Home page
elettoràle, agg. Che si riferisce a elezione. 
elettoralìsmo, sm. Il finalizzare le scelte politiche soprattutto al conseguimento di risultati elettorali vantaggiosi. 
elettoralìstico, agg. (pl. m.-ci) Relativo all'elettoralismo. 
elettoràto, sm. 1 Il complesso degli aventi diritto a voto. 2 Il diritto di eleggere o di essere eletto. 
elettóre, sm. (f.-trìce) Chi ha diritto di voto alle elezioni. 
Elèttra Personaggio mitologico, figlia di Agamennone e Clitennestra. Non poté impedire l'assassinio del padre a opera della madre e del suo amante Egisto, ma in seguito aiutò Oreste a uccidere entrambi. 
Elettra 
Tragedia di Sofocle (ca. 425 a. C.). È una delle 7 tragedie di Sofocle conservate (delle oltre 100 attribuitegli). L'opera è concentrata sul desiderio di Elettra di eliminare il male morale impersonato da sua madre Clitennestra e dal di lei amante Egisto, che hanno assunto il potere ad Argo dopo l'uccisione del re Agamennone. Elettra realizza il suo scopo con il ritorno lungamente atteso del fratello Oreste. Il tono di vittoria della scena finale ha turbato numerosi critici. Esso resta tuttavia perfettamente coerente con la severità, l'intransigenza e la purezza del panorama morale di Sofocle. 
Elettra 
Tragedia di Euripide (ca. 413 a. C.). È una delle 19 tragedie di Euripide conservate (delle circa 90 attribuitegli). L'opera, che narra gli stessi avvenimenti della tragedia omonima di Sofocle, disegna un ritratto più realistico dei protagonisti. L'arrivo inatteso del fratello Oreste fa passare Elettra da un'iniziale rassegnazione al desiderio di vendetta. Oreste uccide Egisto senza tentennamenti, ma è assalito dall'orrore al momento di colpire la madre. In Euripide, gli eroi impassibili di Sofocle si sono tramutati in uomini comuni che nell'agire sono continuamente costretti a fare i conti con la loro coscienza. 
Elettra 
Dramma di H. von Hofmannsthal (1903). 
Elettra 
Opera di poesia di G. D'Annunzio contenuta in Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi (1903). 
Elettra 
Opera in un atto di R. Strauss, libretto di H. von Hofmannsthal (Dresda, 1909). 
Elettra 
Film drammatico, greco (1961) 
Regia Michael Cacoyannis. Interpreti: Irene Papas, Yannis Fertis, Aleka Catseli. Titolo originale: Elektra 
Elettra o la caduta delle maschere Dramma di M. Yourcenar (1954). 
elettràuto, sm. invar. 1 Negozio per la vendita di materiale elettrico per autoveicoli. 2 Officina per la riparazione di impianti elettrici di automobili. 3 Addetto a tali riparazioni. 
elettricaménte, avv. Dal punto di vista elettrico. 
elettricìsta, sm. (pl.-i) Chi si occupa di apparecchiature o impianti elettrici. 
elettricità, sf. 1 Insieme dei fenomeni e delle proprietà fisiche cui partecipano le cariche elettriche sia in quiete che in moto. 2 Tensione. ~ irrequietezza. <> tranquillità. 
elèttrico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. 1 Relativo all'elettricità. 2 Mosso da elettricità. 3 Di colore azzurro vivo. 4 Nervoso. ~ teso. <> calmo. 
sm. Lavoratore dell'industria elettrica. 
elettrificàre, v. tr. Sostituire la forza motrice elettrica a una di un altro tipo. 
elettrificazióne, sf. L'elettrificare o l'effetto. 
elettrizzàbile, agg. Che può elettrizzarsi o che può essere elettrizzato. 
elettrizzànte, agg. Entusiasmante. ~ eccitante. 
elettrizzàre, v. tr. 1 Suscitare nei corpi l'elettricità. ~ caricare. <> esaurire, scaricare. 2 Rendere irrequieto, eccitare. ~ entusiasmare. <> smorzare. 
rifl. 1 Caricarsi di elettricità. 2 Entusiasmarsi. 
elettrizzàto, agg. 1 Che ha subito un processo di elettrizzazione. 2 Eccitato. ~ euforico. 
elettrizzazióne, sf. L'elettrizzare o l'effetto. 
elèttro, sm. 1 Lega naturale o artificiale di oro e di argento. 2 Ambra.