Home page
nocìvo, agg. Che procura danno. ~ dannoso. <> benefico. 
NOCS Sigla di Nucleo Operativo Corpi Speciali. 
noctilùca, sf. (pl.-che) Genere di Alghe pirrofite peridinee prive di teca e di clorofilla diffuse nei mari caldi e temperate a cui appartiene la Noctiluca scintillans che è luminescente. Si nutrono di altre Alghe microscopiche. 
nocuménto, sm. 1 Il nuocere. 2 Danno. 
nodàle, agg. 1 Relativo ai nodi astronomici. 2 Punto di incrocio di strade, ferrovie e simili. 3 Punto centrale di qualcosa. ~ sostanziale, essenziale. <> secondario, marginale. 
nodèllo, sm. 1 Giuntura del piede o della mano. 2 Negli animali a quattro zampe, la regione compresa tra lo stinco e il pasturale. 
Nodier, Charles (Besançon 1780-Parigi 1844) Scrittore. Tra le opere Smarra o i Demoni della notte (1821) e Tribly o il folletto d'Argail (1822). 
nodìno, sm. 1 Piccolo nodo. 2 Tipo di punto nel ricamo. 3 La costata di vitello. 
nòdo, sm. 1 Legatura che si fa intrecciando due capi di fune, spago ecc. ~ groppo, fiocco. 2 Punto focale di una questione. 3 Sostanza, essenza. 5 Punto di confluenza di più linee di comunicazione. 6 Nella navigazione, sia marina che aerea, è l'unità di misura della velocità ed è espressa in miglia marine (1.852 m) all'ora. 
Nodo di vipere Romanzo di F. Mauriac (1925). 
nodosità, sf. 1 L'essere nodoso. 2 La presenza di nodi su una superficie. 
nodóso, agg. Che ha molti nodi. 
nodulàre, agg. Costituito da noduli. 
nòdulo, sm. 1 Piccolo nodo sul tronco e sui rami degli alberi. 2 In anatomia formazione tondeggiante di origine naturale o patologica. ~ escrescenza, ciste. 
nodulóso, agg. Pieno di noduli. 
NOE Sigla di Nucleo Operativo Ecologico. 
Noè In ebraico Noah. Personaggio biblico, patriarca che Dio esortò a costruire un'arca per rifugiarsi insieme alla sua famiglia e a una coppia di tutti gli animali, salvandosi dal diluvio. Secondo la tradizione visse fino a tarda età e fu il primo a coltivare la vite. Bevendo il frutto di questa nuova piantagione, Noè un giorno si ubriacò e i tre figli lo trovarono nudo. Uno dei tre figli, Cam, lo derise e per questo, al suo risveglio Noè benedisse gli altri due figli rispettosi (Sam e Jafet) e maledisse Cam per la sua sfrontatezza e irriverenza. La tradizione fa risalire a questo racconto la maledizione di Cam e di tutta la sua stirpe di Canaan. Infatti, la Bibbia considera i tre figli di Noè Cam, Jafet e Sam i capostipiti delle tre stirpi umane e fa risalire a Noè tutta l'umanità prediluviana. 
noèma, sm. (pl.-i) 1 Insieme dei tratti componenti il senso dell'enunciato. 2 In filosofia, l'oggetto della percezione intellettuale o il suo contenuto. 
Noèpoli Comune in provincia di Potenza (1.348 ab., CAP 85035, TEL. 0973). 
noèsi, sf. 1 Nella filosofia classica, pensiero, conoscenza intuitiva. 2 Nella filosofia moderna, Husserl ha usato tale termine per indicare il momento soggettivo degli atti di cognizione rivolti all'oggetto dell'esperienza vissuta.