Home page
Vita difficile, Una Film drammatico, italiano (1961). Regia di Dino Risi. Interpreti: Alberto Sordi, Lea Massari, Claudio Gora. 
Vita divina, La Opera di filosofia di G. Aurobindo (1950). 
Vita è bella, La Film tragicomico, italiano (1998). Regia di R. Benigni. Interpreti: R. Benigni, N. Braschi, G. Cantarini. 
Vita è meravigliosa, La Film fantastico, americano (1946). Regia di Frank Capra. Interpreti: James Stewart, Donna Reed, Henry Travers. Titolo originale: It's a Wonderful Life 
Vita e morte di Adria e dei suoi figli Romanzo di M. Bontempelli (1930). 
Vita e opinioni di Tristram Shandy Romanzo di L. Sterne (1760-1767). L'opera rappresenta un'autobiografia che il narratore inizia dalle circostanze nelle quali è stato concepito. In realtà, il libro è costituito quasi del tutto dalla descrizione del personaggio e da aneddoti nei quali Tristram descrive la sua famiglia e i suoi amici, e in particolare il padre, Walter, lo zio Tobia e il parroco Yorick. Il risultato è una parodia dell'ordine e della coerenza dei romanzi. Sterne è stato influenzato da scrittori satirici come F. Rabelais e J. Swift, mentre il libro è liberamente basato sulla teoria delle associazioni di idee di J. Locke. Gran parte del suo umorismo deriva dalle speciali associazioni che definiscono ciascun personaggio. 
Vita è sogno, La Dramma in versi di Pedro Calderón de la Barca (1635). Protagonista dell'opera è Sigismondo, figlio di Basilio re di Polonia. A Basilio lo studio delle stelle ha rivelato un futuro di malvagità e di tirannide che il padre è determinato a evitare. Perciò, mette in giro la voce che Sigismondo è morto e lo fa rinchiudere in una torre collocata in mezzo a montagne scoscese e inaccessibili. Sigismondo cresce selvaggio nell'isolamento. Prima di abdicare in favore dei nipoti, il re Basilio decide di mettere alla prova Sigismondo e lo fa portare narcotizzato a corte. La prova naturalmente fallisce perché Sigismondo è privo di cultura. Verrà ricondotto alla torre, sempre sotto l'effetto di narcotici. Quando si sveglia, crede che tutta la vicenda non sia stato altro che un sogno e conclude che tutta la vita è un sogno. Il dramma ha una conclusione relativamente lieta: quando il re abdica a favore dei nipoti, il popolo si solleva, libera Sigismondo che viene posto a capo degli insorti. Sigismondo sconfigge l'esercito del padre e poi si sottomette a lui. Verrà riconosciuto legittimo erede e nuovo sovrano di Polonia. Il dramma è considerato il capolavoro di Calderón. Nel corso dell'azione si verifica il passaggio dall'arbitrio alla legge, dalla prevalenza degli istinti alla vittoria della ragione. 
Vita in versi, La Opera di poesia di G. Giudici (1965). 
Vita nuova Prosa di Dante Alighieri (1292-1293). 
Vita per lo zar, Una Melodramma in tre atti e sei quadri di M. I. Glinka, libretto di G. F. Rosen (San Pietroburgo, 1836). 
Vita pericolosa, La Romanzo di B. Cendrars (1938). 
Vita privata di Sherlock Holmes, La Film commedia, britannico (1970). Regia di Billy Wilder. Interpreti: Robert Stephens, Colin Blakely, Irene Handl. Titolo originale: The Private Life of Sherlock Holmes 
Vita scritta da lui medesimo Autobiografia di P. Giannone (1736-1748). 
Vita sul Mississippi Romanzo di M. Twain (1883) 
Vita violenta, Una Romanzo di P. P. Pasolini (1959). Protagonista dell'opera è il giovane Tommaso Puzzilli, appartenente al sottoproletariato delle borgate romane e che frequenta il mondo ambiguo dei ragazzi sbandati della borgata di Pietralata. In seguito si dedica all'impegno politico nel Partito comunista. Durante un'alluvione che sommerge la borgata, Tommaso si adopera generosamente per salvare una donna rimasta isolata dall'acqua. In seguito a questa vicenda il ragazzo morirà per la ricomparsa della tubercolosi della quale aveva a suo tempo sofferto. L'opera fa parte del ciclo romano di Pasolini, insieme a Ragazzi di vita (1955) e Alý dagli occhi azzurri (1965). In armonia con l'intento realistico della narrazione, nel romanzo si fa ampio uso del dialetto romanesco o misto di residui dialettali meridionali (il libro riporta anche un glossario dei termini dialettali utilizzati dai personaggi). 
Vita, poesie e pensieri di G. Delorme Opera di poesia di Ch. A. de Sainte-Beuve (1829). 
Vita, Una Romanzo di G. de Maupassant (1883). 
Vita, Una 
Romanzo di I. Svevo (1892). 
Vita: istruzioni per l'uso, La Romanzo di G. Perec (1978). 
Vitàcee Famiglia di piante dell'ordine delle Ramnali, generalmente tropicali o subtropicali, con fusti rampicanti, foglie palmate e frutti a bocca. 
vitaiòlo, sm. Chi fa vita mondana. ~ viveur. <> morigerato.