Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

Forlì, bócca di Valico (891 m) appenninico al confine tra Abruzzo e Molise. Collega le valli dei fiumi Sangro e Volturno. 
Forlimpòpoli Comune in provincia di Forlì (11.343 ab., CAP 47034, TEL. 0543). Centro agricolo (coltivazione di ortaggi, frutta, barbabietole e cereali), dell'allevamento e industriale (prodotti meccanici e alimentari). Vi si trovano la rocca, risalente al XIV-XV sec., e la collegiata di San Ruffillo, del XIV sec. Gli abitanti sono detti Forlimpopolesi
fórma, sf. 1 Aspetto esteriore di qualcosa; esteriorità. ~ apparenza. <> sostanza. 2 Configurazione che più cose assumono. ~ configurazione. 3 Al plurale, l'aspetto esteriore del corpo umano. 4 Le parti curve del corpo femminile. 5 Modo di essere e di comportarsi rispetto alle convezioni. ~ esteriorità. 6 Modo di scrivere, di esprimersi. ~ stile. 7 La modalità con cui un'azione deve essere compiuta. 8 Sorta. ~ tipo. 9 Modo di configurarsi di un'opera d'arte, contrapposto al contenuto. 10 Aspetto morfologico di una parola. 11 Struttura particolare e costitutiva. 12 Lavoro cavo di gesso per fondervi statue ecc. ~ stampo. 13 Supporto per modellare e tenere in forma scarpe, cappelli o altro. 14 L'apparecchio che produce i caratteri tipografici e l'insieme delle pagine che si trovano nel telaio della macchina pronta per la stampa. 15 Cerchio di legno in cui si mette il latte cagliato per fare il formaggio e il formaggio stesso. 16 Insieme di condizioni in cui si può trovare un atleta. 17 Stato fisico e psichico di una persona. 18 Struttura e ordinamento di una comunità. 19 Modalità di manifestazione di una malattia. 20 Forma algebrica. 
forma mentis, loc. sost. f. invar. Disposizione mentale a porsi nei confronti di cose, persone o questioni. 
formàbile, agg. Che si può formare. 
formaggiàio, sm. Chi fabbrica e vende formaggi. 
formaggièra, sf. Recipiente che contiene il formaggio grattugiato. 
formaggìno, sm. 1 Diminutivo di formaggio. 2 Formaggio molle confezionato in piccole forme. 
formàggio, sm. Alimento che si ottiene dalla coagulazione del latte di vacca, capra, pecora, bufala o misto, con caglio, fermenti e sale. Una loro classificazione può essere fatta, prendendo in considerazione il tasso di grassi in esso contenuti: possono essere grassi, semigrassi, magri; vengono distinti anche in relazione alla tecnica impiegata per la produzione: possono essere cotti, semicotti e crudi. Infine, anche il tempo di maturazione può influire sul carattere del formaggio, che può così essere fresco o stagionato. ~ cacio. 
formaldèide, sf. Gas di odore pungente e irritante, la cui formula è HCHO, che bolle a-19 °C e solidifica polimerizzando. Viene prodotto tramite ossidazione catalitica del metanolo e utilizzato nella preparazione di resine sintetiche, nell'industria della carta, del legno e dei coloranti. Le soluzioni acquose e alcoliche vengono impiegate come disinfettanti. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)