Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

restauratóre, agg. e sm.(f.-trìce) Che, o chi, restaura. 
restaurazióne, sf.1 L'azione del restaurare. 2 Il ritorno al potere di dinastie o governi decaduti. 
Indica il periodo storico europeo che va dal 1815 (congresso di Vienna) al 1830, che vide il ripristino in Francia della dinastia borbonica dopo la rivoluzione francese e l'avventura napoleonica: in pratica fu il tentativo di annullare gli effetti delle due precedenti esperienze. Il termine applicato all'inizio alla sola Francia, si allargò poi a tutta l'Europa per definire il ritorno agli antichi regimi, un ritorno al passato che però non fu integrale ma che dovette tenere conto degli avvenimenti e dei cambiamenti legislativi, di costume, amministrativi, introdotti dai regimi rivoluzionari e napoleonico. Le monarchie della restaurazione rafforzarono la loro struttura a favore dei privilegi giuridici della nobiltà e della chiesa e in alcuni casi, come quello francese, consentirono l'introduzione di un regime costituzionale di tipo inglese. 
restàuro, sm.L'operazione del restaurare. 
Restif de la Bretonne, Nicolas(Sacy, Yonne 1734-Parigi 1806) Romanziere francese. Tra le opere Il contadino pervertito (1775) e Le notti di Parigi (1788-1794). 
restìo, agg.Relativo ad animale da soma che non vuol proseguire il cammino. ~ recalcitrante. <> favorevole. 
RestionàceeFamiglia di piante enantioblaste con circa trenta generi e 250 specie diffuse quasi esclusivamente all'emisfero meridionale. 
restituìbile, agg.Che si può restituire. 
restituìre, v. tr.1 Rendere qualcosa avuta in prestito. ~ ridare. restituire la parola data, sciogliere un impegno preso in precedenza. 2 Dare nuovamente. la presenza della sua ragazza gli restitú il sorriso. 3 Dare in cambio. ~ contraccambiare, ricambiare. 
restitutìvo, agg.Che ha la funzione di restituire. 
restitutóre, agg. e sm.(f.-trìce) Che, o chi, restituisce, ristabilisce qualcosa. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)