Enciclopedia

FEDERBRACCIANTI Sigla di Federazione Italiana dei Braccianti. 
FEDERCACCIA Sigla di Federazione Italiana della Caccia. 
FEDERCALCIO Sigla di Federazione Italiana del Gioco del Calcio. 
FEDERCONSORZI Sigla di Federazione Italiana dei Consorzi Agrari. 
federiciàno, agg. Relativo a un personaggio famoso che abbia nome Federico. Viene usato in particolare in relazione all'imperatore Federico II. 
federiciàno, agg. Relativo a un personaggio famoso che abbia nome Federico. Viene usato in particolare in relazione all'imperatore Federico II. 
Federìco da Monteféltro (Gubbio 1422-Ferrara 1482) Duca di Urbino, fu valido uomo di armi e prestò servizio presso molti signori italiani. Giocò un ruolo notevole nella politica del suo tempo, riuscendo anche a incrementare il proprio stato. Fece erigere il palazzo Ducale, opera del Laurana, organizzò una splendida biblioteca e fece della sua corte una delle migliori d'Italia. 
Federìco da Monteféltro (Gubbio 1422-Ferrara 1482) Duca di Urbino, fu valido uomo di armi e prestò servizio presso molti signori italiani. Giocò un ruolo notevole nella politica del suo tempo, riuscendo anche a incrementare il proprio stato. Fece erigere il palazzo Ducale, opera del Laurana, organizzò una splendida biblioteca e fece della sua corte una delle migliori d'Italia. 
Federìco Guglièlmo I di Prussia (Berlino 1688-Potsdam 1740) Figlio di Federico I gli succedette nel 1713. Rafforzò l'assolutismo monarchico, potenziò l'esercito e centralizzò l'amministrazione statale, cercando di porre rimedio al dissesto finanziario cagionato da guerre e carestie attraverso politiche mercantilistiche, un'azione di ripopolamento delle campagne e di incentivo alla produzione. Tutto ciò contribuì enormemente a costituire un potere accentrato e a far sì che la Prussia diventasse uno stato solido, che il figlio Federico II avrebbe trasformato in una grande potenza. 
Federìco I Barbaróssa (Waiblingen 1122-Cilicia 1190) Imperatore del Sacro Romano Impero e re di Germania, della casa dei Hohenstaufen; fu anche duca di Svevia dal 1147. Si dedicò a consolidare l'autorità centrale mediando i contrasti dei grandi feudatari tedeschi e ottenendone il sostegno. Grazie a questo e al favore della chiesa poté affrontare il problema italiano, dove l'autorità imperiale era in declino: distrutta Tortona e proclamata la prima dieta di Roncaglia, venne incoronato a Monza re d'Italia e quindi imperatore d'Italia e imperatore del Sacro Romano Impero a Pavia, nel 1155, da papa Adriano IV, dopo averlo aiutato contro Arnaldo da Brescia. Presto si staccò dal papato intraprendendo una politica volta a rivendicare la supremazia del potere imperiale su quello della chiesa e sui comuni (seconda dieta di Roncaglia, 1158). Sceso ancora in Italia nel 1163, distrusse Milano (1162), sottomise Novara, Cremona e Pavia e si scontrò con papa Alessandro III. L'appoggio dato dall'imperatore all'antipapa Vittore IV produsse lo scisma. Il papato fomentava le ribellioni dei comuni e pertanto Federico organizzò una seconda spedizione. Le leghe dei comuni si fusero con il giuramento di Pontida nella Lega lombarda, che sconfisse Federico a Legnano (1176) e lo costrinse a firmare la conciliazione con il papa (pace di Venezia, 1177), nonché la pace di Costanza del 1183, con la quale si riconosceva l'autorità comunale. Cercò di estendere la propria autorità nell'Italia meridionale tramite il matrimonio del figlio Enrico VI con Costanza d'Altavilla, erede del regno di Sicilia. Morì durante la terza crociata per la riconquista di Gerusalemme. 

Mastodon

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)