Home page
genetlìaco, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. Attinente alla nascita di qualche cosa. 
sm. Anniversario della nascita. ~ compleanno, natalizio. 
genétta, sf. Mammifero (Genetta genetta) della famiglia dei Viverridi e dell'ordine dei Carnivori. Di colore giallo-grigiastro, vive nelle zone collinari dell'Europa occidentale. Si apposta in attesa delle prede appiattendosi. 
Gènga Comune in provincia di Ancona (1.984 ab., CAP 60040, TEL. 0732). 
Gengis Khan (1155 o 1167-1227) Condottiero mongolo il cui vero nome era Temucin. Fondò l'impero mongolo. Figlio di un capo tribù di nomadi della Mongolia orientale. Si unì al clan Kerait ma grazie alla sua crudeltà e astuzia, riuscì a imporre la sua dominazione su tutte le tribù mongole, arrivando a farsi riconoscere capo supremo con il nome di Gengis Khan, dall'assemblea dei khan. Cominciò quindi l'espansione mongola, basata su un'esercito razziatore e invincibile in battaglia. Sconfisse i tartari (1206). Dominò le popolazioni del regno Hsi-Hsia, quelle buriate e kirghise; conquistò la Cina nel 1211 e Pechino nel 1215 dopo un lungo assedio. Si spinse fino al Dnepr per assogettare la Russia; affrontò l'impero turco, esteso dalla Persia all'Afghanistan (1218-1225). Il suo esercito, guidato dai suoi luogotenenti Sübötei e Gebe, riuscì a sconfiggere il principe di Kiev e quelli ucraini. Nel 1225 tornò in Mongolia dove dovette combattere contro l'esercito del regno Hsi-Hsia unito a quelli di Tibet, Cina e Turchia che riuscì a sconfiggere, ma ferito, morì nella provincia di Kansu, lasciando un impero che fu poi diviso fra i suoi figli. Conquistatore leggendario, viene ricordato per la sua ferocia e crudeltà. 
gengiva, sf. Parte della mucosa boccale che ricopre le arcate dentarie e circonda i colletti dei denti con un cercine spesso e resistente che non presenta soluzione di continuità con la restante mucosa orale; di colore variabile dal rosa al rosso, è molto ricca di vasi sangugni. Può essere affetta da episodi infiammatori (gengiviti) provocati da cause diverse, per lo più concomitanti, come l'eccesso di tartaro, il tabagismo e l'uso di determinati farmaci. Caratterizzata da arrossamenti e gonfiore, la gengivite può produrre emorragie e difficoltà nella masticazione. Nella fase iniziale può essere curata con la somministrazione di vitamina C e l'uso di adeguati colluttori. Le forme più avanzate possono richiedere l'intervento chirurgico. 
gengivàle, agg. Della gengiva. 
gengivàrio, sm. Medicamento per le cure della gengiva. 
genìa, sf. 1 Stirpe, dinastia. ~ genealogia. 2 Tipo, categoria. ~ sorta. 3 Accolta di gente malvagia. ~ gentaglia. 
geniàccio, sm. 1 Peggiorativo di genio. 2 Brutta indole. 3 Genio forte ma indisciplinato. 
geniàle, agg. 1 Di chi mostra una particolare felicità di ingegno. ~ estroso. <> insignificante. 2 Che si accorda con il proprio carattere. 3 Che si riferisce al genio. 4 Adatto, indovinato. ~ azzeccato. 
genialità, sf. 1 Caratteristica di chi o di ciò che è geniale. ~ talento. <> stupidità. 2 Amabilità, piacevolezza e simpatia. 3 Originalità, creatività. ~ estro. <> piattezza. 
genialòide, sm. e sf. Persona dotata di ingegno disorganico e bizzarro. 
gènico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a gene. 
genière, sm. Soldato del genio. 
geniétto, sm. 1 Piccola figura di genio alato e nudo. 2 Ragazzo di ingegno singolare. 
Genil Fiume (337 km) della Spagna che nasce dalla Sierra Nevada e confluisce nel Guadalquivir. 
Genìna, Augùsto (Roma 1892-1957) Regista cinematografico. Diresse Addio giovinezza! (1918 e 1927), Lo squadrone bianco (1936), L'assedio dell'Alcazar (1940) e Cielo sulla palude (1949). 
gènio, sm. 1 Nella mitologia greca e romana spirito tutelare della vita individuale. ~ demone. 2 Entità astratta cui si attribuisce la facoltà di presiedere agli eventi della vita umana. ~ spirito. 3 Talento, estro. ~ inventiva. 4 Peculiarità. 5 Simpatia. 6 Natura, indole. ~ carattere. 7 Cervellone. 8 Arma dell'esercito utilizzata nella progettazione e costruzione di opere pubbliche e militari. 
Genio del cristianesimo, Il Prosa di F. R. de Chateaubriand (1802). 
genioglòsso, agg. Di un muscolo pari facente parte della parte muscolare della lingua.