Enciclopedia

Robèrti, Èrcole de (Ferrara ca. 1450-1496) Pittore. Tra le opere Settembre (1470-1490, Ferrara, Palazzo Schifanoia) e Pala Portuense (1481, Milano, Brera). 
Robèrto (santi) Nome di santi. 
Roberto 
(1001-La Chaise-Dieu, Alvernia 1067) Monaco francese. Nel 1046, fondò l'abbazia La Chaise-Dieu (Casa di Dio). Fu canonizzato nel 1070 da papa Alessandro II. La sua festa si celebra il 17 aprile. 
Roberto di Molesmes 
(Champagne 1028-Molesmes, Borgogna ca. 1111) Abate francese. Fondò il monastero benedettino di Molesmes nel 1075, che lasciò quando la primitiva austerità si era indebolita. Con la fondazione del monastero di Citeaux nel 1098, ripristinò la regola benedettina originaria (riforma cistercense). Successivamente, su invito del papa, ritornò a Molesmes e applicò la stessa regola. La sua festa si celebra il 17 aprile. 
Robèrto (sovrani) Nome di sovrani. 
Francia Roberto I 
(865?-Soissons 923) Figlio di Roberto il Forte, salì al trono nel 922 e morì combattendo contro Carlo il Semplice, da lui spodestato. 
Roberto II il Pio 
(Orléans 970 ca.-Melun 1031) Figlio di Ugo Capeto, divenne re di Francia nel 996 e annetté al regno il ducato di Borgogna. 
Napoli Roberto I d'Angị il Saggio 
(1278-Napoli 1343) Figlio di Carlo II, fu re di Napoli dal 1309. Capeggiò le forze guelfe italiane, opponendosi alla spedizione di Enrico VII (1311-1313). Fu amante dell'arte e amico di Petrarca e Boccaccio. 
Scozia Roberto I Bruce 
(Turnberry 1274-Cardross 1329) Nobile scozzese. Re di Scozia dal 1306, batté Edoardo II a Bannockburn nel 1314 e nel 1328 venne riconosciuto re da Edoardo III. È eroe nazionale scozzese. 
Roberto II Stuart 
(1316-Dundonald 1390) Re di Scozia dal 1371, diede inizio alla dinastia degli Stuart. 
Roberto III Stuart 
(1340 ca.-Rothesay 1406) Figlio di Roberto II, gli succedette come re di Scozia nel 1390. 
Robèrto Bellarmìno (Montepulciano 1542-Roma 1621) Teologo, arcivescovo e cardinale. Santo. Nel 1560 entrò nella Compagnia di Gesù. Fu consacrato sacerdote nel 1568. Insegnò nell'università di Lovanio in Belgio dal 1569 al 1576; poi nel Collegio Romano a Roma (del quale fu rettore dal 1590). Nel 1599 fu nominato cardinale e nel 1602 arcivescovo di Capua. Il suo libro Disputationes de controversiis christianae fidei adversus huius temporis haereticos (Dispute e controversie della fede cristiana contro gli eretici contemporanei, 1586-1593 in 3 volumi) contiene le lezioni da lui tenute sulle tesi teologiche controverse. Tra le altre opere, il De potestate Summi Pontificis (Sula potestà del sommo Pontefice). Fu il massimo esponente della controriforma cattolica dopo il concilio di Trento. Partecipò per conto del Sant'Uffizio ai processi contro Giordano Bruno e Tommaso Campanella, e al primo processo contro Galileo Galilei (1615-1616). Le sue tesi mirano a rafforzare la chiesa come istituzione rigidamente centralista guidata dall'autorità di Roma. Fu canonizzato nel 1930 da papa Pio XI. La sua festa si celebra il 13 maggio. 
Roberto Devereux o il conte di Essex Tragedia lirica in tre atti di G. Donizetti, libretto di G. Cammarano (Napoli, 1837). 
Robèrto I il Diàvolo (1010 ca.-Nicea 1035) Duca di Normandia dal 1027, padre di Guglielmo il Conquistatore. 
Robèrto I il Guiscàrdo (1015-Cefalonia 1085) Duca di Puglia figlio di Tancredi d'Altavilla. Vassallo di papa Niccolò II, con gli accordi di Melfi acquisì i feudi dell'Italia meridionale (1059). Sconfitti i bizantini e i longobardi e conquistata la Sicilia, consolidò il nuovo stato normanno. Interruppe la spedizione contro i bizantini per correre in aiuto di papa Gregorio VII assediato da Enrico IV a Roma (1061). 
Robèrto II Cortacòscia (1054-Cardiff 1134) Duca di Normandia dal 1087 e figlio di Guglielmo il Conquistatore. Fu tra i capi della prima crociata e fu imprigionato nel 1106 dal fratello Enrico I d'Inghilterra. 
Roberto il Diavolo Opera in cinque atti di Meyerbeer, libretto E. Scribe e C. Delavigne (Parigi, 1831). 
Robèrto il Fòrte (?-866) Conte di Parigi e capostipite dei Robertingi. Fu marchese di Neustria; discendeva da una famiglia oriunda germanica che si era trasferita nella regione della Loira. Contrastò i normanni e morì in battaglia a Brissarthe. 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com (attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)