Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

  

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

socialità, sf. invar. 1 La tendenza a vivere in società. 2 Le relazioni fra gli appartenenti a una società. 
socializzàre, v. v. tr. Sottrarre un bene, un'attività alla gestione privata per gestirla collettivamente. ~ collettivizzare. socializzare un'industria
v. intr. Intrattenere rapporti sociali. ~ comunicare. aveva delle tremende difficoltà a socializzare con il prossimo
socializzazióne, sm. L'effetto di socializzare. 
socialménte, avv. 1 In modo sociale. 2 In società. 
società, sf. 1 Insieme di individui che si è dato un'organizzazione e delle leggi per regolare i rapporti e le relazioni fra di essi. 2 Insieme di persone che si propongono un obiettivo comune da realizzare. 3 Ambiente. 4 In zoologia è l'insieme di animali di una stessa specie che vivono insieme. 
Società délle Nazióni Organismo internazionale con sede a Ginevra, il cui nome ufficiale è Société des Nations, SdN. Sorto nel 1919 durante la conferenza della Pace di Versailles, entrato in vigore nel 1920, vi aderirono quasi tutte le potenze del mondo. Il suo scopo era l'esclusione del ricorso alla guerra, il mantenimento di relazioni internazionali fondate sulla giustizia, l'osservanza rigorosa delle prescrizioni del diritto internazionale e dei trattati. Nato con grandi speranze evidenziò ben presto i suoi limiti consistenti nel privilegiare l'aspetto politico-diplomatico, ma soprattutto nella mancanza di un sistema di sanzioni capace di reprimere i comportamenti aggressivi e contrari alle norme istitutive. Per questo motivo furono numerosi i fallimenti e le defezioni dei regimi dittatoriali di Germania e Giappone (1933), Italia (1937), Ungheria e Spagna (1939). La seconda guerra mondiale segnò la fine dell'organizzazione, il cui scioglimento venne definito nel 1946. 
Società feudale, La Opera di storia di M. Bloch (1939-1940). 
Società industriale, La Opera di sociologia di R. Aron (1962). 
Società opulenta, La Opera di economia di J. K. Galbraith (1958). 
societàrio, agg. (pl.-i) Relativo a una società. 
sociévole, agg. 1 Che preferisce la compagnia degli altri. ~ cordiale, disponibile. <> scontroso. 2 Che tende a vivere in società. 
socievolézza, sf. L'essere socievole. 
socinianésimo, sm. Movimento teologico-morale elaborato da L. e F. Socini. Prendendo le mosse dal protestantesimo, giunge a un'interpretazione di stampo razionalista del cristianesimo, rifiuta ogni dogma non dimostrabile con la ragione, nega la trinità divina, la divinità di Cristo, la necessità della grazia. Fondato sullo spirito di tolleranza ha influito sul pensiero moderno ed è stato assimilato dall'illuminismo e dal deismo. Suo centro principale è stata la Polonia dove si chiamarono sociniani i componenti della chiesa dei frati Poloni. 
sociniàno, agg. e sm. agg. 1 Relativo al socinianesimo. 2 Di seguace del socinianesimo. 
sm. Seguace del socinianesimo. 
sòcio, sm. (pl. m. soci, pl. f. socie) 1 Membro, appartenente a una associazione. ~ adepto, aderente. 2 Appartenente a una società di carattere commerciale con diritto sugli utili. 3 Chi partecipa a una iniziativa con altre persone. 
Socio, Il Film thriller, americano (1993). Regia di Sidney Pollack. Interpreti: Tom Cruise, Gene Hackman, Jeanne Tripplehorn. Titolo originale: The Firm 
sociobiologìa, sf. sing. Studio del comportamento sociale degli esseri viventi. 
sociocrìtica, sf. Critica di tipo sociologico. 
socioculturàle, agg. Relativo a uno sviluppo sociale e culturale di un individuo. 
socioeconòmico, agg. (pl. m.-ci) Che riguarda fenomeni sociali e contemporaneamente economici. 
<< indice >>