Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

Tumbes Città (74.000 ab.) del Per, sul fiume Río Tumbes. Capoluogo del dipartimento omonimo. 
tumefàre, v. v. tr. Far gonfiare. 
v. intr. pron. Farsi gonfio. 
tumefàtto, agg. Gonfio. ~ edematoso, ingrossato. <> riassorbito. 
tumefazióne, sf. Ingrossamento di qualche parte del corpo. ~ gonfiore. 
tumescènte, agg. Gonfio, tumefatto. 
tumescènza, sf. Rigonfiamento. 
tumidézza, sf. L'essere tumido. 
tùmido, agg. 1 Gonfio, pieno. ~ carnoso, turgido. <> sgonfio vuoto. 2 Relativo a uno stile ampolloso. 
Tumkur Città (109.000 ab.) dell'India, nello stato di Karnataka. Capoluogo del distretto omonimo. 
tumoràle, agg. Che è relativo a uno stato di crescita anormale delle cellule dei tessuti. 
tumóre, sm. Neoformazione di tessuto generato in seguito alla riproduzione di cellule modificate e anormali e caratterizzato da indifferenziazione e generazione a partire da un'unica cellula mutata (clonazione): la formazione si accresce in modo autonomo. I tumori possono essere benigni e maligni. I benigni si accrescono senza infiltrarsi in altri tessuti e rimangono pertanto localizzati e isolati da una capsula. Possono comprimere tessuti o organi e vengono pertanto in tal caso asportati chirurgicamente. Esempi ne sono i polipi, i papillomi, i fibromi, gli osteomi, i condromi. I tumori maligni sono formati da cellule molto differenziate da quelle dell'organo di provenienza, si accrescono in maniera incontrollata, invadono i tessuti circostanti e si propagano anche in distretti lontani (metastasi). Diffusi sono i carcinomi, i sarcomi, gli adenocarcinomi, le leucemie e i melanomi. Si indaga sulle cause scatenanti che non sono ancora state chiarite. Sono però stati individuati dei fattori predisponenti esogeni, che oggi sono ritenuti causa dell'80% dei tumori e che includono radiazioni ionizzanti, fumo, virus, errori alimentari, sostanze chimiche, e dei fattori endogeni, come predisposizione ereditaria, squilibri ormonali, deficienza delle difese immunitarie, invecchiamento. Comunque sono implicate azioni e stimoli che influenzano DNA e RNA nel nucleo cellulare, responsabili della riproduzione cellulare. Gli organi a incidenza tumorale più frequente sono polmoni, colon, stomaco, mammella, utero, prostata, pancreas, vescica e sangue (leucemia). Oltre all'intervento chirurgico, sono applicate la chemioterapia e la radioterapia. Nei paesi sviluppati i tumori sono una delle cause prime di mortalità, cedendo il primato solo alle malattie cardiovascolari. Il ramo della medicina che studia l'origine, gli sviluppi, la prevenzione e la cura dei tumori è l'oncologia. Il codice europeo contro il cancro (la cui prima versione risale al 1987) propone l'adozione di uno stile di vita sano per minimizzare la probabilità di contrarre tumori. I punti del codice prevedono di non fumare, moderare il consumo di alcolici, aumentare il consumo di verdura e frutta fresche, evitare l'eccesso di peso, aumentare l'attività fisica, diminuire il consumo dei grassi, evitare l'esposizione al sole, evitare l'esposizione alle sostanze conosciute come cancerogene, consultare un medico in caso di rigonfiamenti anomali, lesioni che tardano a guarire, nei che mutano forma o colore, emorragie, tosse persistente, perdita inspiegabile di peso e per le donne effettuare regolarmente uno striscio vaginale e controllare regolarmente il seno. 
tumulàre, agg. e v. agg. Relativo a un tumulo. 
v. tr. Seppellire, coprire con un tumulo. 
tumulazióne, sf. Seppellimento. 
tùmulo, sm. 1 Monumento che copre una sepoltura. 2 Ammassamento di terra che si forma naturalmente o che è fatto dall'uomo. 
tumùlto, sm. 1 Protesta popolare, manifestazione rumorosa di malcontento. ~ rivolta. 2 Grande confusione, disordine. <> calma. 3 Agitazione dovuta a sentimenti contrastanti. 
tumultuànte, agg., sm. e sf. agg. Che è in tumulto. 
sm. e sf. Chi è in tumulto. 
tumultuàre, v. intr. Manifestare rumorosamente la propria insoddisfazione. 
tumultuàrio, agg. (pl. m.-ari) Realizzato con velocità, con poca precisione e ordine. 
tumultuosaménte, avv. In modo tumultuoso. 
tumultuóso, agg. 1 Che è in tumulto, agitazione. 2 Che mostra contrasti di sentimenti. 
<< indice >>