Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl


Oggi è domenica 13 agosto 2017, il sole sorge (a Roma *) alle ore 5 e 13 minuti e tramonta alle ore 19 e 15 minuti (l'almanacco di domani lo trovate qui, l'archivio invece è qui)

Cinque voci scelti a caso dall'enciclopedia

etrùschi Popolo di origine non definita, abitante dell'antica Toscana e successivamente diffusosi in Lazio e pianura padana. Anticamente detti Tirreni, sarebbero provenuti dalla Lidia, secondo Erodoto, e dalle popolazioni dell'Europa settentrionale secondo Livio. Dionisi di Alicarnasso li considera invece autoctoni. Assorbirono rapidamente molti elementi di altre civiltà mediterranee. La loro struttura sociale era suddivisa in lucumonie, riunite in confederazioni di dodici città, ognuna sovrana sul proprio territorio. A fianco della figura del re (lucumone), comparve in seguito il consiglio degli anziani e si passò quindi a un potere di tipo oligarchico. Innovarono la navigazione, intensificarono il commercio, bonificarono la Maremma. Fondarono Felsina (Bologna) e altre città dell'attuale Emilia Romagna. Conquistarono il Lazio e la Campania, dove si scontrarono con i sabini. La fase etrusca della storia di Roma è riflessa nella dinastia dei Tarquini. Sul mare dovettero competere con i greci da un lato e Cartagine dall'altro. Il loro declino iniziò con le aggressioni dei sanniti e dei galli e si concluse con l'annessione a Roma: furono completamente assimilati e questo ne determinò la scomparsa. 
Arte 
Si riconoscono vari apporti, da quelli greci a quelli orientali, che si fusero con quelli già presenti in Italia: diffusero l'arco e la volta. Notevoli le ceramiche dipinte. Ma la massima espressione fu raggiunta con le dimore funebri, ricche di suppellettili, pitture murali, gioielli, sarcofagi lavorati. I templi erano arricchiti da statue. L'arte funeraria testimonia ampiamente la credenza in una vita ultraterrena. Da segnalare le opere in bronzo, come la Chimera di Arezzo e la Lupa capitolina. La loro scrittura si basa su un alfabeto di origine greca che è stato facilmente tradotto, mentre rimane oscura, a causa della mancanza di testi, la loro lingua, di origine non indoeuropea. La religione concepiva uno strettissimo legame tra sfera umana e divina: la volontà degli dei era scrutata tramite l'interpretazione delle viscere degli animali sacrificati e dei fenomeni naturali (fulmini). Praticavano anche il sacrificio umano. 
Eubèa Isola della Grecia (163.000 ab.) del mare Egeo. Territorio montuoso. Coltivazione di olivi, viti e cereali. Fu sottomessa nel VI sec. a. C. agli Ateniesi. Abitata da comunità ioniche fu poi macedone nel 338 a. C. dopo la battaglia di Cheronea. Venne conquistata da Bonifacio di Monferrato nel 1205; nel 1470 dai turchi e nel 1830 venne inglobata nel regno di Grecia. Città principale è Calcide. 
Eubea 
Golfo della Grecia tra l'isola omonima e la costa orientale del paese. 
granìglia, sf. Tritume di pietra, che impastata con il cemento, dà un pietra di basso costo utilizzata per fare le mattonelle. 
longarìna ved. ¬§longherina¬§ 
oggigiórno, avv. e sm. avv. Nel tempo presente. 
sm. Il tempo presente. 

indice

* gli orari di alba e tramonto di altre città li puoi trovare alla pagina calendario solare