Home page
folclorìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Chi studia il folclore. 
folclorìstico, agg. (pl. m.-ci) 1 Che si riferisce al folclore. ~ tradizionale. 2 Vivace, colorito. ~ bizzarro. un abito folcloristico. 3 Che fa parte delle tradizioni. ~ popolare. spettacoli folcloristici animavano la vita del paese
Foléngo, Teòfilo (Mantova 1491-Campese Bassano 1544) Poeta e monaco benedettino, pubblicò le sue opere con lo pseudonimo di Merlin Cocai. Fu il massimo esponente della poesia maccheronica, alterazione gioiosa e ricercata di regole latine per adattarle al lessico italiano. La sua opera principale è il Baldus, pervasa da una grossa comicità e rappresentazione gentile e bonaria del mondo umile e plebeo. 
Folgarìa Comune in provincia di Trento (3.083 ab., CAP 38064, TEL. 0464). 
folgorànte, agg. 1 Che folgora. ~ sfolgorante. 2 Che manda luce abbagliante. ~ splendente. <> soffuso, appannato. 3 Molto intenso. ~ vivo. 4 Violento e improvviso. ~ balenante, fulminante, inaspettato. 
folgoràre, v. v. tr. 1 Colpire con una folgore. ~ fulminare. 2 Suscitare forte impressione. ~ impressionare. il suo sguardo l'aveva folgorato
v. intr. 1 Lampeggiare. 2 Brillare vivamente. ~ risplendere. il sole folgorava nel cielo azzurro
folgorazióne, sf. 1 Il folgorare e l'effetto. 2 Effetto prodotto sull'organismo da una scarica elettrica. 3 Intuizione improvvisa. ~ ispirazione. 
Si tratta di lesione provocata o dalla scarica di un fulmine o, più frequentemente, dal contatto con un conduttore elettrico in tensione. Rappresenta una frequente causa di morte per infortunio sul lavoro e anche di incidente domestico. La folgorazione provoca conseguenze prevalentemente a carico dei sistemi cardio-vascolare, respiratorio e neurologico. La vittima della folgorazione può andare incontro ad arresto cardio-circolatorio, blocco della respirazione per contrazione tetanica dei muscoli respiratori e perdita di coscienza. 
fólgore, sf. e sm. sf. 1 Fulmine. ~ lampo. 2 Chi agisce velocemente e con violenza. ~ lampo, razzo. 3 Castigo, collera. ~ anatema. 
sm. Sfavillio, splendore. ~ fulgore. 
Folgóre da San Gimignàno (1270-1330) Poeta, fu uno dei più grandi esponenti della tradizione comico realista toscana. Il suo lascito consiste nelle due collane di Sonetti de' mesi e Sonetti de la semana, descrizione della vita borghese attraverso uno stile a metà strada, tra la poesia giocosa e quella stilnovista. In altri sonetti esaltò la virtù cavalleresca e manifestò sdegno contro i ghibellini, ritenuti responsabili della decadenza civile. 
folgoreggiàre, v. intr. 1 Muoversi molto velocemente. 2 Risplendere di viva luce. ~ brillare. 
fòlico, agg. Acido di complessa struttura, scoperto nelle foglie degli spinaci. Ha funzione importante nella moltiplicazione delle cellule, cioè nella sintesi degli acidi nucleici, nonché di amminoacidi. La struttura comprende nuclei benzenici ed eterociclici con azoto. Come vitamina del gruppo B interviene nella formazione dei globuli rossi (fattore antianemico). 
Folidòti Ordine di Mammiferi comprendente solo i pangolini. 
Folies-Bergère Teatro parigino di varietà e rivista, in cui sono rappresentati spettacoli vari, composti da operette, canzonette, esercizi ginnici, pantomime e fantasie liriche. Costruito nel 1867 e inaugurato il 2 maggio 1869 con il nome Café du Sommier élastique, assunse il nome attuale nel 1871. 
Folignàno Comune in provincia di Ascoli Piceno (8.079 ab., CAP 63040, TEL. 0736). 
Folìgno Città in provincia di Perugia (51.000 ab., CAP 06034, TEL. 0742), ai margini della pianura umbra, sul fiume Topino. Centro commerciale di prodotti agricoli (barbabietola, olio, vino, ortaggi, frutta e cereali), è anche importante nodo industriale (alimentare, meccanico, chimico e tipografico) e artigianale (tessuti, tappeti, ceramiche). Sede romana nel III sec. a. C. con il nome di Fulginiae, in epoca medievale subì le invasioni dei saraceni e successivamente degli ungari. Divenne libero comune nel 1300 e nel 1310 venne governata dalla signoria dei Trinci. Intorno alla metà del XV sec., diventò proprietà della chiesa. Nel 1400 vi nacque un'importante scuola pittorica che ebbe in Niccolò di Liberato un illustre esponente. Caratteristica manifestazione seicentesca è la giostra della Quintana che si svolge a settembre. Di rilievo il centro di origini medievali con resti di cinta murarie, il duomo del 1200, il palazzo comunale, le chiese di Santa Maria Infraportas, di San Nicolò e di San Salvatore, la pinacoteca nel palazzo Trinci del XIV sec. e l'abbazia di Sassovivo, con chiostro del 1229. Gli abitanti sono detti folignati
foliòta, sf. Genere di Funghi Basidiomiceti della famiglia delle Cortinariacee, caratterizzati da cappello e corpi fruttiferi a gambo, nella porzione superiore dei quali si trova un anello. 
folk, agg. e sm. invar. agg. invar. Di manifestazione, musica ecc. popolare. 
sm. invar. Semplificazione di folk music. 
Musica popolare tipica di un determinato paese o gruppo etnico, spesso ricca di contenuti e motivi sociali. Nell'ambito della musica leggera, è stato un movimento musicale con profonde radici culturali e sociali, nato in Gran Bretagna e USA negli anni '60, caratterizzato da un recupero dei contenuti della musica tradizionale, ma anche ricco di sentimenti di protesta, espressi con il linguaggio del rock. Massimi esponenti di quegli anni furono J. Baez, J. Collins, B. Dylan e i Byrds. 
folk, agg. e sm. invar. agg. invar. Di manifestazione, musica ecc. popolare. 
sm. invar. Semplificazione di folk music. 
Musica popolare tipica di un determinato paese o gruppo etnico, spesso ricca di contenuti e motivi sociali. Nell'ambito della musica leggera, è stato un movimento musicale con profonde radici culturali e sociali, nato in Gran Bretagna e USA negli anni '60, caratterizzato da un recupero dei contenuti della musica tradizionale, ma anche ricco di sentimenti di protesta, espressi con il linguaggio del rock. Massimi esponenti di quegli anni furono J. Baez, J. Collins, B. Dylan e i Byrds. 
fòlla, sf. 1 Moltitudine di persone riunite in un luogo. ~ assembramento. 2 Massa, popolo. ~ volgo. 3 Moltitudine concitata di pensieri, emozioni ecc. 4 Gran quantità di cose. 5 Gruppo numeroso. ~ stuolo. 
Folla, La Film drammatico, americano (1928). Regia di King Vidor. Interpreti: James Murray, Eleonor Boardman, Bert Roach. Titolo originale: The Crowd