Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)


Logo Blia.it

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

  

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

TU Sigla di Testo Unico. 
TU Sigla di Testo Unico. Tu vipera gentile Romanzo di M. Bellonci (1973). 
Tuamotu Arcipelago della Polinesia meridionale esteso su una superficie di 880 km2 e composta da circa 80 isole di natura corallina situate tra le isole Marchesi e le isole Tubuai. Assieme alle isole Gambier forma una circoscrizione amministrativa della Polinesia francese (12.000 ab.) Scoperto nel 1606 dal portoghese P. F. de Queirós, conobbe le stesse vicende storiche delle isole della Società. Tra le principali, Rangiroa, Maruroa, Fakarava e Manihi. 
tuàreg, o tuàregh, agg. e sm. agg. indecl. Relativo ad alla popolazione berbera dei Tuareg. 
sm. e sf. invar. Chi appartiene alla popolazione berbera che vive nel Sahara. 
Nomadi dediti principalmente all'allevamento di cammelli e cavalli, i tuareg vivono secondo un sistema di tipo feudale con classi differenziate. Hanno una propria lingua e una propria scrittura. Sono di religione islamica, ma hanno mantenuto alcuni elementi animistici. 
tuatàra, sm. Rettile (Sphenodon punctatus) della famiglia degli Sfenodontidi e dell'ordine dei Rincocefali. Dotato di cresta (il nome deriva dal maori tua=dorso e tara=spina), misura 70 cm di lunghezza. Vive nelle boscaglie della Nuova Zelanda. 
tùba, sf. 1 Strumento a fiato caratterizzato da un tubo che si ripiega più volte e termina allargandosi. ~ buccina, trombone. 2 Cappello a forma di cilindro. ~ tubino. 3 Tromba in bronzo usata in guerra o nelle cerimonie religiose presso gli antichi greci e romani. 
tubàre, v. intr. 1 Emettere un suono gutturale per brevi intervalli. 2 Sussurrare dolci parole all'innamorata. 
tubatùra, sf. Tubazione. ~ condotto, conduttura. 
tubazióne, sf. Il complesso dei tubi che trasporta e distribuisce un certo liquido. 
tuber cinereum, loc. sost. m. invar. Zona di sostanza grigia situata alla base del cervello, tra il chiasma ottico, le benderelle ottiche e i tubercoli mammillari. 
Tuberàli Ordine di Funghi Ascomiceti i cui corpi fruttiferi sono chiusi e sotterranei. 
tubercolàre, agg. Relativo alla tubercolosi. 
tubercolìde, o tuberculìde, sf. Dermatosi che si suppone possa essere legata alla tubercolosi. 
tubercolìna, sf. Estratto parziale o totale di bacilli tubercolari che viene usata per diagnosticare la presenza nell'uomo, nei bovini e negli animali da laboratorio di un'infezione tubercolare. 
tubèrcolo, sm. 1 Protuberanza ridotta che si trova sulla superficie di un corpo. 2 In botanica, rilievo tondeggiante posto sulla superficie di un organo. 3 In anatomia, la superficie rotondeggiante die molari. 4 In anatomia, piccola prominenza. 5 In medicina, lesione elementare della tubercolosi. 
tubercolosàrio, sm. (pl.-ari) Sanatorio per tubercolotici. 
tubercolòsi, sf. Malattia infettiva il cui agente, Mycobacterium tuberculosis, detto anche bacillo di Koch, è un batterio gram positivo, aerobio e acido resistente, che mostra una certa sensibilità alla luce e alle temperature di pastorizzazione, mentre può sopravvivere a basse temperature. La via di penetrazione del bacillo nell'organismo è rappresentata dalle vie respiratorie e dagli alimenti contaminati. In corrispondenza del punto di ingresso o di impianto primitivo si genera un focolaio primario con diffusione ai linfonodi regionali. Grazie alle reazioni immunitarie i bacilli possono rimanere confinati ai linfonodi e ivi restare latenti, ma un indebolimento delle difese può scatenare nuove infezioni. La tubercolosi generalmente interessa i polmoni (forma localizzata), ma nel caso in cui il bacillo entri in circolo, si può localizzare anche in altre sedi (pericardio, tubo digerente, epididimo, ossa, laringe ecc.) e dar luogo a forme ematogene acute generalizzate (tubercolosi miliare acuta). 
In veterinaria è la malattia sostenuta dal Mycobacterium tuberculosis che colpisce gli animali, in particolare i bovini e gli uccelli. La tubercolosi bovina desta preoccupazione per la possibilità che il germe infetti l'uomo attraverso il latte. Oggi il rigoroso controllo degli allevamenti e la pastorizzazione eseguita sul latte hanno quasi escluso la possibilità di una contaminazione tramite questa via. 
Malattia di alcune piante che si manifesta con rigonfiamenti e che è provocata da funghi o batteri. 
tubercolóso, agg. e sm. agg. Affetto da tubercolosi. 
sm. Chi è affetto da tubercolosi. 
tubercolòtico, agg. e sm. (pl. m.-ci) agg. 1 Relativo alla tubercolosi. 2 Affetto da tubercolosi. ~ tisico. 
sm. Chi è affetto da tubercolosi. 
<< indice >>