Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

 

mansuefàre, v. tr. Rendere mansueto e domestico. 
Mansuèlli, Guìdo Achìlle (Monopoli, Bari 1916-) Archeologo italiano, professore di archeologia. Ha scritto numerose opere, tra le quali Galleria degli Uffizi: Le sculture (1958-1961), I Cisalpini (1962), Etruria (1963) e L'ultima Etruria (1988). 
mansuèto, agg. Mite, tranquillo. ~ arrendevole. <> aggressivo. 
mansuetùdine, sf. L'essere mansueto. 
mansuetùdine, sf. L'essere mansueto. 
Manszra, El Città (358.000 ab.) dell'Egitto, sul delta del Nilo. Capoluogo del governatorato di Daqahlîya. 
Mànta Comune in provincia di Cuneo (3.243 ab., CAP 12030, TEL. 0175). 
mànta, sf. Pesce (Manta birostris) della famiglia dei Mobulidi e dell'ordine dei Rajiformi. Dotata di due pinne cefaliche molto sviluppate, ha una larghezza di 7 m. Vive nei mari tropicali in coppia o in gruppo. È munita di lobi appuntiti ai lati della testa con cui convoglia nella bocca il plancton di cui si nutre. In genere non è pericolosa per l'uomo. 
Mantaro, Río Fiume (700 km) del Perú, affluente del fiume Apurímac. 
mantèca, sf. Composizione di sostanze grasse e di profumo, usata per ungere i capelli o altro. 
mantecàre, v. tr. Mescolare diverse sostanze per farne manteca. 
mantecàto, sm. Tipo di gelato che si gusta in coppa. 
Mantegàzza, Cristòforo (Attivo a Pavia 1464-1482) e Antònio (attivo 1472-1495) Scultori. Tra le opere Profeti e Santi del basamento esterno della Certosa di Pavia (1478-1481). 
Mantegàzza, Pàolo (Monza 1831-Lerici 1910) Medico e antropologo. Darwiniano, scrisse Filosofia del piacere (1854) e Fisiologia del dolore (1888). 
Mantègna, Andrèa (Isola di Carturo 1431-Mantova 1506) Pittore e incisore, tra i maestri dell'arte italiana del XV sec. Figlio adottivo del pittore Francesco Squarcione di Padova, sviluppò un profondo interesse per l'antichità classica. Dopo gli studi a Padova, fu chiamato a Mantova dal marchese Ludovico Gonzaga nel 1460. A Mantova rimase fino alla morte, tranne due brevi viaggi in Toscana (1466 e 1467) e un viaggio a Roma (1488-1490). Ludovico era un uomo colto e generoso; capì il valore del pittore e cercò di creargli un ambiente favorevole, mettendogli a disposizione una casa con una bottega. Le opere principali del Mantegna sono gli affreschi delle Storie dei Santi. Giacomo e Cristoforo (1455-1456, Padova, cappella Ovetari della chiesa degli Eremitani), la Pala di San Zeno (1456-1460, Verona), l'Orazione nell'orto (1455-1460, Londra), la Morte della Vergine (1460-1465, Museo del Prado, Madrid), San Sebastiano (1480 ca., Louvre, Parigi), Il Parnaso (1497, Louvre, Parigi). Le opere ritenute più significative e innovative sono la Camera degli sposi e Il Cristo morto. La Camera degli sposi (1465-1474, Mantova, palazzo Ducale) rappresenta una delle realizzazioni più efficaci della pittura illusionistica. L'osservatore ha l'impressione di trovarsi all'interno di un padiglione luminoso costruito all'aperto, in mezzo alla natura. L'idea influenzò artisti come il Correggio e il Bramante e venne imitata nell'arte barocca e rococò. Nel Cristo morto (1480, Milano, Pinacoteca di Brera) il punto di vista abbassato conferisce la massima drammaticità alla rappresentazione e l'effetto è rafforzato dall'espressione dei visi che appaiono a sinistra. Alle numerose opere pittoriche vanno aggiunte le altrettanto pregevoli incisioni di soggetto prevalentemente religioso, caratterizzate sempre da un grande rigore stilistico e da un'esecuzione impeccabile. L'influenza della scultura classica e quella del suo contemporaneo Donatello è evidente nelle sue rappresentazioni della figura umana, le cui forme si distinguono per solidità ed espressività. La sua opera costituì un riferimento fondamentale per lo sviluppo della pittura rinascimentale. 
mantèlla, sf. Mantello da donna o militare, senza maniche. 
mantellàta, sf. Opera di difesa delle sponde di un corso d'acqua dall'erosione. 
mantellétta, sf. Veste ecclesiastica lunga fino alle ginocchia e priva di maniche. Viene indossata da abati regolari, prelati, cardinali, vescovi e protonotari. 
mantellìna, sf. Mantello corto da donna che ricopre parte delle braccia e le spalle. 
mantèllo, sm. 1 Indumento senza maniche indossato sopra gli abiti e agganciato al collo. ~ tabarro. 2 Ciò che ricopre. i campi erano coperti da un mantello di neve. 3 Il pelame degli animali. ~ pelliccia. quel cavallo aveva un mantello bianco candido
<< indice >>