Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

giustappórre, v. tr. 1 Porre accanto senza connettere o fondere. ~ affiancare. 2 Contrapporre. ~ paragonare 
giustapposizióne, sf. 1 Atto del giustapporre. 2 Accostamento di due o più termini da cui risulta un composto improprio. 
Giustènice Comune in provincia di Savona (815 ab., CAP 17020, TEL. 019). 
giustézza, sf. 1 Qualità di ciò che è esatto. ~ precisione. <> improprietà. 2 Lunghezza di una linea di composizione espressa in righe tipografiche. ~ spaziatura, allineamento. 
Giùsti, Giusèppe (Monsummano 1809-Firenze 1850) Poeta e scrittore. Repubblicano convinto, partecipò ai moti del 1848 in Toscana. Morì di tisi nel 1850. Scrisse numerose poesie di tono satirico e giocoso contribuendo allo sviluppo delle idee patriottiche e liberali. Tra le sue opere, Versi editi e inediti (postumo, 1852) tra cui il celebre Sant'Ambrogio, Cronaca dei fatti di Toscana dal 1845 al 1849 (postumo, 1890), Raccolta di proverbi toscani. Giusti godette ai suoi tempi di larga fama per le sue poesie satiriche. Oggi la sua figura è stata ridimensionata, a causa dell'orizzonte limitato delle sue posizioni e il tono bonario della sua satira. Il suo patriottismo è quello di chi vuole restare libero, contento nel suo ristretto ambito domestico e borghese. 
giustificàbile, agg. Che si può giustificare. 
giustificàre, v. v. tr. 1 Rendere giusto. 2 Dimostrare giusto nonostante l'apparenza. ~ motivare. riuscģ a giustificare le sue assenze. 3 Ritenere qualcosa non colpevole. ~ discolpare. <> accusare. 4 Perdonare. ~ scusare. <> condannare. ti posso anche giustificare questa volta ma rimane sempre una grave mancanza. 5 Portare alla giustezza desiderata una o più linee di testo aumentando o diminuendo lo spazio fra le parole o i caratteri. ~ allineare. 
v. rifl. Dare ragione al proprio operato. ~ difendersi. <> accusarsi. dovette perfino giustificarsi davanti al suo capo
giustificataménte, avv. In modo giustificato. 
giustificatìvo, agg. e sm. agg. Che serve a giustificare. 
sm. Documento giustificativo. 
giustificàto, agg. 1 Chiarito. 2 Perdonato. 
giustificatòrio, agg. Di giustificazione. 
giustificazióne, sf. 1 Atto del giustificare. 2 Prova addotta a discolpa. ~ sgravio. <> condanna. : :veva un certificato medico come giustificazione della sua assenza. 3 Motivazione. ~ spiegazione. la giustificazione per simili atteggiamenti non puņ che essere banale. 4 Legittimazione. 5 Giustificativo. ~ ricevuta. 6 Salvezza. ~ redenzione. <> perdizione. 7 Allineamento 
giustìna, sf. Moneta d'argento veneziana raffigurante l'effigie di Santa Giustina che venne coniata nel 1572, in ricordo della vittoria riportata a Lepanto il giorno della festa della santa dell'anno 1571. 
giustinianèo, agg. 1 Relativo all'imperatore Giustiniano. 2 Relativo alla dinastia di imperatori d'Oriente, iniziata nel 518 con Giustino I ed estintasi con Maurizio, che regnò sul trono di Bisanzio nel VI sec. A Giustino I succedettero Giustiniano I, Giustino II, Tiberio II e infine Maurizio che venne fatto trucidare da Foca con i figli. 
Giustiniàno Nome di due imperatori bizantini. 
Giustiniano I 
(Tauresio 482-Costantinopoli 565) Nipote di Giustino I gli succedette nel 527, regnando con la moglie. Riportò una serie interminabile di vittorie, grazie all'aiuto dei generali Belisario e Narsete, contro i vandali in Africa (533), i goti in Italia (535-532) e i visigoti in Spagna (554). Viene ricordato comunque per l'importantissima opera di codificazione del diritto romano, che porta il suo nome, per la quale tutte le leggi furono riunite nel Corpus iuris civilis, fondamento del diritto moderno. 
A lui si deve anche la costruzione di Santa Sofia a Costantinopoli, di San Vitale e di Sant'Apollinare in Classe a Ravenna. 
Giustiniano II 
(670 ca.-Sinope 711) Figlio di Costantino IV, gli succedette nel 685. Dopo aver sottomesso gli slavi e i bulgari, riorganizzò l'amministrazione dei temi, istituendone di nuovi e contrastando i grandi latifondisti. Venne cacciato da una congiura militare, capeggiata da Leonio (695), che gli costò la mutilazione del naso; tornato al trono con l'aiuto dei bulgari nel 705, instaurò un governo fortemente repressivo e dittatoriale che gli costò nuovamente la deposizione. 
Giustiniàno II Rinotmeto (670 ca.-Sinope 711) Figlio di Costantino IV, gli succedette nel 685 come imperatore d'oriente. Dopo dieci anni venne detronizzato da Leonzio, ma nel 705 tornò al potere avviando una feroce repressione. 
Giustìno (comune) Comune in provincia di Trento (645 ab., CAP 38086, TEL. 0465). 
Giustìno (santo) (Flavia Neapolis 100 ca.-Roma 165?) Santo, martire e scrittore greco cristiano. Tra le sue opere, due Apologie e Dialogo con l'ebreo Trifone
Giustìno (sovrani) Nome di sovrani. 
Giustino I 
(Tauresio 450 ca.-Costantinopoli 527) Imperatore d'oriente dal 518. La sua persecuzione contro monofisiti e ariani suscitò la reazione anticattolica di Teodorico. Nel 527 associò il nipote Giustiniano I al trono. 
Giustino II 
(?-578) Nipote di Giustiniano I, gli succedette nel 565 come imperatore d'oriente. Durante il suo regno, nel 568, l'Italia venne invasa dai longobardi. 
giustìzia, sf. 1 Virtù morale per cui si dà a ciascuno ciò che gli è dovuto. ~ probità, rettitudine. <> ingiustizia. 2 Rispetto dei diritti conformi al giusto. ~ equità. <> parzialità. 3 Autorità giudiziaria. ~ magistratura. 
<< indice >>