Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

eziolàto, agg. Affetto da eziolamento. 
eziologìa, sf. 1 Parte della medicina che studia le cause delle malattie e delle disfunzioni. 2 Indagine sulle cause di un fenomeno. 
eziològico, agg. (pl. m.-ci) Che si riferisce all'eziologia. 
Ezralov, Daniel (Los Angeles 1956-) Coreografo e ballerino statunitense di origine russo-polacca. 
Ezzelìno III da Romàno (Onara 1194-Soncino 1259) Figlio di Ezzelino II da Romano, genero di Federico II, creò la signoria della Marca Trevigiana, comprendente Verona, Padova, Vicenza, Brescia e Trento. La sua crudeltà costrinse papa Innocenzo IV a scomunicarlo; capo del partito ghibellino, fu sconfitto dalla lega guelfa, comandata da Martino Della Torre, a Cassano d'Adda (1259). Ferito e catturato, fu portato a Soncino dove si lasciò morire. 

 
indice      
f, F Sesta lettera dell'alfabeto italiano, quarta delle consonanti. 
In chimica F è il simbolo del fluoro. 
In fisica F è il simbolo di farad; °F simbolo del grado Fahrenheit; costante di Faraday; funzione di Helmholtz; forza. 
In metrologia f è il simbolo di femto- 
In musica, nei paesi anglosassoni e tedeschi equivale alla nota fa secondo un'antica intavolatura musicale, tuttora in uso (sistema di Oddone di Cluny). Nei paesi anglosassoni e tedeschi, che per designare le note non hanno adottato le sillabe di Guido d'Arezzo, F equivale tuttora alla nota fa. In questi paesi, la F maiuscola può indicare la tonalità di fa maggiore, la f minuscola la tonalità di fa minore. 
Sigla automobilistica della Francia. 
In astronomia una delle dieci classi in cui vengono classificate, dall'osservatorio di Harvard, le stelle; quelle appartenenti a questo gruppo sono caratterizzate da una temperatura compresa tra i 6.000 e 8.000 °K e dal colore bianco. Hanno nel loro spettro le stesse righe H e K del calcio e magnesio ionizzati, tipici delle stelle A, anche se appartengono ad atomi neutri. 
fa, avv. e sm. avv. Indietro nel tempo contando da ora; prima d'ora (• cinque minuti fa). ~ or sono. 
sm. invar. Nome della quarta nota musicale della scala di do maggiore. Venne introdotta da Guido d'Arezzo nell'XI sec., al posto della lettera F, usata ancora nei paesi anglosassoni e tedeschi. 
fabbisógno, sm. Quanto occorre per un dato scopo. ~ occorrente. <> superfluo. 
Fàbbri, Agènore (Barba, Pistoia 1911-) Scultore. Tra le opere Piccolo pescatore (1937-1938, Milano, Galleria d'Arte Moderna). 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)