Home page
Kaduna Città (318.000 ab.) della Nigeria, capoluogo dello stato omonimo. 
kafir, sm. invar. 1 Nel Corano, infedele. 2 Nella teologia islamica, musulmano eterodosso o individuo di opinione religiosa diversa. 
Kafka, Franz (Praga 1833-Vienna 1924) Scrittore ceco di lingua tedesca. Figlio di un commerciante ebreo benestante, mantenne saldo il legame con la cultura ebraica pur risentendo fortemente dell'influenza della cultura tedesca e slava. Il padre rappresentò nella sua vita una figura dura e ostile alla sua personalità artistica. La convinzione di non essere compreso, la pluralità di riferimenti culturali e infine la tubercolosi tracheale che lo minò nel corpo lo indussero a vivere in un profondo isolamento rispetto all'ambiente circostante. La sua produzione letteraria in vita comprende soltanto racconti come La metamorfosi (1915), La condanna (1916), Nella colonia penale (1919). I romanzi principali furono pubblicati postumi e incompiuti. Nel Processo (postumo, 1925) il protagonista, giudicato colpevole da un tribunale immaginario, deve subire la condanna senza poter conoscere le accuse. Nel Castello (postumo, 1926) l'uomo stesso è alla ricerca ossessiva della propria accusa e di una verità che non si può trovare se non nella morte. I temi ricorrenti nella sua opera riguardano il problema dell'incomprensione e dell'incomunicabilità e si sviluppano in un'atmosfera allucinata e costantemente permeata dal senso di una colpa ignota e di una condanna non comprensibile. Tra le altre opere, La costruzione della muraglia cinese (1918), America (postuma, 1927), Diari (postuma, 1925-1937), Lettere a Milena (postuma, 1952). 
kafkiàno, agg. 1 Relativo allo scrittore Franz Kafka. 2 Allucinante. ~ assurdo. 
Kafr el Sheikh Città (103.000 ab.) dell'Egitto, capoluogo del governatorato omonimo (1.972.000 ab.). 
Kafue Fiume (950 km) dello Zambia. Nasce nella provincia di North-Western e confluisce nello Zambesi. 
Kaganovic, Lazar' Moiseevic (Kabany 1893-Mosca 1991) Politico sovietico. Collaboratore di Stalin, fu vicepresidente del consiglio dal 1938 al 1957. Chruscëv lo sollevò da ogni incarico. 
Kagawa Prefettura (1.024.000 ab.) del Giappone, sull'isola di Shikoku. Capoluogo Takamatsu. 
Kagemusha (L'ombra del guerriero) Film drammatico, giapponese (1980). Regia di Akira Kurosawa. Interpreti: Tatsuya Nakadai, Tsutomu Yamazaki, Kenichi Hagawara. Titolo originale: Kagemusha 
Kagera Fiume (850 km) dell'Africa centro-orientale. Ha origine dall'unione dei fiumi Ruvuvu e Nyabarongo ed è immissario del lago Vittoria. 
Kagoshima Città (537.000 ab.) del Giappone, sull'isola di Kyushu. Capoluogo dell'omonima prefettura (1.787.000 ab.). 
Kahn, Louis (Saaremaa, Estonia 1901-New York 1974) Architetto statunitense. Tra le opere Yale University Art Gallery a New Haven (1951-1953) e Unitarian Church a Rochester (1959-1967). 
Kahn, Richard Ferdinand (Londra 1905-Cambridge 1989) Economista inglese. Nel 1931 fu il primo a esprimere la teoria del moltiplicatore. Scrisse L'occupazione e la crescita (1972). 
Kahraman Maras Città (229.000 ab.) della Turchia, nell'Anatolia centrale. Capoluogo della provincia omonima. 
Kahraman Maras 
Provincia (893.000 ab.) della Turchia, tra le catene del Tauro Orientale Esterno e Interno. 
Kai Arcipelago (75.000 ab.) dell'Indonesia, nelle Molucche. 
Kaifeng Città (508.000 ab.) della Cina, nella provincia di Honan. 
Kairouan Città (72.000 ab.) della Tunisia, capoluogo del governatorato omonimo (529.000 ab.), a 130 km da Tunisi. Mercato agricolo (olio, cereali e ortaggi), dell'allevamento ovino (lana e pelli) e della lavorazione artigianale di cuoio e tappeti. Sede di un aeroporto. Centro religioso dell'Islam, è meta di pellegrinaggi. Vi si trovano numerose moschee (Kairouan è detta città delle cento moschee), edifici arabi del IV sec. e scuole coraniche. 
kaiser, sm. invar. Titolo dell'imperatore tedesco. 
Kaiser, Georg (Magdeburgo 1878-Ascona 1945) Drammaturgo tedesco. Esponente dell'espressionismo, fu costretto a emigrare in Svizzera nel 1938 dopo essere stato messo al bando dal regime nazista. Nei suoi drammi lo sviluppo economico di tipo capitalista viene ritenuto responsabile della perdita di umanità nei rapporti sociali. I suoi personaggi sono riluttanti e ribelli nei confronti della morale comune, imposta da una borghesia ottusa e ipocrita. Tra le sue opere, I cittadini di Calais (1914), Dal mattino a mezzanotte (1916), Il soldato Tanaka (1940). 
kajal, sm. invar. Matita nera di consistenza cremosa che viene utilizzata per sottolineare il contorno degli occhi.