Novità del sito: Elezioni politiche, i candidati (con relativo curriculum) del tuo collegio

Enciclopedia

madreperlàceo, agg. Fatto di madreperla, o somigliante a madreperla. ~ opalescente. 
madreperlàto, agg. Smalto da unghie, o altro cosmetico, con riflessi iridescenti. 
madrèpora, sf. Genere di celenterati antozoi esacoralli appartenenti all'ordine dei Madreporari, famiglia dei Madreporidi, artefici principali delle formazioni coralline. 
Madreporàri Ordine di celenterati antozoi esacoralli a cui appartengono diverse famiglie i cui individui, solitari o coloniali, hanno scheletri calcarei che si depositano sul fondo del mare dando origine a formazioni coralline (o madreporiche) massicce e compatte o di tipo arborescente, dai colori che vanno dal rosa brillante al verde scuro. 
madrepòrico, agg. (pl. m.-ci) Costituito da madrepore. 
madrevìte, sf. Arnese usato per filettare le viti. 
Madrid Città (3.110.000 ab.) capitale della Spagna e capoluogo della comunità autonoma omonima. Si trova a 655 m sul livello del mare, risultando la più alta capitale d'Europa, nella parte nord-ovest dell'altopiano della Nuova Castiglia: domina la valle del fiume Manzanarre. Centro politico e amministrativo, finanziario e culturale, è anche sede di industrie (del tabacco, dell'editoria, meccanica, calzaturiera, elettrotecnica, alimentare, chimica, dell'abbigliamento), importante centro commerciale e meta di turismo d'arte. Fu fondata nell'VIII sec. intorno a una fortezza araba (Magrit) e divenne capitale nel 1561, con Filippo II che vi trasferì la corte. I borboni le diedero l'assetto moderno. Fu occupata dall'esercito napoleonico nel 1808 e, nonostante l'insurrezione contro le truppe di G. Murat, fu liberata soltanto nel 1814. Durante la guerra civile spagnola (1936-1939), fu il centro della resistenza repubblicana contro i falangisti e ultimo baluardo ad arrendersi. Il centro cittadino (Puerta del Sol) e le direttrici principali (calles) fanno parte del nucleo originario. I principali monumenti sono: l'ospedale della Latina (1500), la chiesa di San Genesio, la casa dei Lujanes, la Plaza Major e il convento delle agostiniane, opere di Juan Gómez de Mora (XVII sec.), il convento benedettino di San Placido, le chiese barocche di Sant'Isidoro, San Francesco, San Pietro, San Girolamo, il monastero di Montserrat, il palazzo del Buen Retiro, il palazzo d'Oriente, già palazzo Reale, iniziato dall'architetto italiano F. Juvara, il museo del Prado, che ospita una ricchissima pinacoteca con opere di Goya, opere italiane e fiamminghe, e la Biblioteca Nazionale (1712). 
Provincia di Madrid 
Provincia coincidente con la regione omonima (4.948.000 ab.), che si estende dalla Sierra de Guadarrama al Tago: ricca di foreste, vive sull'agricoltura, l'allevamento, le cave per materiali da costruzione. 
Trattati e pace di Madrid 
Trattato del 1526: siglato il 14 gennaio 1526 tra l'imperatore Carlo V e il re di Francia, Francesco I, che, fatto prigioniero dopo la battaglia di Pavia, rinunciò alla Borgogna e ai diritti in Italia. Liberato, Francesco I riprese le ostilità, dopo aver dichiarato nullo il trattato. 
Trattato del 1733: pose termine alla guerra di successione della Polonia tra Francia, Piemonte e Spagna. 
Trattato del 1844: tra Cile e Spagna. La Spagna riconobbe il Cile come stato sovrano e indipendente. 
Pace del 1801: il Portogallo si impegnò a ripristinare gli scambi commerciali con la Francia e a chiudere l'accesso ai propri porti alle navi inglesi. 
madrigàle, sm. 1 Breve componimento poetico, di contenuto pastorale con schema metrico fisso e di origine popolare. 2 Componimento musicale polifonico. 
Il Petrarca nel XIV sec. portò il madrigale nella poesia colta. Nel rinascimento, la tradizione italiana si fuse con quella fiamminga, coniugando le immagini poetiche con il linguaggio delle note. 
In musica indica due tipi di composizioni differenti. Il primo tipo, sviluppato a Firenze nel XIV sec., è articolato in due strofe ripetute e in due o quattro versi che fungevano da ritornello. Il principale autore fu Francesco Landino. Dal XVI sec. in poi, il madrigale divenne più complesso e, per quanto esclusivamente vocale, fece largo uso di tecniche contrappuntistiche e polifoniche. I principali autori furono L. Marenzio, C. Gesualdo da Venosa, G. Gabrieli, William Byrd e C. Monteverdi 
madrigalésco, agg. (pl. m.-chi) Dotato di stile simile al madrigale. 
madrigalìsta, sm. (pl.-i) Autore di madrigali. 

Mastodon

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: info@blia.it
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)