Home page
salvaménto, sm. L'atto del salvarsi. 
salvamotóre, sm. Dispositivo di sicurezza sui motori elettrici, basato su fusibili. 
salvapùnte, sm. invar. Cappuccio per proteggere le punte di matite e penne. 
salvàre, v. v. rifl. 1 Scampare a un pericolo. 2 Liberarsi da un danno o molestia. 3 Difendersi. non riuscě a salvarsi da quell'importunatore 
v. tr. 1 Mettere fuori pericolo. ~ proteggere. 2 Preservare da un pericolo. ~ custodire, tutelare. 3 Mantenere. salvň almeno le apparenze
salvarsan, sm. invar. Nome commerciale dell'arsfenammina, il primo chemioterapico che si dimostrò efficace nella cura della sifilide. 
salvatàcco, sm. (pl.-chi) Copertura in gomma o sintetica applicata sotto il tacco per limitarne il consumo. 
salvatàggio, sm. Insieme di operazioni svolte per salvare qualcuno o qualcosa. 
Salvate il soldato Ryan Film di guerra, americano (1998). Regia di S. Spielberg. Interpreti: T. Hanks, T. Sizemore, M. Damon, B. Pepper, J. Davies. 
salvatelecomàndo, sm. Involucro di gomma atto a impedire che cadute a terra rompano il telecomando. 
salvatóre, agg. e sm. agg. Che può salvare. 
sm. Colui che salva. 
Salvatore Giuliano Film drammatico, italiano (1962). Regia di Francesco Rosi. Interpreti: Frank Wolff, Salvo Randone. 
Salvatòres, Gabrièle (Napoli 1950-) Regista teatrale e cinematografico. Diresse Marrakech Express (1982), Turné (1990), Mediterraneo (1991, premio Oscar per il miglior film straniero), Puerto Escondido (1992), Sud (1994), Nirvana (1996). 
salvavìta, agg. e sm. agg. invar. Che può salvare la vita. 
sm. Interruttore elettrico di sicurezza che può scattare automaticamente per interrompere l'erogazione di corrente elettrica. 
salvazióne, sf. L'atto del salvare o salvarsi. 
sàlve, inter. Formula di saluto. 
Sàlve Comune in provincia di Lecco (4.524 ab., CAP 73050, TEL. 0833). 
Salvèmini, Gaetàno (Molfetta 1873-Sorrento 1957) Storico e politico. Militante socialista, fu un tenace sostenitore del suffragio universale e della soluzione del problema del Mezzogiorno. Oppositore di Giolitti, ne criticò i metodi politici denunciando il malcostume politico e i legami tra sottogoverno e malavita nelle regioni meridionali. Deputato nel 1919, antifascista, si schierò contro Mussolini e collaborò con i fratelli Rosselli al periodico Non mollare! Esule nel 1925, si recò in Francia, poi a Londra e negli Stati Uniti. Partecipò alla fondazione del movimento Giustizia e Libertà e, nel 1948, rientrato in Italia continuò la sua battaglia riformista e meridionalista. Opere principali, Magnati e popolani in Firenze dal 1280 al 1295 (1899), Mazzini (1905), La dittatura fascista in Italia (1928), Mussolini diplomatico (1932), Sotto la scure del fascismo (1936), La politica estera dell'Italia dal 1871 al 1914 (1944), Preludio alla seconda guerra mondiale (1953), Scritti sulla questione meridionale (1955). 
salveregìna, sm. invar. Preghiera rivolta alla Madonna. 
salvézza, sf. 1 L'essere in salvo. 2 Riparo, rifugio sicuro. 3 Incolumità. 
sàlvia, sf. Angiosperma (Salvia officinalis) della famiglia delle Labiate e dell'ordine delle Tubiflore. Suffrutice aromatico, originario della regione mediterranea. Viene utilizzata in cucina e in erboristeria.