Home page
condebitóre, agg. e sm. (f.-trìce) Chi è debitore con altri. 
condégno, agg. 1 Adeguato, proporzionato (al merito o alla colpa). 2 In teologia, relativo a quelle opere che secondo una rigorosa giustizia meritano la grazia. 
condènsa, sf. Acqua che si forma per condensazione in impianti termici. 
condensàbile, agg. 1 Che si può condensare. 2 Che si può riassumere. 
condensaménto, sm. Atto, effetto del condensare. 
condensànte, sm. Si dice di ciò che ha la facoltà di poter condensare qualcosa. 
condensàre, v. v. tr. 1 Rendere denso, compatto. ~ concentrare. <> diluire. 2 Provocare il passaggio dallo stato di vapore a quello liquido. 3 Riassumere, sintetizzare. ~ compendiare. <> dettagliare, precisare. nel suo intervento ha condensato venti anni di attivitą. 
v. intr. pron. Diventare denso. ~ addensarsi, rassodarsi. il vapore acqueo si condensa sui vetri
condensàto, agg. e sm. agg. 1 Che è reso denso. ~ concentrato. 2 Riassunto. 
sm. 1 Liquido ottenuto mediante condensazione di vapori. 2 Compendio. 
condensatóre, sm. Chi condensa. 
Dispositivo elettrico costituito da due conduttori (armature) separati da un materiale dielettrico (mica, carta, ossido). Applicando una differenza di potenziale (v) fra le due armature, queste si caricano elettricamente. La capacità del condensatore è il rapporto tra carica e differenza di potenziale e si misura in farad (F) e nei suoi sottomultipli (microfarad e picofarad). Esistono condensatori piani, cilindrici o sferici e possono essere collegati in serie o in parallelo. 
Condensatore a vapore 
Apparecchiatura consistente in uno scambiatore di calore e usata per condensare vapori mediante raffreddamento. 
Condensatore ottico 
Un dispositivo convergente formato da lenti pianoconvesse o da specchi in grado di concentrare verso l'obiettivo la luce proveniente da una o più sorgenti. 
condensazióne, sf. 1 Atto del condensare. 2 Reazione chimica di unione delle molecole in cui si ha eliminazione di acqua. 3 In fisica è il fenomeno per cui una sostanza passa da vapore a liquido; si parla di liquefazione quando avviene per sottrazione di calore (in caso di gas). In psicanalisi è il raggruppamento di diversi contenuti associativi e affettivi in un'unica immagine. 
Condillac, Étienne Bonnot de (Grenoble 1715-Abbazia di Flux 1780) Filosofo francese. Studioso di J. Locke e dell'empirismo, elaborò la filosofia del sensismo, dimostrando che tutte le attività, compresa quella mentale, sono riconducibili alle sensazioni. Si occupò di problemi di economia e di logica. Opere principali, Saggio sull'origine delle conoscenze umane (1746), Trattato delle sensazioni (1754), Il commercio e il governo considerati relativamente l'uno all'altro (1776), Corso di studi (1792), Logica (1792). 
còndilo, sm. Prominenza ossea che entra a far parte di un 'articolazione. 
condilòide, agg. Che ha la forma di un condilo. 
condiloidèo, agg. 1 Riferito a un condilo. 2 Canale condiloideo, canale che perfora l'occipitale anteriormente e posteriormente al condilo. 
condilòma, sm. Tumore cutaneo di piccole dimensioni. 
condiménto, sm. 1 Atto, effetto del condire. 2 La sostanza usata per condire. ~ intingolo, salsa, sugo. 
Condìno Comune in provincia di Trento (1.420 ab., CAP 38083, TEL. 0465). 
condìre, v. tr. 1 Rendere più saporito. ~ insaporire. 2 Abbellire, rendere più piacevole. 3 Ridurre in cattivo stato. 
condirettóre, sm. (f.-trìce) Chi dirige con altri un ufficio o simili. 
condiscendènte, agg. Arrendevole, conciliante. ~ accomodante. <> rigido, irremovibile.