Home page
disappannàre, v. tr. Pulire una superficie lucida o trasparente eliminando ciò che l'appanna. 
disappetènza, sf. Mancanza di appetito. 
disapprovàre, v. tr. Non approvare, criticare. ~ dissentire, biasimare. <> approvare. 
disapprovazióne, sf. 1 Il disapprovare. 2 Biasimo. ~ riprovazione. <> approvazione. 
disappùnto, sm. Senso di delusione, molestia o simili causato dal verificarsi di situazioni che contrariano. ~ contrarietà. <> soddisfazione. 
disarcionàre, v. tr. Far cadere dall'arcione. 
disarmànte, agg. Che è così semplice e ingenuo da far venir meno le ostilità nei suoi confronti. 
disarmàre, v. v. tr. 1 Togliere le armi. ~ smilitarizzare. <> armare. disarmare il nemico. 2 Togliere l'armatura di un edificio. 3 Togliere a una nave gli attrezzi necessari alla navigazione. 4 Togliere l'aggressività, la volontà di reagire. ~ calmare. <> eccitare. la sua tranquillità mi disarmava. 
v. intr. 1 Ridurre gli armamenti. ~ smobilitare. <> armarsi. 2 Darsi per vinto. ~ cedere. <> battersi. non voleva essere il primo a disarmare
disarmàto, agg. 1 Privo di armi. ~ indifeso. <> armato. 2 Inerme. ~ inoffensivo. <> agguerrito. 
disàrmo, sm. 1 Il disarmare e l'effetto. 2 Riduzione o abolizione degli armamenti. ~ smobilitazione. <> riarmo. 
disarmonìa, sf. 1 Mancanza di armonia. ~ cacofonia. <> assonanza. 2 Disaccordo. ~ discordanza. 3 Stonatura. ~ dissonanza. <> armonia. 
disarmònico, agg. (pl. m.-ci) Privo di armonia, non armonico. ~ dissonante, stonato, scoordinato. <> armonico, armonioso. 
disarmonizzàre, v. intr. Essere disarmonico, formare disarmonia. 
disarticolàre, v. v. tr. 1 Amputare nelle articolazioni. 2 Lussare. ~ slogare. 3 Scomporre, dividere. ~ disgregare. 
v. intr. pron. 1 Lussarsi. ~ slogarsi. 2 Perdere compattezza o consistenza. ~ disgregarsi. 
disarticolàto, agg. 1 Lussato. ~ slogato. 2 Privo di coerenza e di unità. ~ disorganico. 3 Indistinto. <> articolato. 
disarticolazióne, sf. Il disarticolare. 
disartrìa, sf. Disturbo nell'articolazione delle parole. 
disassimilazióne, sf. Insieme dei processi di degradazione, per mezzo di cui la materia vivente si trasforma in scorie liberando energia chimica, meccanica o termica. 
disassuefàre, v. v. tr. Togliere l'assuefazione. ~ disabituare, disavvezzare. <> assuefare, avvezzare. 
v. intr. pron. Perdere l'assuefazione. <> assuefarsi. 
disassuefazióne, sf. Il disassuefare e l'effetto. <> assuefazione.