Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

orientalizzàre, v. v. tr. Avvicinare agli usi e costumi orientali. 
v. rifl. Avvicinarsi alla cultura e ai costumi orientali. 
orientalizzazióne, sf. Il processo dell'orientalizzare o dell'orientalizzarsi. 
Orientamenti Opera di poesia di O. Elitis (1940). 
orientaménto, sm. 1 Determinazione della posizione rispetto ai punti cardinali. ~ direzione, rotta. aveva un senso innato dell'orientamento. 2 Tendenza, indirizzo. ~ predisposizione. l'orientamento generale č per affrontare un obiettivo per volta; il centro di orientamento scolastico determina le inclinazioni degli studenti e quindi consiglia il percorso di studi migliore. 
orientàre, v. v. tr. 1 Rivolgere a oriente. 2 Disporre in una determinata posizione corrispondente ai punti cardinali. ~ orizzontare, posizionare. 3 Indirizzare. ~ instradare. aveva orientato quel giovane agli studi scientifici
v. intr. pron. 1 Riconoscere il luogo dove ci si trova rispetto ai punti cardinali. ~ orizzontarsi. 2 Ritrovarsi da uno stato di confusione. ~ raccapezzarsi. non riusciva pių a orientarsi con tutti quei nomi di strade simili. 3 Indirizzarsi verso una scelta. 
orientativaménte, avv. In modo da orientare. 
orientatìvo, agg. Diretto a orientare. 
orientazióne, sf. La posizione in rapporto ai punti cardinali. 
Oriente Regione (372.000 ab.) dell'Ecuador, compresa tra il versante orientale della Cordigliera Orientale e il confine con il Perú. 
oriènte, sm. Punto cardinale dal quale sembra sorgere il Sole. ~ est, levante. <> ovest, occidente. 2 Luogo posto a est rispetto a un altro. 3 Termine che ha assunto per estensione il significato di insieme dei paesi asiatici rispetto all'Europa. Si distingue il Medio oriente, costituito dall'Asia sudoccidentale e l'Estremo oriente, costituito dalla parte orientale dell'Asia (Cina, Giappone e sud-est asiatico). 
Orient-Express Treno internazionale a lungo percorso che originariamente metteva in comunicazione Parigi con Istanbul passando da Monaco, Vienna, Belgrado, Sofia (o Bucarest, Costanza). Creato nel 1883 è stato soppresso nel 1968 per riprendere successivamente a percorso ridotto (fino a Vienna, al massimo Bucarest). 
orifiàmma, sf. Stemma di colore rosso cosparso di stelle, insegna dei re di Francia. 
orifìzio, sm. Foro, apertura. ~ buco. 
origàmi, sm. L'arte di creare figure piegando fogli di carta. 
orìgano, sm. Angiosperma (Origanum vulgare) della famiglia delle Labiate e dell'ordine delle Tubiflore. Pianta erbacea, cresce spontanea nella regione mediterranea. Viene utilizzato come aromatizzante. 
Orìgene (Alessandria 185?-Tiro 254?) Scrittore e teologo greco cristiano. Allievo di Clemente Alessandrino, insegnò nella scuola catechetica di Alessandria dove riorganizzò il Didaskalčion. Si trasferì poi in Cappadocia a Cesarea (230) dove fondò la propria scuola. Morì per le torture subite durante la persecuzione di Decio. Elaborò il pensiero cristiano secondo la filosofia neoplatonica. Nelle sue opere sostenne anche la reincarnazione delle anime, teoria condannata dal concilio ecumenico di Costantinopoli (553). Rimangono soltanto poche delle numerose opere in greco (i commenti a Giovanni e Matteo, un trattato contro Celso, alcune omelie, l'Esortazione al martirio e Sulla preghiera), oltre alla versione latina del De Principiis, la sua opera più importante. Si occupò anche di esegesi biblica con l'opera Hexapla, nella quale il testo ebraico è confrontato con la versione translitterale greca e con quattro traduzioni. 
Orìggio Comune in provincia di Varese (5.882 ab., CAP 21040, TEL. 02). 
originàle, agg. e sm. agg. 1 Che si ha dall'origine. edizione originale di un libro, la prima stampata. 2 Non imitato, nuovo. ~ inedito. <> usuale. 3 Autentico. fu ritrovato un manoscritto originale dell'autore. 4 Strano, stravagante. ~ insolito. <> comune. 
sm. 1 Opera originale. 2 Modello. ~ prototipo. 3 Persona o cosa bizzarra. gli piaceva apparire originale alle feste
originalità, sf. L'essere originale. 
originalménte, avv. In modo originale, con originalità. 
<< indice >>