Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

Anna Christie Dramma di Eugene O'Neill, rappresentato per la prima volta nel 1921; vinse il premio Pulitzer nel 1922. Rappresentato più volte con successo, contribuì a consacrare la fama internazionale dell'autore. Il lavoro mette in scena una vicenda realistica ambientata a bordo di una chiatta. La protagonista Anna, che dà il titolo all'opera, è la figlia del capitano, che nella dura vita di bordo cerca una via di riscatto morale. 
Anna Christie Film drammatico, americano (1930). Regia di Clarence Brown. Interpreti: Greta Garbo, Charles Bickford, George Marion. Titolo originale: Anna Christie 
Ànna Comnéna (1083-1150 ca.) Principessa bizantina, scrittrice. Figlia dell'imperatore d'Oriente Alessio I, compì approfonditi studi classici. Andò sposa al generale Niceforo Briennio. Morto il padre nel 1118, Anna tentò di organizzare una congiura contro l'erede al trono, il fratello Giovanni. Il tentativo fallì per la lealtà del marito Niceforo nei confronti dell'erede legittimo. Anna fu costretta a ritirarsi in convento. Proseguì un lavoro di storiografia, Alexias (Alessiade), centrato sul periodo di regno del padre dal 1069 al 1118. L'opera, completata nel 1148, è suddivisa in quindici libri ed è considerata una creazione originale, pur se modellata sulle opere classiche di Polibio e di Tucidide. Gli studiosi hanno rilevato la serietà dell'indagine e la considerano una fonte importante per la conoscenza del periodo storico affrontato. 
Anna e Bruno, e altri racconti Racconti di R. Bilenchi (1938). 
Anna Karenina Romanzo di L. N. Tolstoj (1875-1877). Grande successo letterario, l'opera concentra l'attenzione su due coppie: Anna Karenina e Aleksej Vronskij, Levin e Kitty. Anna, moglie insoddisfatta dell'avvocato Karenin, si innamora del brillante ufficiale Vronskij. Il marito le impone il rispetto delle formalità esteriori, ma Anna, che è rimasta incinta dell'amante, fugge con lui in Italia. La buona società mette al bando l'adultera, mentre il marito le impedisce di vedere il figlio nato dal loro matrimonio e non le concede il divorzio. Convinta erroneamente che anche Vronskij non l'ami più, Anna si uccide gettandosi sotto un treno. Vronskij, sconvolto, parte per la guerra di Crimea. Alla vicenda di Anna, si alternano quelle del proprietario Levin, che, spinto dal bisogno di dare un senso all'esistenza, riesce pur tra le difficoltà, a costruirsi una vita familiare serena con la moglie Kitty, lontano dalla società frivola; e il commovente amore di Daria per Oblonskij, basato essenzialmente sul sacrificio e sulla rassegnazione. Come nelle altre sue grandi opere, l'autore non contrappone moralisticamente le due vicende, ma assume un punto di vista più problematico, che cerca di cogliere la totalità del reale in tutte le sue manifestazioni, comprendere gli altri e giungere al senso profondo della vita. Secondo la moda del tempo, il romanzo venne inizialmente pubblicato a puntate sul giornale Russkij Vestnik (Messaggero russo) dal 1875 al 1877. La vicenda è stata più volte portata sullo schermo; si ricorda la forte interpretazione di Greta Garbo (1935) con la regia di Clarence Brown. 
Anna Karenina Film drammatico, americano (1935). Regia di Clarence Brown. Interpreti: Greta Garbo, Fredric March, Freddie Bartholomew. Titolo originale: Anna Karenina 
Anna Karenina Romanzo di L. N. Tolstoj (1875-1877). Grande successo letterario, l'opera concentra l'attenzione su due coppie: Anna Karenina e Aleksej Vronskij, Levin e Kitty. Anna, moglie insoddisfatta dell'avvocato Karenin, si innamora del brillante ufficiale Vronskij. Il marito le impone il rispetto delle formalità esteriori, ma Anna, che è rimasta incinta dell'amante, fugge con lui in Italia. La buona società mette al bando l'adultera, mentre il marito le impedisce di vedere il figlio nato dal loro matrimonio e non le concede il divorzio. Convinta erroneamente che anche Vronskij non l'ami più, Anna si uccide gettandosi sotto un treno. Vronskij, sconvolto, parte per la guerra di Crimea. Alla vicenda di Anna, si alternano quelle del proprietario Levin, che, spinto dal bisogno di dare un senso all'esistenza, riesce pur tra le difficoltà, a costruirsi una vita familiare serena con la moglie Kitty, lontano dalla società frivola; e il commovente amore di Daria per Oblonskij, basato essenzialmente sul sacrificio e sulla rassegnazione. Come nelle altre sue grandi opere, l'autore non contrappone moralisticamente le due vicende, ma assume un punto di vista più problematico, che cerca di cogliere la totalità del reale in tutte le sue manifestazioni, comprendere gli altri e giungere al senso profondo della vita. Secondo la moda del tempo, il romanzo venne inizialmente pubblicato a puntate sul giornale Russkij Vestnik (Messaggero russo) dal 1875 al 1877. La vicenda è stata più volte portata sullo schermo; si ricorda la forte interpretazione di Greta Garbo (1935) con la regia di Clarence Brown. 
Anna Karenina Film drammatico, americano (1935). Regia di Clarence Brown. Interpreti: Greta Garbo, Fredric March, Freddie Bartholomew. Titolo originale: Anna Karenina 
Ànna Porfirogenéta (963-1011) Principessa di Kiev. Figlia dell'imperatore d'Oriente Romano II. Nel 989 fu data in sposa a Vladimiro I principe di Kiev, a condizione che il marito si convertisse al cristianesimo. 
Anna, prendi il fucile Film musicale, americano (1950). Regia di George Sidney. Interpreti: Betty Hutton, Howard Keel, Louis Calhern. Titolo originale: Annie Get Your Gun 
Annaba Città (228.000 ab.) dell'Algeria, capoluogo del wilaya omonimo. 
Annabèlla (La Varenne-Saint-Hilaire 1909-) Nome d'arte dell'attrice francese Suzanne-Georgette Charpentier. Tra le sue interpretazioni di successo, si ricordano Il Milione (1931) e 14 luglio (1933) del regista Réné Clair. 
annacquaménto, sm. L'annacquare. 
annacquàre, v. tr. 1 Mescolare, diluire con acqua. ~ allungare. <> concentrare. 2 Temperare, mitigare, svigorire. ~ attenuare. <> rafforzare. 
annacquàta, sf. 1 L'annacquare leggero. 2 Pioggerellina. 
annacquàto, agg. 1 Diluito, allungato con acqua. 2 Fioco, sbiadito. ~ scialbo. <> vivace. 
annacquatùra, sf. L'annacquare, la cosa annacquata. 
annaffiaménto, sm. L'annaffiare, l'essere annaffiato. 
annaffiàre, v. tr. Bagnare con l'acqua a modo di pioggia. ~ irrorare. 
annaffiàta, sf. 1 L'annaffiare poco, leggermente. ~ spruzzata. 2 Pioggia di breve durata. 
annaffiatóio, sm. Recipiente con manico e beccuccio, traforato all'estremità, usato per annaffiare. 
annaffiatùra, sf. Distribuzione di acqua su colture o a scopi igienici. 
annàli, sm. pl. 1 Grandi raccolte di notizie storiche trascritte, in ordine cronologico, di anno in anno. 2 Titolo di pubblicazioni periodiche accademiche. 3 Annuario. 
<< indice >>