Enciclopedia

Canti carnascialeschi (da carnasciale, carnevale) Raccolta di poesie di L. de' Medici (dopo il 1484). Si tratta di componimenti che venivano recitati nei cortei mascherati durante il carnevale nei secoli XV e XVI. Ogni canto si svolgeva su un soggetto quotidiano, ma, considerata l'occasione carnevalesca, venivano ricercati tutti i possibili doppi sensi erotici e spesso semplicemente osceni. La struttura metrica utilizzata era generalmente quella della ballata. 
Canti de l'isola, I Opera di poesia di B. Marin (1951). 
Canti dell'esperienza Opera di poesia di W. Blake (1794). 
Canti dell'infermità Opera di poesia di C. Rebora (1957). 
Canti dell'innocenza Opera di poesia di W. Blake (1789). 
Canti di Castelvecchio Opera di poesia di G. Pascoli (1903). 
Canti di Maldoror Opera di poesia del conte di Lautréamont (1869). 
Canti di Ossian Raccolta di poemi di J. Macpherson che comprende le opere Fingal e Temora (1765). 
Canti di Ossian 
ved. §Poesie di Ossian§ di Cesarotti 
Canti di vita e di speranza Opera di poesia di R. Dario (1905). 
Canti d'ombra Opera di poesia di L. S. Senghor (1945). 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)