Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Spesa pubblica - rendiconti Ministeri 2017

  

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

Oman Sultanato indipendente dell'Asia, nella penisola arabica, affacciato al golfo di Oman e al Mar Arabico (oceano Indiano); confina a nord-ovest con gli Emirati arabi uniti, a ovest con l'Arabia Saudita, a sud-ovest con lo Yemen. 
Il paese include varie regioni fisicamente differenziate. A nord si trova il Mascate, stretta fascia per lo più montuosa (che tocca i 3.017 m con il Gebel al Akadar) fronteggiante il golfo di Oman. La presenza di rilievi determina una discreta piovosità sul versante orientale, che risente dei monsoni dell'oceano Indiano, mentre il versante occidentale degrada all'interno nella regione del Dhahira, più asciutta, anche se costellata di sorgenti. 
L'Oman propriamente detto occupa la sezione centrale del paese, in prevalenza pianeggiante, costituita da tavolati sabbiosi e aridi che si susseguono a ovest fino alla depressione desertica del Rub'al Khali. 
L'estremità meridionale è infine occupata dal Dhufar, regione montuosa affacciata al mar Arabico, dove le condizioni climatiche e la pur modesta piovosità permettono un discreto insediamento umano. 
Il clima è di tipo tropicale caldo e asciutto, le scarsissime precipitazioni sono di influsso monsonico; l'interno è spesso investito da venti caldi e asciutti provenienti dal deserto. 
La popolazione è costituita in prevalenza da arabi, seguiti da beduini nomadi, iraniani e indiani, e neri africani. 
La popolazione si raccoglie principalmente nel Mascate dove sorgono le città principali. La capitale è Mascate che, con il suo porto gemello di Matrah, domina l'accesso al golfo Persico, ed è il principale centro amministrativo ed economico-commerciale del paese. 
Altre città sono Suhar, Sur, Salalah e Nazwa, principale oasi dell'interno. 
Grazie all'estrazione del petrolio, il paese ha avviato dagli anni '70 un processo di modernizzazione e industrializzazione molto rapido. 
L'agricoltura rimane di stampo prettamente tradizionale; nelle oasi si coltivano palme da dattero, cereali (sorgo, miglio, orzo) e tabacco; fiorente è anche la frutticoltura, in particolare degli agrumi. 
Viene praticato l'allevamento di ovini e caprini, di bovini e di cammelli; una certa importanza ha anche la pesca, soprattutto delle sardine, che costituiscono la risorsa delle popolazioni costiere e che sono in buona parte esportate. 
Nel 1967 è iniziato lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi, collegati via oleodotto alla raffineria di Mina al Fahal. I proventi derivanti dal petrolio hanno permesso efficaci interventi di miglioramento dei servizi sociali (scuole e ospedali) e delle infrastrutture (comunicazioni). 
Oltre all'industria petrolchimica, un certo impulso hanno ricevuto anche l'industria siderurgica e il settore edile e collaterali (cemento). 
Dal XVII al XIX sec. i sultani di Oman governano un impero marittimo, acquisito a spese dei portoghesi e il cui centro era Zanzibar. A partire dal 1970 il sultano Qabus ibn SażÌżd ha avviato un'attività di modernizzazione del paese. 
Abitanti-2.163.000 
Superficie-212.457 km2 
Densità-10,2 ab./km2 
Capitale-Masqat 
Governo-Monarchia assoluta 
Moneta-Riyal dell'Oman 
Lingua-Arabo 
Religione-Musulmana di rito sunnita 
Oman, golfo di 
Sezione dell'oceano Indiano compresa fra l''Oman e l'Iran. Comunica con il Golfo Persico tramite lo stretto di Hormuz. 
Omar Pascià (Plaski 1806-Istanbul 1871) Militare ottomano. Di origine croata, nella guerra di Crimea fu al comando dell'esercito turco. Nel 1867 e 1868 fu ministro della guerra. 
omarìno, sm. 1 Piccolo uomo, bambino. ~ bimbo. 2 Uomo piccolo, di misero aspetto. 
òmaso, sm. Il terzo stomaco dei Ruminanti. 
Omayyadi Dinastia di califfi arabi che resse l'impero islamico dal 661 al 750. Fu fondata da Muawiyya, governatore della Siria. Il califfato degli Omayyadi ebbe per capitale Damasco, si estese dall'Asia centrale alla Spagna e portò a un grande sviluppo delle arti e della scienza, fondendo le culture indiana ed ellenica nella nascente cultura islamica. Nel 750 furono sconfitti dalla rivolta guidata dagli Abbasidi, che fecero massacrare i membri della famiglia. Si salvò soltanto Abd-al-Rahman che emigrò in Spagna, dove costituì l'emirato indipendente di Cordoba (756) che acquisì una notevole potenza, per decadere nel 1031. 
ombelicàle, agg. 1 Relativo all'ombelico. 2 Cordone che, unendo il feto alla placenta, consente l'alimentazione dello stesso. 
ombelicàto, agg. Di oggetto che presenta al centro un rilievo rotondo. 
ombelìco, sm. Depressione tonda, situata nella linea di mezzo dell'addome, generata come cicatrice a seguito del taglio del cordone ombelicale. Nel feto rappresenta l'orifizio dell'addome attraverso cui il cordone ombelicale porta il nutrimento dalla placenta. 
Ombella-Mpoko Prefettura (151.000 ab.) della Repubblica Centrafricana, al confine con lo Zaire. Capoluogo Bimbo. 
ómbra, sf. Diminuzione di luminosità dovuta all'interposizione, tra la sorgente di luce e una superficie illuminata, di un corpo totalmente o parzialmente non trasparente. Se la sorgente è puntiforme, l'ombra di un oggetto è la proiezione dell'oggetto stesso sulla superficie illuminata. Se la sorgente non è puntiforme, si forma una zona detta di penombra, costituita dai punti illuminati solo da una parte della sorgente stessa. ~ buio, oscurità. <> chiaro, luce. 
Ombra del corpo del cocchiere, L' Romanzo di P. Weiss (1960). 
Ombra del passato, L' Film poliziesco, americano (1945). Regia di Edward Dmytryk. Interpreti: Dick Powell, Claire Trevor, Anne Shirley. Titolo originale: Murder, my Sweet 
ombràre, v. tr. 1 Coprire d'ombra. 2 Sfumare, ombreggiare. 
ombràre, v. tr. 1 Coprire d'ombra. 2 Sfumare, ombreggiare. 
ombratùra, sf. 1 Zona più scura su di una superficie chiara. 2 Ombreggiatura, soprattutto del disegno. 
ombré, sm. invar. Tessuto che presenta un effetto di sfumature. 
Ombre in paradiso Romanzo di E. M. Remarque (postumo 1971). 
Ombre malesi Film drammatico, americano (1940). Regia di William Wyler. Interpreti: Bette Davis, Herbert Marshall, James Stephenson. Titolo originale: The Letter 
Ombre rosse Film western, americano (1939). Regia di John Ford. Interpreti: John Wayne, Claire Trevor, John Carradine. Titolo originale: Stagecoach 
ombreggiaménto, sm. Dare risalto alle figure con le ombre. 
<< indice >>