Home page
prùgna, sf. Il frutto del prugno. 
prùgno, sm. Susino. 
prùgnola, sf. Frutto del prugnolo. ~ susina selvatica. 
prùgnolo, sm. Arbusto spinoso con fiori bianchi e frutti commestibili. 
pruìna, sf. lett. 1 Brina. 2 Sottile strato di cera che riveste alcuni frutti o foglie. 
prunàio, sm. 1 Terreno coperto da pruni. 2 Situazione complicata. 
prunèlla, sf. Tessuto lucido e resistente, di colore scuro. 
Prunèllidi Sinonimo di accentoridi. 
prunéto, sm. Prunaio. 
Prunétto Comune in provincia di Cuneo (502 ab., CAP 12070, TEL. 0174). 
Prunner, Johann Michael (Linz 1669-1739) Architetto austriaco. Tra le opere il santuario della Trinità a Paura (1714-1724) e la collegiata dell'Assunta a Spital am Phyrn (1714-1736). 
prùno, sm. 1 Prugnolo. 2 Nome generico di tutte le piante selvatiche spinose. 
prurìgine, sf. lett. 1 Prurito leggero. 2 Malattia cutanea che provoca prurito. 
pruriginóso, agg. Che provoca prurigine. 
prurìto, sm. Sensazione molesta d'irritazione alla pelle. ~ formicolio, solletico. 
Prùsia Nome di sovrani. 
Prusia I 
(?-182? a. C.) Re della Bitinia dal 230, protagonista di un'accorta politica di espansione in Asia. Tra il 186 e il 183 combatté contro Pergamo, ma i romani interruppero il conflitto garantendo a Pergamo l'integrità territoriale in cambio della consegna di Annibale, che viveva presso la sua corte. 
Prusia II 
(?-149 a. C.) Figlio di Prusia I, gli succedette nel 182 a. C. come re di Bitinia. Il figlio Nicomede, alleato di Pergamo, lo assassinò. 
Prùssia Regione storica della Germania (Preussen) in cui alle popolazioni originarie di ceppo ugro-finnico si aggiunsero i goti e, in seguito, i prusi. La regione fu poi conquistata dai cavalieri teutonici (1226) e colonizzata da popolazioni tedesche. Nel 1525 fu trasformata in un ducato assegnato ad Alberto di Hohenzollern, mentre nel 1618 passò a Giovanni di Brandeburgo e nel 1648 costituì un unico stato (con Pomerania e Magdeburgo), sotto Federico Guglielmo il Grande. Federico I ottenne poi il titolo di re dello stato prussiano (1701), stato che, sotto Federico II, allargò i propri confini annettendo Slesia e Polonia occidentale. Nel 1815 (congresso di Vienna) la Prussia recuperò i territori perduti nel 1807 e si presentava come uno stato potente quanto l'Austria, nell'ambito germanico. Grazie anche a una politica di sviluppo economico, i prussiani riuscirono a sconfiggere l'Austria nel 1866, proclamando poi la fondazione della Confederazione della Germania del Nord. Dopo la vittoria sulla Francia fu proclamato, con Guglielmo I, l'impero germanico. Da quel momento, la storia della Prussia è entrata a far parte di quella della Germania, fino al termine della seconda guerra mondiale, quando buona parte del suo territorio è stata annessa alla Polonia e all'Unione Sovietica. 
prussianésimo, o prussianìsmo, sm. Spirito militare tipico dei prussiani. 
prussiàno, agg. Relativo o appartenente alla Prussia. 
prùssico, agg. (pl. m.-ci) Riferito all'acido cianidrico.