Home page
tagliuzzàre, v. tr. Tagliare in tante piccole e minutissime parti. 
Tago Fiume principale della penisola Iberica lungo 1.007 km. Nasce in Spagna dalla Sierra de Albarracin, scorre nella Nuova Castiglia e bagna Toledo. Dopo aver attraversato l'Estremadura, entra in Portogallo, e in prossimità di Lisbona sfocia in un grande estuario che dà luogo alla vasta insenatura del mar de Palha nell'oceano Atlantico. Il fiume è navigabile soltanto a valle di Abrantes. Ha numerosi affluenti tra cui il Tiétar e l'Alagón (in Portogallo). Sia in Spagna che in Portogallo, lungo il suo corso, sono stati costruiti numerosi impianti idroelettrici. 
Tagore (Calcutta 1861-Jorasamko 1941) Nome anglicizzato di Rabindranath Thakur, scrittore, poeta, filosofo, naturalista e musicista indiano. La sua produzione in lingua bengali e in inglese è molto ampia e va dagli scritti filosofici a quelli politici e dai romanzi alle liriche e ai drammi. L'aspetto più incisivo della sua opera è quello riguardante la poetica che rivela un sapiente e magistrale uso del linguaggio. Ricevette il premio Nobel per la letteratura nel 1913. Fu anche l'autore dell'inno nazionale indiano. Tra le sue opere, La realizzazione del fine supremo (1913), il romanzo La casa e il mondo (1926), le liriche Offerta di canti: Gitanjali (1910), Il giardiniere (1913), La luna crescente (1915), i drammi Citra (1892), L'ufficio postale (1913), Il re della camera oscura (1914), Oleandri rossi (1924). 
Tagore, Rabindranath Thakur (Calcutta 1861-Jorasamko 1941) Pittore, musicista e scrittore indiano. Studiò diritto in Gran Bretagna e nel 1901 fondò una scuola per bambini a Santiniketan ove mettere in pratica i suoi dettami pedagogici basati su uno sviluppo armonico della personalità in ogni suo aspetto. Tra le sue opere numerosi sono i diari di viaggio e i drammi, come Citra (1892), Ufficio postale (1912). Scrisse anche raccolte di poesie come La luna crescente (1903-1904), Offerta di canti e Il giardiniere (1913). Espresse le sue concezioni filosofiche e religiose nel romanzo La casa e il mondo (1915-1916). La sua fama si estese in tutto il mondo poiché le sue opere furono tradotte dal bengali all'inglese. Come musicista compose l'inno nazionale indiano di cui fu autore anche delle parole. Ebbe il premio Nobel per la letteratura nel 1913. 
Taha, Husain (Maghagha, Minya 1889-Il Cairo 1973) Romanziere egiziano. Tra le opere I giorni (1929-1939) e In margine alla Siria (1933-1943). 
Tahat Cima principale del gruppo del Ahaggar, in Algeria centrale. Raggiunge 2.918 m di altezza. 
Tahiti La maggiore delle isole della Polinesia francese, nella quale si concentra oltre il 50% della popolazione della colonia, costituita da meticci, cinesi ed europei. Il clima è tropicale, con temperature molto elevate e abbondanti piogge che favoriscono lo sviluppo della vegetazione. Il territorio dell'isola è dominato da due apparati vulcanici dei quali il monte Orohena raggiunge i 2.240 m ed è segnato da profonde valli nelle quali scorrono fiumi di piccole dimensioni. Sviluppate l'agricoltura (con la produzione di ananas, cocco, canna da zucchero, palme), e la pesca (sia per l'alimentazione che per le ostriche perlifere che vengono esportate). Molto fiorente il turismo. La città di Papeete è il capoluogo (98.000 ab.). Altre città principali sono: Teahupo, Arue, Otutara, Mahaena ecc. Sede di un aeroporto. Avvistata dai portoghesi nel 1606, venne scoperta e occupata nel 1767 dagli inglesi che le diedero il nome di isola di re Giorgio III. Meta di moltissimi esploratori che vi sostavano durante le loro spedizioni (Bougainville 1768, Cook 1769, 1773, 1777), nel 1797 vi sbarcarono i primi coloni. Nel 1815 la popolazione fu convertita al cristianesimo dai pastori protestanti inglesi. Nel 1842 l'isola divenne protettorato francese e nel 1880 venne integrata negli Stabilimenti Francesi d'Oceania. Nel 1957 divenne poi Polinesia francese. 
tahitiàno, agg. e sm. agg. Relativo a Tahiti. 
sm. Abitante dell'isola di Tahiti. 
Tahoua Città (52.000 ab.) di Niger, capoluogo del dipartimento omonimo. 
Tai Chin Tai Wen-chin (Prima metà del XV sec.) Pittore cinese. Tra le opere Rotolo del pescatore (Washington, Freer Gallery of Art). 
Taiassùidi Famiglia di Mammiferi Artiodattili Suiformi cui appartengono i pecari. 
Taibón Agordìno Comune in provincia di Belluno (1.705 ab., CAP 32027, TEL. 0437). 
Taichung Città (756.000 ab.) di Taiwan, nella contea omonima. 
Tàide Etera ateniese. Amò prima Alessandro Magno e quindi Tolomeo Sotere, re d'Egitto. 
Taide 
Romanzo di A. France (1890). 
Taif Città (300.000 ab.) dell'Arabia Saudita, nell'Higiaz. 
tàiga, sf. Formazione vegetale rappresentata da foreste di betulle e conifere (pini, abeti, sequoie e larici). Si trova nelle regioni del nord Eurasia e dell'America settentrionale. È caratterizzata da zone acquitrinose e da un clima freddo umido. È limitata a nord dalla tundra. 
Taigèto Catena montuosa della Grecia, nel Peloponneso. Vetta più elevata il monte Elias (2.404 m). 
tail In informatica è il nome di un filtro del sistema operativo UNIX che copia sull'output standard il contenuto di un file a partire dalla posizione indicata fino alla fine dello stesso. 
tailandése => §thailandese§ 
Tailhade, Laurent (Tarbes 1854-Combs-la-Ville 1919) Scrittore francese. Tra le opere, Le jardin de rÍves (1880, Il giardino dei sogni), Terre latine (1898) e Les saisons et le jours (1917), in cui raccolse gli articoli scritti per la rivista Libertaire