Home page
pseudomorfòsi, o pseudomorfìsmo, sf. o sm. 1 Processo di fossilizzazione in cui si ha la sostituzione delle sostanze che costituiscono un guscio o un osso con sostanze minerali. 2 Fenomeno consistente nel cambiamento della composizione chimica di un minerale cristallizzato senza che esso cambi la forma cristallina esterna. 
pseudònimo, agg. e sm. agg. Di testo letterario noto sotto un nome diverso da quello dell'autore. 
sm. Nome fittizio con il quale un autore firma un'opera. 
pseudoperiòdico, agg. (pl. m.-ci) In fisica e in matematica, di funzione di una variabile indipendente che si può esprimere come prodotto di due funzioni, una periodica e una non periodica, della stessa variabile (di solito il tempo). 
pseudoperìptero, agg. Di tempio, i cui muri esterni hanno semicolonne addossate. 
pseudopòdio, sm. 1 In botanica, filamento originato dai gameti che sorregge la capsula di alcuni Muschi. 2 In citologia, estroflessione citoplasmatica transitoria di forma variabile che ha funzioni fagocitarie e locomotive. 
pseudoscòpio, sm. Particolare stereoscopio che produce una sensazione di rilievo inversa rispetto a quella reale. 
Pseudoscorpióni, o pseudoscorpiònidi Ordine di Aracnidi che presentano pedipalpi muniti chele come gli scorpioni. 
pseudosensoriàle, agg. In istologia, di cellule degli epiteli sensoriali che, pur non essendo cellule nervose vere e proprie, sono recettive nei confronti di alcuni stimoli sensoriali. 
pseudosfèra, sf. Superficie che presenta una curvatura gaussiana negativa costante. Si può ottenere con una rivoluzione di una trattrice attorno al suo asintoto. 
Pseudosferiàli Ordine di Funghi Ascomiceti che presentano periteci deiscenti tramite un piccolo foro apicale e aschi con una membrana doppia a forma di uovo. 
pseudosimmetrìa, sf. In cristallografia, fenomeno per il quale certi cristalli sembrano avere un grado di simmetria superiore a quello al quale appartengono. 
pseudotessùto, sm. Aggregato di cellule costituito per libera associazione di individui non uniti tra di loro. 
pseudovulcànico, agg. (pl. m.-ci) Di manifestazioni, non connesse a fenomeni vulcanici, consistenti in emissioni di vapori e gas, a volte misti ad acqua e fango. 
PSI Sigla del Partito Socialista Italiano. 
psi, sm. o sf. 1 In fisica quantistica, simbolo utilizzato per la funzione d'onda dell'equazione di Schrödinger. 2 Ventitreesima lettera dell'alfabeto greco (y o Y). 
psic(o)- Primo elemento di parole composte. 
psicagogìa, sf. Settore della pedagogia che si interessa della promozione dei processi più profondi dei bambini, quali la meditazione e la concentrazione. 
psicagògo, sm. (pl.-ghi) Medico specializzato nel riadattamento dei bambini con difficoltà psicosociali e degli adulti con comportamenti psichici anormali. 
psicanàlisi, sf. invar. Tecnica psicoterapeutica e teoria psicologica fondate sul pensiero di S. Freud, poi elaborato, modificato e completato anche da altri. La psicanalisi non intende soltanto agire come terapia nei confronti dei disturbi mentali, ma punta invece a una comprensione globale dell'apparato mentale dell'uomo. La teoria psicanalitica individua diverse parti all'interno della mente, il conscio, l'inconscio e il preconscio, e definisce i concetti di Io, Super-Io ed Es, le cui interrelazioni sono alla base del comportamento dell'individuo, con i meccanismi della rimozione, della razionalizzazione, della proiezione, posti in atto dall'Io nell'affrontare la realtà. Dal lato terapeutico, la psicanalisi intende raggiungere l'eliminazione del disturbo mentale mediante l'esplorazione del contenuto profondo della psiche, con una serie di tecniche specifiche (analisi dei sogni, associazione di idee, transfert) e individuando le manifestazioni dell'inconscio. La psicanalisi ha influenzato profondamente sia la medicina sia la cultura più in generale, grazie alle novità introdotte nell'esaminare i processi della mente. I seguaci più famosi di Freud sono stati A. Adler e C. G. Jung, che pure in parte si distaccarono dalle sue idee originarie. 
psicanalìsta, sm. e sf. (pl.-i) Medico o psicologo che impiega la psicanalisi nelle sue attività di ricerca o di terapia.