Home page
tamburellìsta, sm. e sf. (pl.-isti) Chi pratica il gioco del tamburello. 
tamburèllo, sm. 1 In musica è uno strumento musicale costituito da una membrana tesa su di un cerchio in legno che porta fissati dei piccoli sonagli. Il suo uso è diffuso nella musica popolare spagnola e italiana. 2 Nello sport è un attrezzo costituito da un telaio ovale o circolare con diametro di 28 cm sul quale viene tesa una pelle di animale o una membrana sintetica o un reticolo di corde di budello. Impugnato grazie alla presenza di una cinghia in cuoio, serve a colpire una pallina di gomma (diametro 55 mm, peso 70 g) nel gioco omonimo. 3 Il gioco che utilizza la racchetta così fatta. 
Tamburi nella notte Dramma di B. Brecht (1922). 
tamburìno, sm. Chi suona il tamburo. 
tambùro, sm. 1 Strumento musicale a percussione. 2 Chi suona questo strumento. 3 Arnesi che riprendono la forma dello strumento musicale. 4 In architettura, struttura cilindrica o a forma di prisma di alcune cupole che raccorda la calotta alla base. 5 Parte cilindrica del fusto di una colonna. 6 In tecnologia, organo cilindrico rotante. 
Tamburo di latta, Il Romanzo di G. Grass (1959). 
tamerìce, sm. Angiosperma (Tamarix gallica) della famiglia delle Tamaricacee e dell'ordine delle Parietali. Arbusto con fiori di colore rosa. Cresce spontaneo nelle zone paludose. 
Tamerlàno (Kish 1336-Otrar 1405) Capo e condottiero dell'Asia Centrale. Appartenente alla tribù mongola dei Barlas, intraprese a partire dal 1360 una serie di operazioni di conquista di Persia, Mesopotamia, Armenia, Georgia, Anatolia e di parte di Siria e India nel tentativo di ricostruire l'impero mongolo di Gengis Khan. Elevò Samarcanda a capitale della Transoxiana e ne fece centro di cultura e arte. Durante la sua spedizione in Anatolia nel 1402 vinse e catturò in battaglia il sultano ottomano Bayazid I, spingendosi poi fino a Damasco e Smirne. Il suo impero venne rapidamente smantellato dopo la sua morte. 
Tamerlano 
Opera in tre atti di G. F. Händel, libretto di N. Haym (Londra, 1724). 
Tamerlano e altre poesie Opera di poesia di E. A. Poe (1827). 
Tamerlano il Grande Dramma di C. Marlowe (1587-1588). 
tamìa, sm. e sf. invar. Genere di Mammiferi Roditori (Tamias) simili agli scoiattoli. Il tamia striato (Tamias striatus) è lungo 25 cm ca. e ha pelame folto e fulvo. Vegetariano, vive in tane nell'America settentrionale. 
Tamias, sm. invar. Genere di Mammiferi Roditori Sciuromorfi detti comunemente tamia. Appartiene alla famiglia degli Sciuridi. 
Tamìgi Fiume della Gran Bretagna (secondo per lunghezza), lungo 338 km e con bacino imbrifero di circa 11.300 km2. Nasce dai Costwold Hills nel Gloucester e scorre nell'Inghilterra meridionale seguendo un percorso da ovest a est. È formato da quattro sorgenti: il Tamigi o Isis, il Churn, il Coln e il Leach. Inizia il suo tratto in pianura a Lechlade, riceve in prossimità di Oxford il Cherwell e bagna poi Windsor, Staines, Londra, Tilbury e Gravesend. Sfocia nel mare del Nord, con un lungo estuario che costituisce una delle più importanti vie di comunicazioni marittime del mondo. È in gran parte navigabile ed è collegato tramite una rete di canali ai bacini del Trend, del Severn e dell'Ouse. Il regime fluviale del Tamigi è regolare, i suoi affluenti di sinistra sono il Windrush, l'Evenlode, il Thame, il Cherwell, il Colne e il Roding; quelli di destra sono il Kennet, il Mole, il Darent e il Loddon. Storicamente il fiume è molto importante e già nel 55 a. C. i romani di Giulio Cesare penetrarono nella sua valle. Alla fine dell'VIII sec. fu la via di accesso per le invasioni vichinghe e nel medioevo la valle del Tamigi, diventata molto prospera, ospitò famose abbazie e importanti città (Windsor, Oxford). Principale riserva d'acqua potabile per le popolazioni ubicate lungo il suo percorso, a partire dal XIX sec., divenne tale anche per la città di Londra. I continui scarichi fognari e industriali resero le acque del fiume molto inquinate, finché nel 1963 severe norme antinquinamento consentirono di riportare le acque a una migliore qualità. 
tamìl, sm. e sf. invar. 1 Appartenente al gruppo etnico dell'isola di Ceylon. 2 Lingua parlata da questa popolazione. 
tamili Popolazione che occupa la parte meridionale e sudorientale dell'India e quella settentrionale dell'isola dello Sri Lanka. In prevalenza induista è considerata il gruppo più evoluto del ceppo dravidico. 
Tamm, Igor Evgenjevic (Vladivostok 1895-Mosca 1971) Fisico russo. Scoprì e interpretò l'effetto Cerenkov, in collaborazione con P. A. Cerenkov e I. M. Frank e nel 1958 fu insignito del premio Nobel. 
Tammàro Fiume (68 km) della Campania. Nasce nel Molise dai monti del Matese e confluisce nel fiume Calore. 
Tamoxifène, sm. invar. Farmaco ad attività antiestrogena utilizzato come antitumorale nei carcinomi estrogenoindipendenti come quello della mammella. 
Tampa Città (280.000 ab.) degli USA, nello stato della Florida. 
Tampere Città (174.000 ab.) della Finlandia, nella provincia di Hämeen, tra i laghi Näsi e Pyhä. Centro industriale della Finlandia (e seconda città per numero di abitanti), ha nelle industrie metalmeccaniche, calzaturiere, tessili, siderurgiche, della carta e della gomma, le principali risorse economiche.