Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

  

Novità del sito: Quotidiani d'epoca consultabili online

Valdélsa Valle della Toscana centrale, estesa tra le Colline Metallifere e la Valdarno inferiore. È attraversata dal fiume Elsa. 
Val-de-Marne Dipartimento (1.216.000 ab.) della Francia, nell'Île-de-France, a sud della confluenza del fiume Marna con la Senna. Comprende la parte sudorientale dell'agglomerato di Parigi e l'altopiano della Brie. Capoluogo Crétil. Territorio ricco di boschi. Le principali industrie presenti sono quelle chimiche, alimentari, tessili e automobilistiche. Sede dell'aeroporto di Orly. 
Valdemàro Nome di sovrani. 
Valdemaro I il Grande 
(Scheswig 1131-Vordingborg 1182) Re di Danimarca dal 1157, prevalse sui fratelli Canuto V e Sven III. Fu il fondatore di Copenaghen. 
Valdemaro II il Vittorioso 
(1170-Vordingborg 1241) Re di Danimarca dal 1202. Occupò lo Holstein, ma nel 1225 dovette cederlo ai baroni tedeschi. Occupò anche la Livonia e l'Estonia, avviandone la cristianizzazione. 
Valdemaro III il Giovane 
(1314-1364) Re di Danimarca dal 1326. Nel 1330 venne deposto da Cristoforo II. 
Valdemaro IV Atterdag 
(1320 ca.-1375) Re di Danimarca dal 1340. Fu protagonista di una politica di consolidamento della monarchia e di espansione nel Baltico, che però lo mise in opposizione con le città della Hansa e lo costrinse nel 1371 a firmare l'onerosa pace di Stralsunda. 
Valdéngo Comune in provincia di Biella (2.440 ab., CAP 13060, TEL. 015). 
Valdèrice Comune in provincia di Trapani (10.613 ab., CAP 91019, TEL. 0923). Centro agricolo (coltivazione di cereali, viti e olive), enologico, peschereccio e industriale (oleifici). Gli abitanti sono detti Valdericini
Valdés Leal, Juan de (Siviglia 1622-1690) Pittore spagnolo. Tra le opere Storie delle Clarisse (1653-1654, Siviglia, Museo) e Geroglifici della morte (1672, Siviglia, Hospital de la Caridad). 
Valdés, Juan de (Cuenca ca. 1490-Napoli 1541) Teologo spagnolo. Tra le opere Dialogo della dottrina cristiana (1529) e Alfabeto cristiano (1546). 
valdése, agg., sm. e sf. agg. Che appartiene al movimento religioso fondato dal P. Valdo. 
sm. e sf. Seguace della chiesa valdese. 
Aderente al movimento religioso medievale fondato dal mercante lionese Pietro Valdo (1146 ca.-1217 ca.), il quale nel 1174 donò tutti i suoi beni ai poveri e cominciò a predicare il Vangelo. Il movimento ereticale si diffuse rapidamente nella Francia meridionale (poveri di Lione) e successivamente nell'Italia settentrionale. Con l'adesione alla riforma protestante (sinodo di Cianforan, 1532) si diede una più precisa struttura interna, diventando una chiesa riformata fortemente influenzata dal calvinismo. I valdesi furono vittima della persecuzione della chiesa della controriforma. Nel 1980 la chiesa valdese si è integrata con la chiesa metodista italiana. Oggi i valdesi sono diffusi in Italia (circa 20.000 membri adulti), Francia, Germania e America latina. Costituiscono comunità locali che si riuniscono una volta all'anno in un sinodo. 
Valdidéntro Comune in provincia di Sondrio (3.708 ab., CAP 23038, TEL. 0342). 
Valdièri Comune in provincia di Cuneo (1.054 ab., CAP 12010, TEL. 0171). 
Valdìna Comune in provincia di Messina (1.292 ab., CAP 98040, TEL. 090). 
Valdisótto Comune in provincia di Sondrio (3.043 ab., CAP 23030, TEL. 0342). 
Valdivia, Pedro de (1500 ca.-1553) Conquistatore spagnolo. Lottò prima in Perú, quindi nel 1540 F. Pizarro lo mandò in Cile, dove fondò Conception, Valdivia e Santiago. Fu eletto governatore e morì per mano degli araucani, che in un primo momento era riuscito a respingere. 
Valdo, Piètro (1146?-1217?) Riformatore religioso francese e ricco mercante. Originario di Lione, dal 1174, dopo aver distribuito ai poveri i propri beni, si dedicò alla predicazione del Vangelo. 
Valdobbiàdene Comune in provincia di Treviso (10.748 ab., CAP 31049, TEL. 0423). Centro agricolo (coltivazione di viti), enologico, industriale (prodotti dell'abbigliamento e tessili) e turistico. Gli abitanti sono detti Valdobbiadensi
Val-d'Oise Dipartimento (1.050.000 ab.) della Francia, nell'Île-de-France, a nord di Parigi e del fiume Senna. È attraversata dal fiume Oise. Capoluogo Cergy-Pontoise. Principali risorse economiche sono l'agricoltura (cereali, ortaggi e frutta), l'allevamento (bovini) e le industrie alimentari, del cemento, chimiche, elettrotecniche e metalmeccaniche. 
valdostàno, agg. e sm. agg. Della Val d'Aosta. 
sm. 1 Abitante, nativo della Val d'Aosta. 2 Dialetto franco-provenzale parlato nella Val d'Aosta. 
Valdùggia Comune in provincia di Vercelli (2.416 ab., CAP 13018, TEL. 0163). 
vàle, inter. e sm. inter. latina Sta bene, voce di saluto usata come formula di commiato in fondo alle lettere, oggi usata in tono scherzoso. 
sm. L'ultimo addio. 
Valéggio Comune in provincia di Pavia (254 ab., CAP 27020, TEL. 0384). 
<< indice >>