Home page
Supìno Comune in provincia di Frosinone (4.749 ab., CAP 03019, TEL. 0775). 
suppellèttile, sf. L'insieme degli oggetti che formano l'arredamento di una stanza, abitazione ecc. 
suppergiù, avv. Pressappoco, circa. 
supplementàre, agg. 1 In supplemento a ciò che è regolare. 2 In geometria, di angolo che sommato a un altro forma un angolo piatto. 
suppleménto, sm. 1 Aggiunta, complemento, integrazione. supplemento a un quotidiano. 2 Sovrapprezzo. prese la multa per non avere fatto il supplemento rapido
Supplemento al viaggio di Bougainville Opera filosofica di D. Diderot (postuma 1796). 
supplènte, agg. e sm. agg. Che supplisce, sostituisce qualcuno nelle sue funzioni. 
sm. e sf. Chi sostituisce una persona nelle mansioni. 
supplènza, sf. Sostituzione temporanea di un titolare in un certo lavoro. 
suppletìvo, agg. 1 Che serve da integrazione, supplemento, aggiunta. 2 Che fornisce indicazioni per casi non esplicitamente contemplati. 
supplì, sm. invar. Crocchetta fritta nell'olio, composta da riso, formaggio, uova e carne tritata. 
sùpplica, sf. (pl.-che) 1 L'atto di supplicare. 2 Le parole dette supplicando. 3 Implorazione, richiesta. 
supplicànte, agg. e sm. agg. Che chiede supplica. 
sm. Chi supplica. 
supplicàre, v. tr. Pregare, implorare per ottenere qualcosa. ~ scongiurare, impetrare. 
supplicatòrio, agg. Simile a una supplica, nel genere o nel tono. ~ supplichevole. 
supplicazióne, sf. 1 Il supplicare. ~ supplica. 2 Scritto con il quale si chiedeva un favore a una persona potente o autorevole. ~ richiesta. 
sùpplice, agg., sm. e sf. agg. Supplichevole. ~ implorante. 
sm. e sf. Chi supplica. 
supplichévole, agg. Che supplica, che ha toni di supplica. 
Supplici, Le Tragedia di Euripide (421 a. C.). È una delle 19 tragedie di Euripide conservate (delle circa 90 attribuitegli). Le madri dei combattenti caduti a Tebe insieme a Polinice supplicano il re di Atene Teseo di intervenire sul re tebano Creonte che non vuole restituire i corpi dei loro figli. Anche il re di Argo, Adrasto, si unisce alla richiesta di intervento. Teseo si lascia convincere, batte i tebani e riporta in patria i sette morti. La moglie di uno dei caduti, Evadne, si getta sul rogo. L'opera è stata interpretata dai critici come un'esaltazione della democrazia di Atene. 
Supplici, Le 
Tragedia di Eschilo (463 a. C.). 
supplìre, v. v. tr. Sostituire temporaneamente. si trov˛ a supplire l'insegnante di latino
v. intr. Provvedere a colmare una mancanza. doveva supplire ai quelle lacune di storia
suppliziàre, v. tr. Sottoporre a supplizi, torturare.