Home page
Dubrovnik Città della Croazia (35.000 ab.) situata sulla costa dalmata meridionale. Porto importante, sede di cantieri navali. Fondata dai romani, fu sotto il controllo dei veneziani dal 1205 al 1358. Passò poi al regno di Ungheria e dal 1814 al 1918 all'Austria. Da ricordare il convento dei frati minori (1317) e il palazzo dei Rettori (XV sec.). 
Dubuffet, Jean (Le Havre 1901-Parigi 1985) Pittore francese. Tra le opere Dea madre (1945, Basilea, Kunstmuseum) e Il sangue vivo (ca. 1950, New York, Collezione privata). 
Duby, Georges (Parigi 1919-Aix-en-Provence 1996) Storico. Tra le opere Storia della Francia rurale (1975-1977), Il cavaliere, la donna e il prete (1981), La storia continua (1991), La storia e altre passioni (1993) e L'avventura di cavaliere medievale (1994). 
duc, sm. invar. Carrozza di lusso a quattro ruote e due posti con sedile posteriore per i domestici. 
dùca, sm. (pl.-chi) Titolo della gerarchia nobiliare tra quello di marchese e quello di principe. 
ducàle, agg. Di duca. 
ducàto, sm. 1 Titolo e dignità di duca. 2 Territorio soggetto al dominio di un duca. 3 Moneta d'oro o d'argento di vario colore. 
Dùccio di Buoninségna (Siena 1255-1318) Pittore le cui opere furono caratterizzate da un perfetto equilibrio composito, colori chiari e trasparenti su fondo oro e da effetti decorativi squisiti. La sua produzione segna il punto di contatto tra bizantinismo e gotico e l'inizio della raffinata pittura senese del Trecento. Tra le sue opere, Madonna Rucellai e Maestà
dùce, sm. 1 Generale, capo, guida. ~ condottiero. 2 Titolo dato a Benito Mussolini dopo la marcia su Roma. 
dùce, sm. 1 Generale, capo, guida. ~ condottiero. 2 Titolo dato a Benito Mussolini dopo la marcia su Roma. 
Duchamp, Marcel (Blainville 1887-Neuilly 1968) Pittore e scultore francese. Fu uno dei protagonisti nel gruppo dei cubisti dissidenti della Section d'Or. Trasferitosi a New York nel 1915, fu uno dei fondatori del dadaismo newyorkese, con F. Picabia e Man Ray. Dopo il 1923 si dedicò a ricerche ottiche e costruzioni cinetiche. Tra le opere Nu descendant un escalier n. 2 (1912, Filadelfia, Museum of Art) e La marié mise à nu par ses célibataires, même (1915-1923, Filadelfia, Museum of Art). 
Duchamp-Villon, Raymond (Damville 1876-Cannes 1918) Scultore francese. Tra le opere Ritratto di Baudelaire (1911, Parigi, Musée National d'Art Moderne) e Grande cavallo (1914, Parigi, Musée National d'Art Moderne). 
Duchesne, André (L'Île-Bouchard 1584-Verrières 1640) Storico francese. Tra le opere, Historiae Normannorum scriptores antiqui (1619) e Historiae Francorum scriptores coetanei (1636-1649). 
duchéssa, sf. 1 Moglie del duca. 2 Signora di un ducato. 
Duchessa di Amalfi, La Tragedia di J. Webster (1613-1614). 
duchesse, sf. invar. 1 Tipo di poltrona da riposo con schienale curvato a gondola di moda prima della rivoluzione francese. 2 Raso abbastanza consistente, assai brillante da un lato e opaco dall'altro. 
duchobortzy Membri appartenenti a una setta fondata in Ucraina nella seconda metà del XVIII sec. Il significato originario della parola russa era lottatori dello spirito
Duclos, Jacques (Louey 1896-Montreuil 1975) Politico francese. Fu alla guida del Partito comunista dal 1926. 
ducted fan, loc. sost. m. invar. Tipo di turbo reattore a diluizione o a doppio flusso dotato di un ventilatore che contribuisce in minima parte a comprimere l'aria. 
duda, sf. 1 Strumento popolare a fiato di origine slava simile alla cornamusa. 2 Vivace danza siberiana.