Home page
protéso, agg. Teso in avanti. 
protèsta, sf. 1 Il disapprovare o l'opporsi. 2 Dichiarazione della propria volontà di opposizione. ~ contestazione, dissenso. 
protestànte, agg., sm. e sf. Che, o chi, professa il protestantesimo. 
protestantésimo, sm. Movimenti religioso sviluppatosi in seguito alla riforma della chiesa promossa da M. Lutero. Il termine deriva dalla protesta pubblica avanzata dai principi e dalle città luterane nei confronti dell'imperatore Carlo V alla dieta di Spira nel 1529, contro la condanna di Lutero voluta dal papa. Inizialmente si formarono i movimenti del luteranesimo, del calvinismo, dello zwinglismo e dell'anglicanesimo, mentre in seguito si svilupparono tendenze più radicali (quaccheri, anabattisti, pentecostali, spiritualisti ecc.). Punti di incontro fra le varie chiese protestanti sono il ritorno alla Bibbia come fonte della fede, una minore considerazione dell'importanza della struttura ecclesiastica, che è ritenuta utile ma non indispensabile alla testimonianza della fede, l'importanza assoluta della grazia di Dio come unica via per la salvezza dell'uomo, che deve testimoniare la propria fede mediante un'adeguata condotta di vita. Attualmente le varie chiese protestanti (circa 450 milioni di fedeli nel mondo) sono riunite nel consiglio mondiale delle chiese, a cui aderiscono anche le chiese ortodosse; in Italia il movimento protestante è rappresentato soprattutto dalla chiesa valdese, che ha aderito alla chiesa metodista. 
protestàre, v. v. tr. 1 Attestare. protestava la sua innocenza di fronte alla corte. 2 Dichiarare il mancato pagamento di un debito. 3 Rifiutare un oggetto. 
v. intr. Esprimere la propria disapprovazione. ~ dissentire, opporsi. <> approvare. 
protestatàrio, agg. Che contiene una protesta. 
protestàto, agg. Relativo a cambiale, colpita da protesto. 
protestatóre, sm. Chi protesta. 
protèsto, sm. La constatazione del mancato pagamento di un titolo di credito da parte di un notaio o di un ufficiale giudiziario. 
protètico, agg. (pl. m.-ci) Relativo a una protesi. 
protettìvo, agg. Che serve a proteggere. 
protètto, agg. e sm. agg. Difeso, riparato. ~ al riparo, al sicuro. <> esposto, indifeso. 
sm. La persona protetta da qualcuno. 
protettoràto, sm. Forma di tutela esercitata da uno stato nei confronti di un altro. 
protettóre, agg. e sm. 1 Che, o chi, protegge, difende. ~ difensore, mecenate. festeggiavano il Santo protettore della cittą. 2 Chi sfrutta una prostituta. 
protezióne, sf. 1 Il proteggere. ~ aiuto, difesa. 2 Istituzione protettrice. 
protezionìsmo, sm. Politica economica che, agendo sui dazi doganali, protegge i prodotti nazionali dalla concorrenza straniera. 
protezionìsta, agg. e sm. (pl.-i) agg. Protezionistico. 
sm. Fautore del protezionismo. 
protezionìstico, agg. (pl. m.-ci) Relativo al protezionismo. 
protìde, sf. Proteina. 
protìsti Termine con cui E. Haeckel soleva indicare gli organismi unicellulari, sia animali (Protozoi) che vegetali (Batteri).