Home page
prùdere, v. intr. Avere prurito, pizzicore. mi prudono le mani, aver voglia di picchiare qualcuno; mi prude la lingua, volere parlare nonostante sia più conveniente stare zitto. 
pruderìe, sf. invar. Pudore formale. ~ moralismo, perbenismo. 
Prudhon, Pierre-Paul (Cluny 1758-Parigi 1823) Pittore francese. Tra le opere Il giovane Zefiro (1814, Parigi, Louvre) e Il conte Sommariva (1815, Milano, Brera). 
prudóre, sm. Prurito. 
prueggiàre, v. intr. Affrontare il mare di prora. 
pruéggio, sm. Effetto del prueggiare. 
Navigare a prueggio 
Andare con la prua contro il vento. 
Prufrock e altre osservazioni Opera di poesia di Th. S. Eliot (1917). 
prùgna, sf. Il frutto del prugno. 
prùgno, sm. Susino. 
prùgnola, sf. Frutto del prugnolo. ~ susina selvatica. 
prùgnolo, sm. Arbusto spinoso con fiori bianchi e frutti commestibili. 
pruìna, sf. lett. 1 Brina. 2 Sottile strato di cera che riveste alcuni frutti o foglie. 
prunàio, sm. 1 Terreno coperto da pruni. 2 Situazione complicata. 
prunèlla, sf. Tessuto lucido e resistente, di colore scuro. 
Prunèllidi Sinonimo di accentoridi. 
prunéto, sm. Prunaio. 
Prunétto Comune in provincia di Cuneo (502 ab., CAP 12070, TEL. 0174). 
Prunner, Johann Michael (Linz 1669-1739) Architetto austriaco. Tra le opere il santuario della Trinità a Paura (1714-1724) e la collegiata dell'Assunta a Spital am Phyrn (1714-1736). 
prùno, sm. 1 Prugnolo. 2 Nome generico di tutte le piante selvatiche spinose. 
prurìgine, sf. lett. 1 Prurito leggero. 2 Malattia cutanea che provoca prurito.