Home page
dissolutìvo, agg. Atto a dissolvere. 
dissolùto, agg. e sm. agg. 1 Che manca di freni morali, sregolato. ~ licenzioso. <> morale. 2 Scostumato, depravato. ~ osceno. <> pudico. 
sm. Persona dissoluta. 
dissoluzióne, sf. 1 Il dissolvere, il dissolversi, l'essere dissolto. ~ dissolvimento. 2 Disfacimento, disgregazione. ~ scioglimento. 3 Sfacelo morale. ~ decadenza. 
dissolvènte, agg. e sm. Che, chi dissolve. 
dissolvènza, sf. 1 Il dissolversi. 2 Trucco cinematografico (o radiofonico) per ottenere la graduale sparizione di ciò che appare sullo schermo (ciò che si sente). 
dissòlvere, v. v. tr. 1 Disunire, disgregare. ~ separare. 2 Far sparire, dissipare. ~ disperdere. 3 Sciogliere. ~ stemperare. 3 Chiudersi in dissolvenza (di immagini o suoni). 
v. intr. pron. 1 Sciogliersi, disgregarsi. ~ disfarsi. 2 Svanire, dileguarsi. ~ dissiparsi. 
dissolviménto, sm. Dissoluzione. 
dissomigliànte, agg. Che non somiglia. ~ dissimile. <> somigliante. 
dissomigliànza, sf. Il dissomigliare, l'essere dissomigliante. ~ diversità. <> somiglianza. 
dissomigliàre, v. intr. e intr. pron. Essere dissimile, non somigliare. <> somigliare. 
dissonànte, agg. 1 Che produce dissonanza. ~ disarmonico. <> armonico. 2 Discordante. ~ divergente. <> concordante. 
dissonànza, sf. 1 Disaccordo di suoni. ~ stonatura, disarmonia. <> armonia. 2 Discordanza di idee, di sentimenti. ~ disaccordo. <> consonanza, accordo. 
dissonàre, v. intr. 1 Produrre dissonanza. ~ stonare. 2 Essere discordante. ~ discordare. 
dissotterraménto, sm. Il dissotterrare, l'essere dissotterrato. 
dissotterràre, v. tr. 1 Togliere da sotto terra. ~ disseppellire. <> seppellire. 2 Riportare alla memoria. ~ rievocare. <> sotterrare. 
dissuadére, v. v. tr. Convincere qualcuno a desistere da un proposito, distogliere. ~ sconsigliare. <> convincere. 
v. rifl. Convincersi a non fare qualcosa. 
dissuasióne, sf. Il dissuadere, l'essere dissuaso. 
dissuasìvo, agg. Atto a dissuadere. 
dissuàso, agg. 1 Rimosso dal suo proposito. 2 Sconsigliato, sviato. ~ distolto. 
dissuèto, agg. Non più avvezzo. ~ desueto. <> consueto.