Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

mendàcio, sm. Bugia, menzogna. 
mendacità, sf. L'essere falso, mendace. 
Menda˝a de Neira, Álvaro de (1541-Santa Cruz 1595) Navigatore spagnolo. Nel 1568 scoprì le isole Salomone e nel 1595 l'arcipelago delle Marchesi. 
Mendàtica Comune in provincia di Imperia (271 ab., CAP 18025, TEL. 0183). 
Mendàtica Comune in provincia di Imperia (271 ab., CAP 18025, TEL. 0183). 
Mendeleev, Dmitrij Ivanovic (Tobolsk 1834-San Pietroburgo 1907) Chimico russo, si laureò all'Istituto pedagogico di San Pietroburgo, dove insegnò per alcuni anni e diede inizio alle proprie ricerche sulla densità delle sostanze chimiche. Trasferitosi nel 1859 a Heidelberg, proseguì i propri studi ed ebbe l'opportunità di incontrare Stalinslao Cannizzaro, chimico italiano impegnato nella ricerca delle relazioni esistenti tra il peso atomico e le altre proprietà dei singoli elementi. Nel 1863 ritornò a San Pietroburgo, dove insegnò chimica presso la locale università e, nel 1893, fu nominato direttore dell'Ente dei pesi e delle misure. Enunciò per primo la legge che lega le proprietà chimico-fisiche degli elementi alla periodicità del peso atomico (1869). Definì il sistema periodico degli elementi, arrivando a prevedere le caratteristiche di elementi scoperti solo più tardi. 
mendelèvio, sm. Elemento chimico artificiale di numero atomico 101 e peso atomico 257, fu identificato nel 1955 nel ciclotrone di Berkeley, bombardando atomi di einsteinio con ioni di elio. 
mendeliàno, agg. 1 Relativo all'ereditarietà indicata dalle leggi di Mendel. 2 Di carattere che sembra dipendere da un solo gene. 
mendelìsmo, sm. Teoria generale dell'ereditarietà secondo le leggi di Mendel. 
Mendelsohn, Erich (Allenstein, odierna Olsztyn 1887-San Francisco 1953) Architetto tedesco. Tra le opere la torre Einstein a Potsdam (1920-1924), Berliner Tageblatt a Berlino (1921-1923) e i magazzini Schocken a Stoccarda (1926). 
Mendelssohn, Bartholdy, Felix Jacob (Amburgo 1809-Lipsia 1847) Compositore, direttore d'orchestra e pianista tedesco. Educato alla musica sin dalla prima infanzia, fu uomo di profonda cultura e studioso della tradizione musicale, oltre che ottimo violinista e pianista. Cent'anni dopo la prima esecuzione di Lipsia, diresse nel 1829 la Passione secondo San Matteo di J. S. Bach. Restò al margine del movimento romantico, condividendone gli interessi naturalistici e la visione della musica come riflesso dell'animo, senza però immedesimarsi nelle ansie e nei tormenti tipici del romanticismo. Le opere principali sono le cinque sinfonie (in particolare la Scozzese, op. 56, 1842, l'Italiana, op. 90, 1833), le musiche di scena per il Sogno di una notte di mezza estate di W. Shakespeare (1842), il Concerto in mi minore per violino e orchestra, op. 64 (1844) e gli oratori Paulus ed Elias (1837-1846). 
Mendelssohn, Moses (Dessau 1729-Berlino 1786) Filosofo tedesco. Di famiglia israelita, fu tra i principali esponenti dell'illuminismo moderato. Difese la libertà di coscienza, sostenendo una religione basata sul senso comune e si dedicò alla divulgazione della cultura. Le opere principali sono i Dialoghi filosofici (1755), Sui principi fondamentali delle belle arti e delle scienze (1757), Sull'evidenza delle scienze metafisiche (1763) e Gerusalemme, o del potere religioso e l'ebraismo (1783). 
Menderes, Adnan (Aydin 1899-Isola di Imrali 1961) Politico turco. Nel 1945 fondò il Partito democratico, quindi dal 1950 al 1960 fu primo ministro, finché, destituito da un golpe, venne giustiziato. 
Mendes, Chico (Xapurí 1944-1988) Sindacalista brasiliano. Divenne un simbolo internazionale dell'impegno ambientalista per i suoi sforzi in difesa degli indios e della foresta amazzonica. Morì assassinato da un sicario dei latifondisti. 
Mendes, Murilo (Juiz de Fora, Minas Gerais 1901-Lisbona 1975) Poeta brasiliano. Tra le opere Poesia in panico (1938) e Tempo spagnolo (1959). 
Mendès-France, Pierre (Parigi 1907-1982) Politico francese. Di ideologia radical-socialista, fu presidente del consiglio dal 1954 al 1955; terminò l'intervento militare in Indocina e garantì alla Tunisia l'autonomia interna. 
mendesiàno, agg. Relativo all'antica città di Mendes. 
mendicànte, agg., sm. e sf. Che, o chi, vive di elemosine. ~ questuante. 
mendicàre, v. v. tr. 1 Elemosinare. ~ questuare. 2 Chiedere in modo insistente. ~ supplicare, implorare. non poteva passare la vita a mendicare favori dagli altri
v. intr. Chiedere l'elemosina. arriv˛ al punto di mendicare
Mendicìno Comune in provincia di Cosenza (6.418 ab., CAP 87040, TEL. 0984). 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)