Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

Enciclopedia

magnìfico, agg. (pl. m.-ci) 1 Che usa generosità. ~ generoso, magnanimo. 2 Titolo del rettore di università. 3 Relativo a cosa eccellente, grandiosa. ~ eccelso. <> bruttissimo. un magnifico affresco ornava la parete. 4 Lodevole. ~ pregevole. <> insignificante, ordinario. un magnifico comportamento
Magnifico cornuto, Il Dramma di F. Crommelynck (1921). 
magniloquènte, agg. 1 Che ha solennità di stile. ~ solenne. 2 Ampolloso. ~ retorico. <> lapidario. 
magniloquènza, sf. 1 L'essere fastoso. 2 Ampollosità. 
Magnitogorsk Città (445.000 ab.) della Russia, nella provincia di Celjabinsk, presso il fiume Ural. 
magnitùdine, sf. In astronomia è la grandezza che misura lo splendore di una stella o un astro. Il punto di riferimento per la scala delle magnitudini fu scelto da N. Pogson nel 1857, in modo tale che la stella Polare avesse magnitudine 2,12. Poiché non rappresenta la luminosità reale dell'astro, è anche detta magnitudine apparente, mentre la magnitudine assoluta è la magnitudine apparente che un astro avrebbe se si trovasse a 10 parsec (32,6 anni luce) dalla Terra. La scala delle magnitudini è logaritmica e, per definizione, due astri aventi differenza di magnitudine pari a 1 hanno un rapporto dell'intensità luminosa di 2.512. Così facendo un astro di magnitudine 1 è 100 volte più luminoso di un astro di magnitudine 6. Gli astri di magnitudine 6 sono quelli al limite di visibilità a occhio nudo. Oggi, con i più potenti telescopi è possibile osservare stelle o galassie con magnitudine 25m
La Luna ha una magnitudine di-12m,55. 
màgno, agg. 1 Grande. 2 La sala maggiore di un'università o simili. 
Màgno, Ain Zara (Alessandria d'Egitto 1913-) Scrittrice italiana. Tra le prime opere si segnalano Tempo d'estate (1933), con la quale si impose all'attenzione della critica, e Ritorno a Sinauen (1936). Al dopoguerra risalgono i suoi lavori migliori, Betelgeuse (1954) e Parole d'amore (1962). Si ricorda anche il lavoro in prosa Passioni (1938). 
magnòlia, sf. Genere di piante ornamentali arboree o arbustive della famiglia delle Magnoliacee. Spontanee in America centrosettentrionale e in Asia, sono caratterizzate da grandi fiori, dal profumo intenso, che possono comparire anche prima delle foglie. Particolarmente diffuse la Magnolia grandiflora e la Magnolia stellata. Sono utilizzate a scopo ornamentale e in profumeria. 
magnum, sm. e sf., invar. Oggetti caratterizzati da dimensioni superiori alla norma. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)