Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

defluìre, v. intr.1 Scorrere verso il basso (detto di fluidi). ~ scendere. <> affluire. 2 Muoversi verso l'esterno. ~ uscire. <> entrare. 
deflùsso, sm.1 Il defluire. 2 Uscire come una corrente. 3 Volume d'acqua che passa attraverso una sezione di un canale o di un fiume in un tempo determinato. ~ flusso. 
Defoe, Daniel(Londra 1660-Moorfields 1731) Scrittore inglese. Per nascita e istruzione Defoe fu estraneo alla sfera di gusto raffinato e di cultura classica che dominava la letteratura inglese del suo tempo. Di religione presbiteriana, egli apparteneva al ceto anticonformista del commercio che iniziò ad avere importanza politica verso la fine del secolo. Messosi in affari, si trovò in bancarotta nel 1692. Fu la prima di numerose crisi finanziarie. Si guadagnò la notorietà con i suoi libelli politici e satirici. Per uno di essi, La via più breve con i dissenzienti, fu condannato e imprigionato tre volte. Politicamente si schierò prima con i whig (1700), poi con i tory per seguire il politico R. Harley suo protettore (1710), poi di nuovo con i whig (1714). Fondò The Review (1704), la cui rubrica Scandal Club fu il primo esempio di cronaca giornalistica mondana. A circa sessant'anni lasciò progressivamente l'impegno politico e iniziò una nuova carriera come scrittore. Robinson Crusoe (pubblicato nel 1719) è il primo di una serie di racconti di avventure che hanno reso famoso Defoe anche se suscitano alcune perplessità tra i lettori colti. Le sue narrazioni sono caratterizzate da uno stile vivace e immediato e dalla capacità di osservazione della società e degli esseri umani isolati. Nei suoi protagonisti c'è un po' della vitalità, dell'umanità e talvolta dell'ingegnosità dell'autore. 
Altre opere furono Ulteriori avventure di R. Crusoe (1719), Il capitano Singleton (1720), Moll Flanders (1722) e Lady Roxana (1724). Numerosi anche i saggi (Saggio sui progetti, 1697); scritti polemici e satirici (Il vero inglese, 1701; La via più breve con i dissenzienti, 1702) e narrazioni di viaggio (Giro attraverso tutta l'isola di Gran Bretagna, 1724; Nuovo viaggio intorno al mondo). 
defogliànte, o defoliànte, agg. e sm.Detto di composto chimico che, versato sulle piante, provoca la caduta delle foglie. 
deforestàre, v. tr.Tagliare un bosco. ~ diboscare. 
deforestazióne, sf.Diboscamento. 
deformàbile, agg.Che si può deformare. ~ sformabile. <> indeformabile. 
deformànte, agg.Che deforma. ~ deturpante. 
deformàre, v.v. tr. 1 Rendere deforme; deturpare. ~ sformare. <> abbellire. aveva una grossa cicatrice che gli deformava il viso. 2 Alterare, svisare. ~ falsare. in quelle condizioni era portato a deformare la realtà
v. intr. pron. 1 Perdere forma. gli stivali si deformano con l'umidità. 2 Mutare nei contorni. 
deformazióne, sf.1 Il deformare, il deformarsi, l'effetto e la parte deformata. ~ ammaccatura. aveva una deformazione alla gamba sinistra. 2 Alterazione di una forma. 3 Travisamento. la deformazione della verità è la sua attività preferita
defórme, agg.Che si allontana dalla sua forma naturale o normale. ~ malformato. <> normale, sano. 
deformità, sf.L'essere deforme. ~ deformazione. <> regolarità. 
defosforazióne, sf.Operazione di eliminazione del fosforo da ghisa o acciaio. 
defraudàre, v. tr.Togliere con la frode; non dare ciò che spetta. ~ frodare. 
defraudatóre, agg. e sm.(f.-trìce) Che o chi defrauda. 
defraudazióne, sf.Atto ed effetto del defraudare. 
defùngere, v. intr.Morire. ~ crepare. 
defùnto, agg. e sm.Di ottenere da concetti generali, R: vivente. 
Degas, Edgar Hilaire Germain(Parigi 1834-Saint Valéry-sur-Somme, 1917) Pittore e scultore francese. Nato nell'agiata famiglia di un banchiere, venne principalmente educato dal padre, che lo indirizzò verso i classici. A diciotto anni abbandonò gli studi giuridici per dedicarsi al disegno. Aderì all'impressionismo, grazie all'amicizia con É. Manet e la frequentazione del Café Guerbois, con l'intento di trasmettere l'importanza dell'espressività del disegno rispetto all'insieme dei colori. I suoi soggetti preferiti furono le ballerine, i nudi femminili, le corse ippiche. Partecipò alla prima mostra degli impressionisti nel 1874. Tra le sue opere più importanti, Ballerine alla sbarra, Fantini davanti alle tribune (1869-1872, Parigi, Musée d'Orsay), L'ufficio dei cotoni a New Orleans (1873, Pau, museo), La scuola di danza (1874, Parigi, Louvre), L'assenzio (1876, Parigi, Musée d'Orsay), Caffè concerto, La prova (1877, Glasgow, Art Gallery). 
degasolinàggio, sm.Operazione di eliminazione dal gas naturale degli idrocarburi che si liquefano facilmente. 
<< indice >>