Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

Schultz, Theodore (Arlington 1902-) Economista statunitense. Compì importanti studi sull'agricoltura dei paesi in via di sviluppo e nel 1979, con A. Lewis, fu insignito del premio Nobel per l'economia. Tra le sue opere, Trasformare l'agricoltura tradizionale (1964) e L'investimento in capitale umano (1971). 
Schultze, Max Johann Sigismund (Freiburg im Breisgau 1825-Bonn 1874) Istologo tedesco. Studiò il protoplasma cellulare e le cellule olfattorie della mucosa nasale (dette anche cellule di Schultze). 
Schulz, Bruno (Drohobycz, Galizia 1892-1942) Scrittore polacco. Tra le opere Le botteghe color cannella (1934) e Il sanatorio all'insegna della clessidra (1937). 
Schumann, Robert (Zwickau 1886-Endenich 1963) Politico francese. Esponente del Movimento repubblicano popolare ed europeista, fu presidente del consiglio nel 1947 e 1948 e nel 1950 elaborò l'omonimo piano da cui nacque la CECA. 
Schumann, Robert Alexander (Zwickau 1810-Endenich 1856) Compositore tedesco, fra i maggiori esponenti del romanticismo musicale. Figlio di un editore, iniziò presto l'istruzione musicale, insieme a quella letteraria di indirizzo classico. Perdette prematuramente la sorella, malata di mente, e il padre. Nel 1828 concluse gli studi classici e si iscrisse alla facoltà di legge dell'università di Lipsia. Nel 1829 si stabilì a Heidelberg e fece un viaggio in Italia (Milano e Venezia). Nel 1830 riprese lo studio della musica e si esibì come pianista. Dopo un concerto di N. Paganini a Francoforte, decise di abbandonare l'università per dedicarsi completamente alla musica e comunicò la sua risoluzione alla madre. Fu aiutato dal pianista F. Wieck, presso il quale trovò sistemazione e studiò composizione. Impedito di continuare l'attività di pianista per problemi alla mano destra, iniziò a comporre per il pianoforte. Nel 1833 fondò la Neue Zeitschrift fŁr Musik (Nuova rivista di musica) della quale fu direttore e redattore. Nel 1834 si innamorò di Clara Wieck, figlia del suo maestro e abile pianista; la poté sposare solo nel 1840 dopo una serie di contrasti da parte di F. Wieck. Nel 1835 strinse amicizia con F. Mendelssohn. Nel 1844 fece una tournée in Russia, senza trarne grandi vantaggi finanziari. Nel 1853 conobbe il giovane J. Brahms. Nel 1854, minato da una grave malattia mentale, tentò il suicidio gettandosi nel Reno; salvato, fu internato in una clinica dove trascorse gli ultimi due anni nella follia più totale. Persona molto colta, legò quasi sempre la sua ispirazione musicale a un movente letterario. Diede il meglio di sé nella composizione dei numerosi brevi pezzi pianistici, nei quali seppe valorizzare al meglio le qualità dello strumento. Il suo stile non concede nulla alla facile orecchiabilità dei motivi, specchio immediato di un'anima inquieta e assetata di infinito, apprezzato più dagli intenditori che dal grande pubblico. Tra le sue opere, sono da ricordare Genoveffa (opera teatrale, 1850), Faust (opera teatrale, eseguita postuma); pezzi pianistici, Carnaval op. 9 (1834-1835), Fantasia op. 12 (1837), Kreisleriana op. 16 (1838), Novellette op. 21 (1838), Kinderszenen op. 15 (1838), Album per la gioventý op. 68 (1848) dal dichiarato intento pedagogico, e Waldszenen op. 82 (suite pianistica, 1848-1849). Si citano, inoltre, le composizioni di forma classica, meno unitarie, ma contenenti spunti di grande bellezza: Sonata per pianoforte op. 11 in fa diesis minore (1834-1835), Quintetto (1842), Quartetto op. 41 n. 3, Quartetto con pianoforte op. 47, Sonate per violino, Trii, quattro sinfonie e il Concerto in la minore per pianoforte e orchestra (1841-1845). 
Schumpeter, Joseph Alois (Triesch, Moravia 1883-Salisbury, Connecticut 1950) Economista austriaco. Tra le opere Teoria dello sviluppo economico (1912) e Capitalismo, socialismo e democrazia (1942). 
