Home page
laggiù, avv. Là in basso. <> lassù. 
Làghi Comune in provincia di Vicenza (173 ab., CAP 36010, TEL. 0445). 
Laghman Provincia (325.000 ab.) dell'Afghanistan nordorientale, capoluogo Metarlam. 
Laghouat Città (72.000 ab.) dell'Algeria, capoluogo del wilaya omonimo. 
Làglio Comune in provincia di Como (907 ab., CAP 22010, TEL. 031). 
làgna, sf. 1 Piagnisteo. ~ lamento. 2 Barba. ~ afflizione. 3 Cantilena. ~ nenia. 
lagnànza, sf. Atto, effetto del lagnarsi; rimostranza, reclamo. ~ lamentela. 
lagnàrsi, v. intr. pron. 1 Risentirsi e mostrare il proprio malcontento. ~ lamentarsi. 2 Dolersi, rincrescersi, rammaricarsi. ~ dispiacersi. <> rallegrarsi. 3 Recriminare. ~ protestare. 
Lagnàsco Comune in provincia di Cuneo (1.341 ab., CAP 12030, TEL. 0175). 
làgno, sm. Lamento. 
lagnóne, agg. Che si lagna continuamente. 
lagnosaménte, avv. In modo lagnoso. 
lagnóso, agg. 1 Lamentoso. ~ piagnucoloso. 2 Noioso, seccante. ~ pesante. 
Làgo Comune in provincia di Cosenza (3.401 ab., CAP 87035, TEL. 0982). 
làgo, sm. (pl.-ghi) 1 Massa d'acqua che riempie una cavità senza una comunicazione diretta con il mare. 2 Abbondante quantità di liquido sparso. 
Lago dei cigni, Il Balletto in quattro atti di P. I. Cajkovskij, libretto di V. Beghiscev e V. Geltzer (Mosca, 1877). 
lagoftàlmo, sm. Incapacità delle palpebre di ricoprire completamente l'occhio. 
Lagomòrfi Ordine dei Mammiferi simili ai Roditori dai quali si differenziano per orecchie più lunghe, asimmetria evidente nello sviluppo delle zampe (quelle posteriori sono molto più sviluppate) e la presenza di due denti incisivi in più. Da citare la famiglia degli Ocotonidi (o lepri fischianti) proprie dell'America e dell'Asia e quella dei Leporidi (coniglio e lepre). Queste ultime specie sono state introdotte dall'uomo in Madagascar e in Australia a scopo di allevamento. 
lagóne, sm. Termine usato nella zona dei soffioni boraciferi della Toscana per indicare dei piccoli bacini di forma circolare, contenenti acque piovane o di condensazione, in corrispondenza delle quali si hanno evaporazioni di vapore acqueo unito a carbonio e ammoniaca. 
Lagonégro Comune della provincia di Potenza (6.245 ab., CAP 85042, TEL. 0973), situato a 666 m di altezza, nell'alto bacino del fiume Noce. Centro di villeggiatura estivo. La parte antica del centro abitato è arroccata su una rupe dove si trovano i resti del castello e di altre fortificazioni; di rilievo la chiesa di San Nicola del X sec. Nota fin dalla preistoria, ebbe grande importanza nel medioevo, fu feudo dei Carafa, si liberò nel 1552 dai feudatari. Durante il periodo napoleonico fu teatro di combattimenti.