto a Venezia (nel 1553 e poi dal 1556). Il suo primo lavoro importante furono le tele per la sala del Consiglio dei Dieci nel palazzo Ducale di Venezia (1553). Si formò a contatto del manierismo romano ed emiliano e fu influenzato dalla scuola veneta. Elaborò uno stile originale in cui si fondevano il decorativismo rinascimentale e il colorismo veneto. Tra le opere, sono da ricordare: la Pala Giustiniani (1554, Venezia, chiesa di San Francesco della Vigna), l'Incoronazione di Maria, gli Evangelisti, le Storie di Ester, le Storie del martirio di San Sebastiano, la Madonna in gloria con San Sebastiano e altri santi, nella chiesa di San Sebastiano a Venezia, la Pala di San Zaccaria (1562, Venezia, Galleria dell'Accademia), il Martirio di Santa Giustina (Padova, Museo Civico), l'Adorazione dei Magi (Londra, National Gallery), Dario e la famiglia di Alessandro (Londra, National Gallery), le Virtù e le Allegorie di Venezia (1575-1577, Venezia, soffitto del palazzo Ducale), il Trionfo di Venezia (Venezia, sala del Maggior Consiglio), le Nozze mistiche di Santa Caterina (1575, Venezia, Galleria dell'Accademia), le Allegorie d'Amore (1580, Londra, National Gallery), gli Amori di Venere e Marte (New York, Metropolitan Museum; Torino, Galleria Sabauda), Venere e Adone (Madrid, Museo del Prado), il Ritrovamento di Mosè (Madrid, Museo del Prado), le Orazione nell'Orto (Milano, Pinacoteca di Brera), Lucrezia (Vienna, Kunsthistorisches Museum). Sono da ricordare anche i ritratti: Coniugi Da Porto (Firenze, collezione Contini Bonacossi), Famiglia Cuccina (1571, Dresda, Gemäldegalerie), Ritratto di famiglia (Sarasota, Florida, Ringling Museum of Art). Uno dei soggetti favoriti del pittore furono le cene. Una di esse nel 1573 gli procurò qualche fastidio con l'inquisizione per l'estrema libertà di interpretazione adottata. Per fortuna, la pena fu lieve (qualche correzione al quadro e il cambiamento del titolo, che da Ultima Cena divenne Festino in casa Levi). Si citano, tra le altre, la Cena di Emmaus (Parigi, Louvre), la Cena in casa di Simone (1560, Torino, Galleria Sabauda), la Cena in casa di Simone (Milano, Pinacoteca di Brera), le Nozze di Cana (1563, Parigi, Louvre). Dipinse anche numerosi affreschi in ville venete, tra i quali sono da ricordare quelli della villa costruita dal Palladio per i fratelli Marcantonio e Daniele Barbaro a Masèr, presso Treviso. In essa Veronese creò l'illusione di spazi aperti, che si fondono con i paesaggi esterni. 
habemus papam, o habemus pontificem, loc. avv. Espressione latina con la quale il cardinale decano del conclave annuncia l'elezione del nuovo pontefice dal balcone della loggia di San Pietro. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare