Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Accadimenti italiani sui quotidiani dell'epoca

  

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

 

Bankura Città (95.000 ab.) dell'India, nello stato del Bengala Occidentale, capoluogo del distretto omonimo. 
banlieue, sm. Nel medioevo era la giurisdizione cittadina sul territorio fino a una lega dalla città. Attualmente indica i sobborghi di una città. 
Bànnio Anzìno Comune in provincia di Verbano-Cusio-Ossola (619 ab., CAP 28032, TEL. 0324). 
bàno, sm. Titolo assegnato a quei dignitari croati che nel XII sec. erano posti al governo di un territorio chiamato banato. 
Bansk´ Bystrica Città (86.000 ab.) della Repubblica Slovacca, capoluogo della provincia della Slovacchia Centrale. 
Bànti, Ànna (Firenze 1895-Ronchi di Massa 1985) Pseudonimo di Lucia Lopresti. Scrittrice. Fu fondatrice della rivista Paragone, insieme al marito Roberto Longhi, critico d'arte, che ne assunse la direzione. Si occupò della redazione letteraria della rivista. Alla morte del marito, avvenuta nel 1970, Anna Banti gli succedette nella direzione. Paragone ha avuto il merito di valorizzare autori italiani come Pier Paolo Pasolini, Beppe Fenoglio e Carlo Emilio Gadda. Ha inoltre raccolto la collaborazione di critici di prestigio come Maria Corti e Cesare Segre. Il linguaggio della Banti tende a essere arduo ed estremamente raffinato; questo ha fatto sì che, nonostante i meriti letterari, anche le sue opere più riuscite non avessero un successo popolare. L'iniziale itinerario della memoria si è sviluppato, con la consueta attenta cura stilistica, in opere più ampie, fino all'analisi sofferta della propria vita, combattuta tra l'amore per il marito e la propria vocazione di studiosa e scrittrice. Tra i temi ricorrenti nei suoi numerosi lavori, sono da citare la lotta della donna contro un mondo dominato dagli uomini e la ricostruzione raffinata di ambienti storici e moderni. Significativo, a questo proposito è il romanzo Artemisia (1947) che rievoca la vita della pittrice Artemisia Gentileschi (1597-ca. 1652), una donna che per trovare la sua strada deve lottare contro i pregiudizi del tempo. Tra le opere di narrativa, Itinerario di Paolina (1937), Il coraggio delle donne (1940), Sette lune (1942), Le monache cantano (1943), Artemisia (1947; poi adattato per il teatro con il titolo Corte Savella nel 1960), Le donne muoiono (racconto, 1951), Il bastardo (1953), Allarme sul lago (1954), La monaca di Sciangai (racconto, 1957), Le mosche d'oro (1962), Campi Elisi (racconti, 1963), Noi credevamo (1969), Dittico mediceo (1973), La camicia bruciata (1973), Da un paese vicino (1975), Un grido lacerante (1981). Ai lavori di narrativa si affiancano una biografia di Matilde Serao (1966) e lavori di critica d'arte, tra cui le monografie su Lorenzo Lotto (1953), Fra' Angelico (1953), Diego Velásquez (1955) e Claude Monet (1956); si occupò anche di critica letteraria e cinematografica (Opinioni, 1961). 
Bànti, Guìdo (Montebicchieri 1852-Firenze 1925) Medico insigne, specializzato in patologia. 
Banting, Frederick Grant (Alliston 1891-acque di Terranova 1941) Fisiologo canadese. Gli è attribuita la scoperta dell'insulina e nel 1923 fu onorato con il premio Nobel. 
bàntu, o bantù, sm. Denominazione che designa sia un gruppo linguistico dell'Africa centromeridionale, sia i popoli stanziati al di sotto dell'equatore, parlanti gli oltre seicento dialetti che compongono la famiglia divisi in cinquantun gruppi, con l'esclusione di pigmei, boscimani e ottentotti. 
Banulescu, Stefan (Facaieni 1929-) Poeta e prosatore romeno. Tra le opere, Itinerario di campagna (1965), L'inverno degli uomini (1965), una raccolta di novelle, e Canti campestri (1968), raccolta di poesie a sfondo fantasioso, Il milionario (1977). 
banzai, inter. Esclamazione augurale giapponese che corrisponde all'italiano evviva. Divenne il grido di guerra dei soldati giapponesi durante la seconda guerra mondiale. 
Bànzi Comune in provincia di Potenza (1.903 ab., CAP 85010, TEL. 0971). 
Bao Dai (Hué 1913-1997) Imperatore dell'Annam dal 1925 al 1945, anno in cui proclamò l'indipendenza del paese con il nome di Vietnam e abdicò. Fu a capo dello stesso stato dal 1949 al 1955. 
baobàb, sm. Pianta arborea appartenente alla famiglia delle Bombacacee, tipiche piante tropicali dei climi aridi. Raggiunge dimensioni gigantesche, con tronco da 10 m circa di diametro. Originaria dell'Africa centrale, ha grande chioma e frutti commestibili, raggiungendo anche la ragguardevole età di 400 anni. 
Baoding Città (265.000 ab.) della Cina, nella provincia di Hebei. 
Baoji Città (180.000 ab.) della Cina, nella provincia di Shanxi. 
Baóne Comune in provincia di Padova (3.104 ab., CAP 35030, TEL. 0429). 
Baotou Città (984.000 ab.) della Cina, nella Mongolia Interna. 
Baqi, Mahmud Abdul (Istanbul 1526-1600) Poeta turco. Tra le opere Canzoniere
Baquba Città (115.000 ab.) dell'Iraq, capoluogo del governatorato di Diala. 
<< indice >>