Schuschnigg, Kurt von (Riva del Garda 1897-Mutters 1966) Politico austriaco. Di ideologia cristiano-sociale, dal 1934 al 1938, dopo l'assassinio di Dollfuss, fu cancelliere. Hitler lo depose nel 1938 quando realizzò l'Anschluss. 
Schütz, Heinrich (Köstritz 1585-Dresda 1672) Compositore tedesco. Tra le opere madrigali, Symphoniae sacrae, oratori e passioni. 
Schwaner Catena montuosa dell'Indonesia, nel settore sudoccidentale dell'isola di Borneo. Vetta più elevata il monte Raja (2.278 m). 
Schwann, Theodor (Neuss 1810-Colonia 1881) Biologo tedesco. Studiò i meccanismi della fermentazione demolendo la teoria della generazione spontanea. Nel 1839 spiegò la teoria cellulare e descrisse il nevrilemma. Professore a Lovagno e a Liegi, scrisse Ricerche microscopiche sulla concordanza nella struttura e nello sviluppo degli animali e delle piante (1839). 
Schwartz, Laurent (Parigi 1915-) Matematico francese. Elaborò la teoria delle distribuzioni, illustrata nell'opera Thťorie des distributions (1950-1951). 
Schwartz, Melvin (New York 1932-) Fisico statunitense. Ha vinto il premio Nobel per la fisica assieme a L. Lederman e a J. Steinberger nel 1988 per le ricerche da loro effettuate sul neutrino negli anni '70. 
Schwartzkoppen, Maximilian (Potsdam 1850-Berlino 1917) Addetto militare presso l'ambasciata tedesca a Parigi, pubblicò un libro di memorie nelle quali rivelò di avere pilotato segretamente il noto affare Dreyfus (1894-1906). 
Schwarzenegger, Arnold (Graz 1947-) Attore cinematografico e culturista austriaco, naturalizzato americano. Interpretò Un autentico campione (1976), Conan il barbaro (1982), Predator (1987), Terminator (1985 e 1991), True Lies (1994), Junior (1995), Eraser-L'eliminatore (1996). 
Schwarzschild, Karl (Francoforte 1873-Potsdam 1916) Astronomo tedesco, si dedicò allo studio del campo gravitazionale di un punto a densità infinita, utile per comprendere la teoria dei buchi neri; si applicò anche al trasporto di energia nelle atmosfere delle stelle. Dietro suggerimento di A. Michelson fece uso di un interferometro per stabilire la misura dell'orbita delle stelle doppie; nel 1901 introdusse un obiettivo spettrografico per calcolare la velocità radiale delle stelle e la tecnica fotometrica nella costruzione dei cataloghi stellari. 
Raggio di Schwarzschild 
Raggio che un corpo celeste con massa M deve avere perché la sua velocità di fuga sia pari a quella della luce nel vuoto. Tali corpi vengono definiti buchi neri in quanto non emettono nessuna forma di radiazione o materia. 
Schwarzschild, Martin (Potsdam 1912-) Figlio di Karl, determinò la percentuale di elementi più pesanti dell'elio presenti nei diversi tipi di stelle, grazie allo studio della struttura stellare. 
Schweitzer, Albert (Kaiserberg, Alsazia 1875-Lambaréné, Gabon 1965) Teologo, musicologo e medico missionario tedesco. Nel 1913, dopo essersi laureato in teologia e in medicina, si trasferì a Lambaréné e vi fondò un ospedale e in seguito un lebbrosario. Per la sua opera umanitaria, nel 1953 fu insignito del premio Nobel per la pace. Tra gli scritti teologici La mistica dell'apostolo Paolo (1930). È autore anche di un saggio su J. S. Bach, J. S. Bach, il musicista poeta (1905). 
Schwerin Città (123.000 ab.) della Germania, sulla sponda sudoccidentale del lago omonimo. Capitale dello stato confederato di Meclemburgo-Pomerania Anteriore. 
Schwind, Moritz Ludwig von (Vienna 1804-Monaco 1871) Pittore austriaco. Tra le opere La cavalcata di Kuno von Falkenstein (1843-1844, Lipsia, Museum der Bildenden Künste) e Spiriti sopra le acque (ca. 1860, Monaco, Schackgalerie). 
Schwinger, Julian (New York 1918-Los Angeles 1994) Fisico statunitense. Diede importanti contributi alla fisica delle particelle elementari e nel 1965, con R. P. Feynmann e S. Tomonaga, fu insignito del premio Nobel. 
<< indice >>