Enciclopedia

generóne, sm. Settore della borghesia che ostentava la propria ricchezza in gara con l'aristocrazia (XIX sec.). 
generosaménte, avv. In modo generoso. ~ altruisticamente, magnanimamente. <> ingenerosamente, avaramente. 
generosità, sf. 1 Magnanimità. ~ prodigalità. <> grettezza. 2 Liberalità. ~ mecenatismo. <> tirchieria. 3 Combattività, coraggio. ~ abnegazione. 
generóso, agg. 1 Che mostra altruismo. ~ magnanimo, nobile. <> ingeneroso. quel gesto generoso lo fece ben volere da tutti. 2 Ampio, ricco. ~ copioso. <> modesto. terra generosa nei raccolti. 3 Di atleta che gareggia con tenacia e grande forza di volontà. ~ combattivo. 4 Nobile per nascita e sentimenti. ~ prodigo. <> meschino. 
Generóso Monte (1.701 m) al confine italo-svizzero. Sulla sponda sudorientale del lago di Lugano. 
Generóso Monte (1.701 m) al confine italo-svizzero. Sulla sponda sudorientale del lago di Lugano. 
gènesi, sf. 1 Origine e nascita. ~ cosmogonia. 2 Formazione e sviluppo di qualche cosa. ~ generazione. <> fine. 
Genet, Jean (Parigi 1910-1986) Romanziere e scrittore francese, condusse una vita trasgressiva e drammatica; è proprio da questa esperienza che scaturirà la caratteristica fondamentale delle sue opere, ironiche e surreali e nelle quali l'assurdo si mescola alla realtà quotidiana. Tra le sue opere, Nostra Signora dei Fiori (1944), Diario del ladro (1949); i drammi, Le serve (1947), Il balcone (1956) e I negri (1958). 
genètica, sf. Branca delle scienze biologiche che studia le modalità di trasmissione dei caratteri ereditari da individui di una generazione ai loro figli, attraverso le informazioni contenute nei geni e trasmesse durante i processi di riproduzione. Creatore della genetica è da considerarsi Gregor Mendel (1866), le cui leggi riguardano l'unione tra individui della stessa specie che si differenziano per uno o più caratteri; ciò sarebbe dovuto ai geni, portati dai cromosomi e contenuti nelle cellule sessuali, che sono responsabili nella determinazione di un certo aspetto (allelo) di un carattere che viene ereditato dai discendenti. Dei due alleli dello stesso carattere, uno può trovare manifestazione nel fenotipo del discendente (allelo dominante), l'altro non compare (allelo recessivo), oppure si può avere un'eredità intermedia. Gli elementi dell'ereditarietà furono via via definiti, prima da Weismann (1892), poi da Sutton e infine da De Vries (1900) che scoprì le mutazioni. Gli studi genetici hanno compiuto notevoli passi in avanti, soprattutto in seguito alla scoperta della struttura del DNA, avvenuta nel 1953 a opera di Watson e Crick. La genetica ha consentito di migliorare culture e allevamenti; nel campo vegetale si è arrivati alla produzione di individui con corredo cromosomico multiplo (poliploidi) molto più resistenti degli individui normali. 
geneticaménte, avv. Per quanto riguarda la genetica. 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: info@blia.it
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)